Passa ai contenuti principali

Risotto taleggio e pere

L'altro giorno ho fatto un bellissimo giro in Val Brembana, con tappa nel paese medievale di Cornello dei Tasso. Nella via del ritorno in Valle Imagna, siamo passati per la Val Taleggio (il giro delle 3 valli, carina sta cosa) e ovviamente non potevo esimermi dal comprare un pò di formaggio.
Ho comprato un taleggio stagionato, uno semi stagionato e un bel pezzo di strachitunt, che userò per fare una ricetta che ho già in mente da qualche giorno.
Siccome ero a casa dei genitori di Filippo, che appunto vivono in Valle Imagna, ho deciso di prendere un pezzo di buonissimo e autoctono strachitunt anche per loro, mi presento tutta sorridente con in mano il formaggio e cosa scopro? L'unica cosa che la mamma di Filippo proprio non tollera è lo stracchino, insieme al gorgonzola e al taleggio! 
Giusto per farvi capire la gaffe, vi metto la descrizione dello strachitunt trovata in Wikipedia: "Lo Strachitunt (detto anche Strachì Tunt, Strachitund o Stracchino rotondo) è un formaggio prodotto in numerose località della Val Brembana e soprattutto della Val TaleggioSi presenta come una varietà del gorgonzola... " e su un articolo tratto da L'Eco di Bergamo: "Lo strachitund è il tipico formaggio di montagna, prodotto artigianalmente con un metodo di lavorazione tradizionale: "E’ un prodotto a due paste - spiega Perolari - la cagliata della sera lasciata riposare fino alla mattina e mescolata poi con la cagliata fresca del mattino. Il gusto iniziale è quello del taleggio che si mischia però al gusto del gorgonzola che è dato dalla prima cagliata. Possiamo definire lo strachitund un formaggio figlio del taleggio e papà del gorgonzola" , diciamo che cosa peggiore per lei non la potevo trovare :-( adesso che lo so, sicuramente ci farò attenzione, anche se preparo qualcosa da mangiare per loro, in effetti però Filippo me lo poteva dire, no?
Comunque, nonostante la disavventura con lo strachitunt, io il taleggio, e tanto, a casa l'ho portato e questa è la prima ricetta che ci ho fatto.
Prometto che ce ne saranno delle altre, se non verrà finito prima :-P


















Ingredienti per 2 persone:
4 pugni di riso (+ 1 per la pentola, a piacere)
1 pera
80 g di Taleggio
1/2 lt. di brodo vegetale
1 scalogno
6 foglie di salvia
olio
vino bianco

Affettare finemente lo scalogno e farlo imbiondire, con le foglie di salvia, in olio evo. Aggiungere la pera, precedentemente sbucciata e tagliata a tocchetti, il riso e far tostare il tutto per un minuto, irrorare con il vino bianco. Quando il vino sarà completamente evaporato, iniziare a bagnare il riso con il brodo vegetale. A cottura ultimata, dopo circa 20 minuti, spegnere il fuoco e mantecare con il taleggio.
Decorare con qualche fetta di pera e foglia di salvia.

Commenti

  1. stai facendo dei golosissimi abbinamente che stuzzicano il mio appetito e la mia fantasia. brava Kika, sei formidabile!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo