Passa ai contenuti principali

Gnocchi di semolino alle ortiche e Castelmagno

Con la scusa di partecipare all'MTC alla fine sto imparando un sacco di cose, il mese scorso è stata la mia prima volta alle prese con il danubio e stavolta è toccato ad un'altra cosa che non avevo mai fatto, gli gnocchi di semolino. Ne ho sempre sentito tanto parlare, li ho sempre visti sul banco della rosticceria o del supermercato, ma non li avevo nemmeno mai assaggiati.
Oggi la mia migliore amica Steffi e suo marito Manuel sono venuti a pranzo, ho pensato che non ci fosse cosa migliore per iniziare il pasto. Una preparazione semplice e veloce, che si poteva preparare prima e sfornare al momento opportuno.
Dato che è primavera e i prati sono ancora pieni zeppi di ortiche, ne ho approfittato per fare una versione primaverile degli gnocchi, ieri son stata in giardino a mozzare un po' di teste e poi come non accompagnarli con dell'ottimo e costosissimo Castelmagno comprato la scorsa settimana in Piemonte?
La teglia è stata spazzolata in un nanosecondo, peccato, un paio per il pranzo di domani avrei voluto davvero che avanzassero :-P
In rosso gli ingredienti che ho variato dalla ricetta base di Stefania




















Ingredienti per 6 persone:

Per gli gnocchi:
250 g di semolino
100 g di cimette di ortiche
100 g di parmigiano grattugiato
20 g di burro
2 tuorli
1 lt di latte
sale
noce moscata
Per il condimento:
200 g di Castelmagno
latte q.b.
parmigiano

Mettere in una pentola capiente il latte, il sale e una grattata di noce moscata. Portare ad ebollizione e versarvi quindi il semolino a pioggia mescolando in continuazione. Aggiungere le ortiche, precedentemente sbollentate in acqua salata e tritate grossolanamente. Abbassare un po' il fuoco, e mescolare con forza finche' si otterra' un composto solido e compatto, che si stacchi dalla pentola.
Spegnere il fuoco e far intiepidire, quindi aggiungere i 2 tuorli, il parmigiano ed il burro. Aggiustare eventualmente di sale.
Mescolare con forza e versare il composto in una teglia coperta con carta forno bagnata e strizzata. Livellare con le mani bagnate fino ad appiattirlo ad uno spessore di 1 cm.
Tagliare quindi con uno stampino o un bicchiere gli gnocchi della dimensione preferita, ed adagiarli in una teglia imburrata, leggermente sovrapposti.
Far sciogliere il Catelmagno, tagliato a tocchetti, con un pò di latte versare sugli gnocchi e spolverare con abbondante parmigiano. Gratinare in forno per una decina di minuti.



Con questa ricetta partecipo all'MT Challange di aprile

Commenti

  1. che bell'idea con le ortiche.
    :)
    baciotti.
    io domani posto i miei (credo)

    RispondiElimina
  2. Anche se non ho mai osato dirlo apertamente, per paura di essere fraitesa, anche secondo me l'MTC è una specie di scuola: si imparano un sacco di cose, sia dalla ricetta in sè, sia dal confronto con gli altri. Lo spirito giusto è anche questo e questo è quello che intendiamo quando parliamo di "sfida con noi stessi": in fondo, ci mettiamo in gioco sperimentando quello che impariamo e spesso e volentieri son sali nel buio. Tutto ciò premesso, penso che ci sia moltissimo da imparare da questa tua ricetta, dal recupero dell'ortica all'abbinamento di un ingrediente povero con un formaggio di "gran nicchia" come il Castelmagno.Davvero un'accoppiata orginale e perfettamente bilanciata: e meno male che era la prima volta!
    Grazie per aver partecipato e buona serata
    ale

    RispondiElimina
  3. bellissima ricetta complimenti davvero!

    RispondiElimina
  4. MITICA!!!!! Kika, sei la migliorissima!!!!
    Un abbraccio gioia!

    RispondiElimina
  5. Ciao Kika, ma che meraviglia questi gnocchi! Io li adoro in tutti i modi, ma questi di semolino e ortica sono super! Grazie per la ricetta e complimenti!

    RispondiElimina
  6. Me li sto sognando, con il gusto del Castelmagno!

    RispondiElimina
  7. @Ele:non vedo l'ora di legger la tua ricetta, ora al lavoro non cazzeggio più, quindi non arriverò più in tempo reale :-P
    @Alessandra:ma che bel commento, grazie. Sicuramente continuerò a cimentarmi nell'MTC, sperando che la scuola continui :-P
    @Paola:tu sei di parte :-P
    @Stefania:devo mandartene un pò laggiù? o c'è il Castelmagno di cammello?Ma i cammelli fanno il latte?!

    RispondiElimina
  8. E' molto particolare come ricetta, sapori forti ma anche un piatto morbido.. già sò che lo adoro, mi salvo la pagina ^__^

    RispondiElimina
  9. Io ho sempre mangiato quelli fatti dalla mamma, che noi chiamiamo alla romana e sono molto semplici. I tuoi con l'aggiunta di tutta quelle cose buone devono essere molto saporiti. Fantasiosa KIKA!!!!

    RispondiElimina
  10. Pensa che oggi ho fatto pure io gli gnocchi di semolino, e poi ho raccolto pure le ortiche......;)
    Ma non li metterò insieme, e che facciamo la ricetta uguale? E no, non sia mai...e che sfida sarebbe ;)
    Bellissima ricetta comunque, mi piace molto, era una delle ie possibili versioni. Secondo me buonissima!
    Un bacione e tantissimi auguri di buona Pasqua. Smack

    RispondiElimina
  11. ciao Kika! Sono tornata a rivederei tuoi gnocchi, che mi avevano colpito quando li ho visti, e mi accorgo che nn lasciato un commento: MALE!
    sono bellissimi, soprattutto l'aver "osato" mettere un ingrediente nell'impasto; cosa che a me non veniva di "osare" invece tant'è, bravissima davvero!
    Oggi posto anch'io quelli che ho fatto (prima volta in assoluto) e mi riguarderò qualche altra proposta
    Bacione, carissima!
    (PS: quand'è che inizi il nuovo lavoro?)

    RispondiElimina
  12. mi sembrano la perfezione questi gnocchi!
    bravissima.
    lalexa

    RispondiElimina
  13. L’associazione per la promozione, valorizzazione, tutela della patata Piatlina e Ciarda delle Valli Occitane, che ha sede a Monterosso Grana, parteciperà con orgoglio all’importante manifestazione Castelmagno Fest che si terrà il 13-14 settembre prossimo.
    Sarà presente come stand e, innanzitutto, avrà la gentile collaborazione dell’attivissima Associazione Albergatori e Ristoratori della Valle Grana i quali proporranno, nei menù previsti per l’evento suddetto, i gnocchi prodotti con la tradizionale patata Ciarda (rossa) coltivata in Valle, naturalmente conditi con l'ottimo nostro Castelmagno. Una collaborazione molto importante per la valorizzazione, la promozione e lo sviluppo della pataticoltura tradizionale e di qualità delle nostri valli d’Oc.
    Per info: www.castelmagnofest.it-www.piatlinaeciarda.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo