Passa ai contenuti principali

Pesto di erba cipollina

La raccolta di stamattina è stata proficua, armate di coltello e una busta di plastica, io e Margherita siamo andate in giardino a caccia di cicorie selvatiche, (adesso sono a bagno nell'acqua, stasera verranno preparate da Lucia e seguirà un post dettagliatissimo su quello che cucinerà), un sacchettino di erba cipollina e del timo, che solo a sfregarlo con le mani emanava un profumo inebriante. E' stato bellissimo sedersi al sole, sul prato a chiacchierare, con le mani sporche di terra e gli insetti (ormai amici) sui vestiti, mi sono riconciliata con la natura e il mio umore ne ha tratto enormi benefici. Tutto si è rallentato in questi 2 giorni, ho abbandonato la vita frenetica della città, del lavoro, degli impegni quotidiani e ho trovato pace, una pace profumata e colorata, una pace fatta di cose inconsuete, che bisognerebbe fare più spesso, se la nostra quotidianità non ci imponesse di andare sempre di corsa. Restando in tema di rallentamento,  soffermiamoci sull'erba cipollina, ho deciso di farne un pesto, magari per condire della pasta o da mangiare in accompagnamento a carne, pesce o formaggi. 


















Ingredienti:
200 g di erba cipollina
50 g di nocciole
30 g di parmigiano
noce moscata
olio evo
sale

Raccogliere l'erba cipollina nel prato (passaggio fondamentale per la buona riuscita del pesto :-P), eliminare tutti fili rovinati e ingialliti, lavare con cura e asciugare bene (io li ho fatti asciugare su un foglio di giornale, al sole).

Frullare l'erba cipollina con l'olio, il parmigiano, le nocciole, precedentemente sgusciate, la noce moscata e il sale. 

Questa operazione potrebbe risultare assai complicata in quanto i fili sono duri a tritarsi e si avvolgono come rampicanti su per la lama del frullatore, magari tagliateli prima in piccoli pezzi, almeno il tutto sarà più semplice :-P (io ho dovuto lottare per estirparli, ancora un pò si insinuavano nel motore del Minipimer).

Adesso lo posso dire, il pesto di erba cipollina è una cosa meravigliosa, ci abbiamo semplicemente condito della pasta, ma che goduria... Vi immaginate voi il papà di Filippo che dice "L'è bu! L'è bu!"? Lo continuava a dire, che soddisfazione, non potete capire :-D

Commenti

  1. Chiaraaaaaaaaaa! Sto qui col fazzoletto in mano a leggere questo tuo racconto! Ma ma ma ma questo pesto erba cipollina/nocciola ma quanto buono è? Ma ma ma la foto che foto è????? Mi si vede che sei particolarmente ispirata questi giorni :-)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, siamo sempre di corsa, ogni tanto tutti dovremmo fermarci e goderci la natura!!!
    Ottimo il pesto di erba cipollina, voglio provare a farla anch'io!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  3. questo pesto mi ispira proprio brava simmy

    RispondiElimina
  4. Un'idea semplice e grandiosa come il momento che hai raccontato.
    E guarda che bella è!
    Altro che bamboo ritorto... :)

    RispondiElimina
  5. non ci avevo mai pensato a farci il pesto, eppure la uso spessissimo come erba. Kika e le foto sono meravigliose!
    :)
    baciotti

    RispondiElimina
  6. con le nocciole???? figo! voglio provarlo anche io

    RispondiElimina
  7. Chissà che delizia sarà queste pesto! Ha un look molto accattivante, con quelle nocciole poi..
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. Sembra davvero molto buono questo pesto, devo provarlo, ora che l'erba cipollina sta iniziando ad invadere il mio orto!
    Ciao!

    RispondiElimina
  9. Quanto mi piacerebbe in questo momento trasferirmi, anche per pochi giorni, lontano dalla città...
    Purtroppo non posso, ma programmerò una breve scampagnata giusto per raccogliere l'erba cipollina per provare il tuo pesto, deve essere buonissimo.
    Buona domenica Liz

    RispondiElimina
  10. deve esser buonissimo ^_^ complimenti anche per le foto!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo