Passa ai contenuti principali

Lasagne zucca, ricotta e pancetta

Ecco in ritardo il post che doveva esser pubblicato ieri:

Un paio di settimane fa sono stata a cena dalla mia amica Gaia, le avevo portato i Fiori di maggio e lei invece aveva preparato i cannelloni più buoni del 2010, con zucca, ricotta, speck e tanta besciamella. Solo la sensazione di scoppiare mi ha impedito di riempirmi il piatto per le terza volta, ma il gusto prelibato di quei cannelloni, non me lo sono dimenticata.
In mattinata ero stata ispirata da Elena, con la sua ricetta mi aveva fatto venire una gran voglia di lasagne e le avrei volute fare anche io per cena e allora perché non finire la zucca avanzata (anche la pancetta) dagli Sformatini di zucca e broccoletti e non rifare i cannelloni di Gaia in versione lasagnosa? Qualcosina l'ho variata, anche perché tra i miei fornelli vige la regola di usare quel che il frigo comanda, quindi, anche se un po' di speck era presente, in quel momento la pancetta aveva la priorità su tutti gli insaccati.
Iniziamo con la preparazione, tiro fuori la confezione nuova nuova di uova dal frigo e uno subito decide di planare sul marmo, manco fosse stato appena sparato fuori dal culo della gallina (magari avessi le uova della Lucia... piccoline, gustose, con il tuorlo sempre integro, ma in città stavolta mi son dovuta accontentare delle Coccodì), raccolgo l'uovo, con pazienza, senza farmi esplodere le coronarie e inizio l'operazione di impasto (di uovo ne ho preso un altro).
Altro piccolo problemino con la besciamella oggi, che non ne voleva sapere di addensarsi, lo so, io tendenzialmente tendo ad usare poco burro e poca farina, perché la crema mi piace più leggera, perché già mangio la pasta all'uovo, figuriamoci se ci devo abbinare un condimento pesante e quindi lotto sempre con latte, burro e farina, perché raggiungano la giusta consistenza con il minimo sforzo... ma ce l'abbiamo fatta.
Poi non vuoi non mettere dei bellissimi e piccolissimi semi di zucca per decorare la superficie delle lasagne? Certo, soprattutto se hai una confezione di semi di zucca con il guscio, da spellare uno ad uno, con pazienza e perseveranza.
Alla fine ho fatto tutto, il risultato buono, ma non son riuscita, aihmé, ad eguagliare Gaia. Oggi le lasagne saranno servite anche per pranzo, sicuramente riscaldate avranno quel tocco in più e allora si che potrò dire di aver battuto la mia amica! hihihihi (se faccio così però poi non mi invita più a mangiare le sue leccornie... mmmmm)


















Ingredienti per 2 persone:
Per la pasta:
200 g di farina 00
2 uova
Per la farcitura:
300 g di zucca
250 g di ricotta
8 fette di pancetta (o speck)
2 cipollotti
3 foglie di salvia
olio
sale, pepe
Per la besciamella:
2 cucchiai di burro
2 cucchiai di farina 00
500 ml di latte
noce moscata
Per guarnire:
50 g di parmigiano 
1 manciata di semi di zucca

Mettere la farina a fontana su una spianatoia, aggiungere le uova e lavorare gli ingredienti fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. Con l'aiuto della macchina per stendere la pasta (io ho usato spessore 7), formare delle sfoglie della lunghezza della teglia da utilizzare.

Affettare finemente il cipollotto e farlo rosolare in olio, aggiungere la zucca, dopo averla tagliata a spicchi, eliminando i semi e i filamenti interni, averla infornata su una teglia coperta da carta da forno per una decina di minuti a 180°, aver separato la polpa dalla buccia e averla tagliata a dadini. Aggiungere la pancetta a pezzi e la salvia. Far ben insaporire con sale e pepe e cuocere per 5 minuti a fuoco basso, per far sciogliere il grasso della pancetta.
A fuoco spento aggiungere la ricotta e amalgamare bene.

Preparare la besciamella mettendo in un pentolino il burro e un cucchiaio di farina, scaldare a fuoco lento e mescolare continuamente con un cucchiaio di legno, fino ad ottenere una crema, aggiungere il latte e continuare a mescolare fino ad ottenere la consistenza desiderata. Salare e aggiungere un'abbondante grattata di noce moscata.

Coprire una teglia con uno strato di besciamella, posizionare uno strato di lasagne, la crema di zucca e ricotta, una spolverata di parmigiano e ancora besciamella. Continuare ad alternare gli ingredienti, lasciando l'ultimo di besciamella. Spolverare con abbondante parmigiano, noce moscata e cospargere di semi di zucca tostati.
Infornare a 180° per 20 minuti. Per farsì che venga una bella crosticina croccante e dorata, passare sotto il grill per un paio di minuti, a fine cottura.

Commenti

  1. hahahahah!!! che soddisfazione l'approvazione della mia amica supercuoca!
    :)

    RispondiElimina
  2. Ecco, ero rimasta con la curiosità di sapere come ti fossero venute le lasagne con la zucca e da quello che vedo il risultato è fantastico! Mi fa letteralmente impazzire l'idea dei semi della zucca nella pasta!! Brava Kika.. ma solo una curiosità.. come hai fatto a non mangiare prima i semini uno ad uno.. a me finisce sempre così :))
    Un bacio e buon weekend

    RispondiElimina
  3. upendo piatto. eccezionale, me lo mangerei tutto e farei anche il bis. brava Kika!

    RispondiElimina
  4. Deve essere vermante buona! Io adoro la zucca! =)

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia queste lasagne! Da far venire l'acquolina a chiunque. Bravissima!!

    RispondiElimina
  6. ch che buone, devono essere sfiziosissime! tanti auguri :)

    RispondiElimina
  7. Devono essere deliziose, ho un debole per la zucca :D! Ricambio con affetto i tuoi auguri, buone feste e un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo