Passa ai contenuti principali

Riso pilaf con latte di cocco e mango

Ieri sera sono stata al cinema a vedere "Mangia prega ama", che dire, un film proprio americano, che rappresenta l'Italia e gli italiani con i suoi stereotipi e non ne coglie i lati più popolari, ma perché sarà finita proprio a Roma sta Julia Roberts?, mi chiedo io, con tutti i bei posti che ci sono e di gran lunga meno turistici... Non che non mi piaccia Roma, sia chiaro, è che abitando in una grande città, preferisco vivere realtà decisamente più a misura d'uomo, almeno quando son in vacanza. Comunque, a parte il film, che reputo una commediola che tenta di propinare pillole di saggezza in modo gratuito, mi sono vendicata con tutti coloro che di solito al cinema aprono pacchetti di patatine o popcorn e continuano a sgranocchiare imperterriti durante tutta la durata del film, bè, ieri mi sono messa a mangiare il sushi, per la precisione degli Uramaki con salmone e avocado, mmmm buonissimi, ormai è ufficiale, sono dipendente. Il film qualcosa di buono però l'ha avuta, oltre a Barden, si intende, mi ha fatto venir voglia di cibo un pò... etnico e quindi ho preparato il riso pilaf con latte di cocco e mango.
Quel mango stava nel cassetto del mio frigorifero da quasi 2 settimane, ieri ha cominciato a piangere e bussare alla porta, giusto perché mi accorgessi di lui. Poverino, non capisce che mangiato maturo al punto giusto sa dare enormi soddisfazioni, se il punto però è sbagliato non da un bel niente. Mi sa che era arrivata la sua ora ed è finito in pentola, insieme ad altre cosucce che avevo in dispensa.


















Ingredienti per 4 persone:
400 g di riso Thai
1 mango
1 scalogno
1 lattina di latte di cocco (per cucinare)
400 ml di acqua 
sale grosso
prezzemolo per guarnire

Affettare lo scalogno finemente e soffriggerlo per un paio di minuti con olio di oliva in una pentola che sia dotata di coperchio e che possa andare poi in forno.
Aggiungere il mango tagliato a piccoli tocchetti (tenerne da parte qualche pezzetto per guarnire) e far cuocere qualche minuto mescolando di frequente.
Aggiungere il riso e far tostare per un paio di minuti stando attenti a non farlo attaccare.
Versare il latte di cocco, la quantità di liquido deve esser doppia rispetto alla quantità di riso, aggiungere quindi l'acqua e portare velocemente ad ebollizione. Salare con il sale grosso.
Coprire la pentola e metterla nel forno preriscaldato a 180° per 20 minuti.
I chicchi di riso dovranno risultare ben sgranati e il liquido si dovrà completamente assorbire.
Versare nei piatti e guarnire con del prezzemolo tritato.

Più che riso pilaf potrei definirlo riso plof, dato che l'ho fatto con la metà delle dosi, di acqua ne ho aggiunta poca, perchè la latta era già da 400 ml e quindi il liquido si è asciugato poco nel forno, forse perchè troppo denso? chissà. Provare per credere. Comunque poco male, la cottura l'ho finita sui fornelli, per 5 minuti, come se fosse un risotto.
Il risultato è più che buono, i gusti insieme si amalgamano alla perfezione.

Commenti

  1. questa la provo di sicuro, adoro sia il mango che il cocco :)

    RispondiElimina
  2. Prova prova e poi mi dirai. Io lo dovrò rifare, sperando che non mi venga ancora riso plof invece che riso pilaf, però trattasi di esperimenti, ci sta :-)

    RispondiElimina
  3. beh io come sai salterò la parte in forno, poi ci diciamo com'è venuto :)

    RispondiElimina
  4. appena provato, e divorato :)
    non ho trovato il latte di cocco all'iper, quindi l'ho sostituito con il cocco grattugiato.
    è venuto buono, davide ha gradito, e io anche :)

    RispondiElimina
  5. Buono, buono, l'ho spazzolato tutto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo