Passa ai contenuti principali

Torta di pane al cacao e amarene

Ieri mattina, data la bellissima giornata di sole, sono andata in gita. Nonostante il sole, quasi tutta la Val Padana era sommersa nella nebbia, quindi abbiamo optato per Lecco e dintorni, così da non esser sommersi pure noi... se non dall'acqua del lago.
A Varenna ci ero già stata, ma è stata nuovamente una bellissima sorpresa, soprattutto perché è uno dei pochi gioielli, che non è stato cannibalizzato dal turismo di massa, che rende città e paesini tutti uguali. A Varenna non ho visto un solo negozietto di orribili souvenirs, non una bancarella di cose inutili sul lungo lago, solo dei piccoli negozi perfettamente integrati nel paesaggio.
Per il pranzo ci siamo spostati a Bellano, il paese dopo, dove nel pomeriggio avremmo visitato l'orrido.
Abbiamo trovato una carinissima enoteca, il negozio era appartenuto originariamente alla famiglia dell'attuale proprietario, per generazioni, era una merceria e l'arredamento è stato mantenuto tale e quale e riadattato all'uso. Gli scaffali adesso ospitano una vasta varietà di bottiglie di vino e i lunghi e ampi banconi, i frigoriferi, che ci sono, ma non si vedono. Il posto ci è piaciuto tanto, il tagliere di salumi e formaggi anche, per non parlare del vino, ma soprattutto la torta. Una semplicissima torta di pane al cioccolato, servita appena tiepida, con una spolverata di zucchero a velo e un cucchiaio di panna a lato... davvero buona. La ricetta non sono riuscita ad averla, nonostante la spiccata simpatia della proprietaria, ma mi sono stati detti, a grandi linee, gli ingredienti, io poi ci ho messo del mio, sperimentando un pò.


















Ingredienti per 10 persone:
350 g di pane raffermo
80 g di zucchero
30 g di nocciole
2 cucchiai di cacao amaro
1 lt di latte
1 uovo
amarene Fabbri in sciroppo

Mettere a bagno il pane nel latte, poi frullarlo per renderlo il più possibile omogeneo, aggiungere un uovo, il cacao, la granella di nocciole e lo zucchero (io ne ho aggiunto poco, i dolci mi piacciono poco dolci, ma si può arrivare anche a 100 g). Mettere il composto in una teglia da forno imburrata e infarinata (io oltre che alla torta ho fatto anche 4 tortini), cospargere con amarene e infornare per 50/60 minuti a 180°. Guarnire con sciroppo di amarene o zucchero a velo, a piacere.


Mi sono avvicinata solo un pò alla torta mangiata ieri, mi sa che per asaggiarla di nuovo dovrò tornare a Bellano.


Con questa ricetta partecipo al contest di Chiara e Angela del blog Sorelle in pentola, in collaborazione con Fabbri "Amarena amore mio"

Commenti

  1. bravaaaaa!!!! così si fa!!! non ti danno la ricetta? te la fai da te!!
    ahahah!!! bravissima, stupenda e buonissima

    RispondiElimina
  2. Grazie per la dritta... magari una delle prossime domeniche ci farò un salto da quelle parti! =)

    RispondiElimina
  3. Eh! Ho visto che ha fato bello...
    E io a lavorare... sigh.
    Ma è geniale o no sta torrina di pane?? Sembra un raffinatissimo dolce al cucchiaio!

    RispondiElimina
  4. la torta di pane è favolosa!!! si riesce a creare una delizia partendo dal pane raffermo.. la versione monoporzione è bellissima!!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao :) ho appena scoperto il tuo blog e da oggi farò parte della tua troupe :) !!!
    Il dolcino è davvero stupendo....fa venire davvero fame!! E anche la descrizione non è da meno :) taglieri di formaggi.....vino..... :)
    Cosa potrei usare come alternative all'amarene?

    RispondiElimina
  6. @Gaia:se ne vuoi una fettina, ti aspetto dopo il lavoro
    @Mari:sicuramente a Bellano non c'è tantissimo da vedere, a parte l'orrido e il lago, però se vuoi mangiare la torta di pane, vai di corsa all'enoteca
    @(parentesiculinaria) e Fabiana: grazie per il "raffinatissimo", pensate che i tortini li ho fatti perché il composto per lo stampo era già abbastanza :-P
    @Gegè84:grazie mille di esserti aggiunta. Nella ricetta originale le amarene non c'erano, sono una mia aggiunta, a me a Bellano è stata servita torta di pane al cacao con zucchero a velo, era strepitosa.

    RispondiElimina
  7. Ciao! Sono l'Oste della Malora, assente domenica a pranzo, quando hai visitato la Taverna Malanotte. Grazie per la citazione!
    Questo Blog è stato segnalato nella Fan Page ufficiale di Facebook. Complimenti! Continua così!

    Pietro

    http://www.facebook.com/tavernamalanotte?ref=ts

    RispondiElimina
  8. il tuo blog è veramente bellissimo, ma come mai lo scopro solo ora? mi sono unita ai tuoi sostenitori!ciao!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo