Passa ai contenuti principali

Crostata bi-marmellata

E' ufficiale, è iniziata la mia decrescita felice!
Un po' di mesi fa ho guardato un bellissimo servizio di Geo&Geo, parlava della Tribù delle noci sonanti di Cupramontana (AN) (consiglio di guardare i video 1 e 2) e mi sono innamorata di questo stile di vita e della leggerezza (in senso buono) che questa famiglia ha nell'affrontare le cose di ogni giorno. Ovviamente per chi è nato in città, come me, ed è abituato ad ogni tipo di comodità, è difficile comprendere che si possa vivere in modo diverso da come facciamo ora, ma io penso che la decrescita sia la nostra unica via d'uscita.
Ecco, in questi giorni penso di aver fatto un piccolo passo per la mia decrescita. 


Ingredienti per 8/10 persone:
300 g di farina 00
150 g di burro 
150 g di zucchero
1 uovo e 1 tuorlo
1 limone
1 pizzico di sale
marmellata di fragole
marmellata di albicocche

Impastare la farina, lo zucchero, le uova, il sale e la scorza di un limone. Incorporare il burro a temperatura ambiente e lavorare fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo.
Avvolgere l'impasto in un foglio di pellicola per alimenti e lasciar riposare in frigorifero per mezzora.
Stendere 2/3 di pasta e foderare una tortiera, precedentemente imburrata e infarinata. 
Con la pasta rimasta formare tanti piccoli serpentelli di diverse lunghezze, porne uno esattamente al centro della torta, in modo che faccia da divisorio e spalmare la marmellata di fragole in una metà e quella di albicocche nell'altra (il gusto della marmellata può ovviamente essere quello che ognuno preferisce).
Decorare la superficie con gli altri serpentelli e infornare a 180°, fino a quando la crostata non sarà di un bel colore dorato.


Partecipo a:Con questa ricetta partecipo al contest di Annalù e Fabio del blog Assaggi di viaggio, "Cosa metto nel cestino?

Commenti

  1. ma che bella!!! che bella che bella!
    molto bella e interessante anche la tua riflessione.
    baci

    RispondiElimina
  2. buona questa crostata, è molto carina l'idea di usare 2 marmellate diverse!

    RispondiElimina
  3. Bella la tua riflessione, almeno quanto è bella questa crostata...:-P
    Credo che la decrescita alle volte serva anche a crescere, e lo dico seriamente ;-)
    Bacie grazie ancora per aver partecipato al nostro contest ^_^
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  4. Bella e profonda la tua riflessione. Fantastica la crostata. Le cose semplici restano sempre le migliori. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  5. ma che bello quel tavolo!
    Baciuzzi!

    RispondiElimina
  6. Interessante riflessione.
    E' giusto farle. Io trovo che l'ostacolo più difficile sia uscire da una ruota che gira. Quando tutto intorno va in un verso è così difficile remare in un altro senso...
    Ma bisogna pur farlo per cambiare qualcosa.
    La semplicità della tua crostata ben si addice al tono del tuo post. E poi bi-gusto è molto carina! :>

    RispondiElimina
  7. seguirò il tuo suggerimento e guarderò i video. grazie.
    beeeella la crostata bicolore :))

    RispondiElimina
  8. Ti dico che la tua crostata è ottima e mi vado a vedere il video! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  9. Abito in un paese dove non c'è nulla...solo anime che per studiare e lavorare o semplicemente fare la spesa si spostano in città, ma appena hanno finito...corrono in questo mondo dove regna il nulla...natura e lago...un sogno e io sono felice di tutta questa semplicità e genuinità che caratterizza anche la mia persona.
    Brava per la crostata... così hai accontentato i gusti di tutti! ciaoooo

    RispondiElimina
  10. Questa crostata è l'ideale quando si è indecisi sulla marmellata da utilizzare! Bell'idea! :)

    RispondiElimina
  11. Ovviamente il bi-gusto è perchè io, per un trauma infantile, non mangio la marmellata di albicocche e siccome è sempre la preferita di tutti, io mi son fatta la mia metà della torta :-P
    Li avete visti i video?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo