Passa ai contenuti principali

E ciunfete nel pozzo

La ricetta dei gamberetti allo zenzero è un rifacimento di un piatto fatto in una trasmissione tv dalla mitica Lella Costa, ormai è qualche anno che lo preparo e piace piace piace. E' semplice, veloce e buonissimo, una mescolanza di sapori che si amalgano benissimo tra loro. Io ci ho abbinato una crema di ceci (il pozzo), che ha un gusto più neutro e fa ben risaltare i gamberetti.







Gamberetti pancetta e zenzero

Ingredienti per 4 persone:
12 gamberetti freschi
12 fette di pancetta
1 radice di zenzero fresca


Lavare e sgusciare i gamberi stando attenti a non togliere la coda, inciderli sulla schiena con un coltellino e rimuovere il filetto intestinale. Avvolgere ogni gamberetto in una fetta di pancetta, infilarne 3 in uno spiedino lungo e farli rosolare in un padellino senza l'aggiunta di condimenti, fino a che la pancetta non risulterà croccante. Disporre su un piatto e spolverare con abbondante zenzero appena grattugiato.

E ciunfete nel pozzo
Cirillo curiosone
aveva un gran nasone;
guardava dappertutto
non si fidava mai.
Pensava "in fondo al pozzo
dev'esserci qualcosa..."
e tutti i giorni andava
a curiosare un po'.
E ciunf!
E ciunf!
E tutti i giorni... ciunf!
E ciunfete... nel pozzo
con la testa all'ingiù!
Aiuto! Aiuto! Aiuto!
E il papà lo tira su.
col nasone - ne
gocciolone - ne
facendo glu - glu - glu...
Cirillo curiosone
giura non lo faccio più!
La mamma gli diceva
"attento a non bagnarti
perchè col raffreddore
il naso ingrosserà..."
E lui le prometteva
di non andare al pozzo
ma poi non resisteva
alla curiosità.
E ciunf!
E ciunf!
E tutti i giorni... ciunf!
  
Crema di ceci

Ingredienti per 6 persone:
250 g di ceci secchi
1 scalogno
1 spicchio di aglio
1 rametto di prezzemolo
qualche foglia di salvia
peperoncino fresco
olio extravergine di oliva

Sciacquare i ceci, metterli in una ciotola e coprirli di acqua fredda. Lasciar riposare per 8 ore.
Fare un soffritto con olio, aglio, scalogno tagliato a fette sottili, rosmarino, salvia e peperoncino (a piacere), aggiungere i ceci e ricoprirli di acqua.
Far cuocere a fuoco basso per 2 ore.
Frullare i ceci con la loro acqua di cottura, lasciandone qualcuno da parte per decorare il piatto, passarli in un passa verdure per eliminare le bucce più dure, servire con un goccio di olio crudo e un rametto di rosmarino fresco. Accompagnare la crema ai gamberetti con pancetta e zenzero.

Questa è una favola che mi raccontava sempre la mia mamma, penso di averla sfinita a furia di chiederle di raccontarmela, chissà  se se la ricorda ancora... 

O dammi il mio cece, o dammi la tua gallina
C'era una volta una donna che ventilava i ceci nell'aria. Passò un vecchio e disse:
-dammi un cece-.
La donna non volle darglielo ed il vecchio disse:
-Dio mio, fà soffiare un vento cosi forte da portarle via tutti i ceci-.
Spirò un vento fortissimo che fece volar via tutti i ceci.
Il vecchio riuscì a raccoglierne solo uno. Col cece in mano il vecchio andò da una donna e disse:
- Donna, mi tieni questo cece perchè devo sbrigare una commissione?-
La donna glielo fece lasciare ma dopo un pò una gallina si mangiò il cece. Quando ritornò il vecchio e sentì l'accaduto, incominciò a dire:
-O mi dai il mio cece o mi dai la tua gallina! -O mi dai il mio cece o mi dai la tua gallina! -
La povera donna dovette dargli la gallina.
Con la gallina in mano il vecchio andò da un'altra donna e disse:
-donna mi tieni questa gallina perchè devo sbrigare un servizio?-
La donna rispose di si e gliela fece lasciare. Ma dopo andò un maiale ed uccise la povera gallina.
Ritornato il vecchio e sentito l'accaduto incominciò a dire:
-O mi dai la mia gallina O mi dai il tuo maiale! O mi dai la mia gallina o mi dai il tuo maiale-
La povera donna dovette dargli il maiale.
Il vecchio lo prese ed andò da un'altra donna e le disse:
-Donna mi fai lasciare questo maiale nella tua stalla perchè devo sbrigare una commissione?-.
La donna glielo fece lasciare, ma nella stalla c'era un bel cavallo che con un calcio uccise il porco.
Quando il vecchio ritornò e sentì l'accaduto incominciò a dire:
-O mi dai il mio maiale o mi dai il tuo cavalluccio! -O mi dai il mio maiale o mi dai il tuo cavalluccio!-
La povera donna dovette dargli il cavalluccio.
Il vecchio con il cavallo andò da un'altra donna e disse:
-Donna mi tieni questo cavallo perchè devo sbrigare una commissione?-
La donna rispose di si ed il vecchio legò il cavallo davanti alla porta e se ne andó.
Quella donna aveva due figlie malate ed il medico le aveva detto che per guarirle dovevano mangiare bene. Ma la poveretta non possedeva nulla e non sapeva come fare.
Passò un giorno, ne passarono due ma il vecchio non veniva a prendersi il cavallo.
La donna allora lo fece uccidere e fece mangiare i figli.
Quando il vecchio tornò e sentì che gli avevano ucciso il cavallo incominciò a dire:
-O dammi il mio cavallo o dammi le tue bambine-.
La donna fu costretta a dargli le due figlie.
Il vecchio le mise in un sacchetto e andò da un'altra donna e le disse:
-Brava donna, mi tieni questo sacchetto che ho da sbrigare una faccenda?-.
-Lascialo qui- rispose la donna.
Dopo un po' le bambine cominciarono a piangere. Appena le sentì, le fece uscire dal sacchetto e le nascose in un cestone, mettendo nel sacchetto vuoto un cucumo con delle crepe ed un cane.
Al suo ritorno, il vecchio trovò il sacchetto come lui lo aveva lasciato. Lo prese, se lo mise sulle spalle e andò via. Lungo la strada si sentì tutto bagnato; pensò che le due bambine avessero fatto la pipì.
Tra sè e sè disse:
-Sul ponte faremo i conti con voi! Sul ponte faremo i conti con voi!-
Giunto al ponte, il vecchio buttò a terra il sacchetto dal quale uscì il cane che con un morso gli scippò il naso.
Allora il vecchio cominciò a gridare:
-Tie' quà, ciù ciù, pane e cacio e dammi il mio naso! Tie' quà, ciù ciù, pane e cacio e dammi il mio naso!-.

Commenti

  1. Ciao! La favola del cece me la raccontava anche mia nonna quando ero piccolo e tutt'ora le chiedo di raccontarla, mi piaceva la storia e come me la narrava con il suo smaccato accento pugliese! Grazie di averla postata :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo