Passa ai contenuti principali

Torta agli amaretti e cioccolato

Qualche settimana fà mi è capitato di assaggiare una fetta di questa torta, quasi per caso. Giuro che non ne avevo mai mangiate di così buone.
Adoro gli amaretti, adoro il cioccolato e ad esser sincera uso spesso questi 2 ingredienti in abbinamento, questa torta però aveva davvero qualcosa in più, una morbidezza sorprendente, un'armonia tra gli ingredienti, che mi ha letteralmente lasciata senza parole.
La volevo assolutamente rifare e nonostante gli ingredienti utilizzati fossero facilmente identificabili, era il procedimento segreto a mancare. 
Qui è arrivata subito la delusione, la signora Giovanna, che ha fatto la torta, solitamente non da in giro le sue ricette :-( e io la posso pure capire, ma in questo caso la dovevo avere, assolutamente.
Non so se è stata stordita completamente dai miei complimenti e esausta non ha potuto che cedere, oppure se ha deciso semplicemente di farmi questo immenso regalo, fatto sta che la ricetta sono riuscita ad averla (grazie anche a Margherita), con tanto di brevi commenti sulle dosi che lei ha variato da quella originale e un ditino, venuto per sbaglio nella fotocopia, che mi guarda sorridente.

Ecco la ricetta di questa torta davvero magnifica.

















Ingredienti per 10 persone (o per me sola, vista la bontà):
125 g di farina
100 g di amaretti
180 g di burro
180 g di zucchero
100 g di cioccolato fondente
4 uova
zucchero a velo

Lavorare bene in una terrina il burro e lo zucchero e, quando sarà diventato spumoso, unire i tuorli e lavorare per una decina di minuti, versando poco alla volta la farina e gli amaretti, precedentemente sbriciolati finemente. Lavorare ancora a lungo e unire al composto il cioccolato a pezzetti e gli albumi montati a neve ben ferma, utilizzando una spatola e stando attenti a non smontare il tutto.
Imburrare una teglia e cospargerla con poca farina, facendola aderire su tutta la superficie, versarvi il composto e cuocere in forno, preriscaldato a 180°, per 35/40 minuti, badando bene di non aprirlo prima che siano passati almeno 20 minuti.
Quando il dolce sarà cotto, sformarlo e ricoprirlo di zucchero a velo, a piacere.

Facendo un bilancio, dopo aver assaggiato la torta fatta da me, farei un paio di appunti:
- l'impasto deve esser lavorato davvero molto a lungo, in modo che la torta incameri aria e si gonfi ben bene nel forno,
- personalmente utilizzerei meno zucchero, la versione che ho assaggiato in precedenza, mi sembrava molto meno dolce e comunque la mia lo era troppo (amaretti zuccherati, zucchero semolato, zucchero a velo...)
- il dolce, dopo la cottura, lo lascerei un pò nel forno con lo sportellino semi aperto, in modo che non si sgonfi. Il mio ha perso un pò di volume. la prossima volta andrà meglio.

Con questa ricetta partecipo al contest di Claudia di Mon petit bistrò "Le merende... del bistrò"

Una fetta di torta l'accompagno rigorosamente ad un bicchiere di latte freddo.

Commenti

  1. Proprio buona davvero! Anche io uso spesso gli amaretti, ma ti confesso non spesso in associazione con il cioccolato! Ecco uno spunto interessante! Prendo nota..
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. buonissima dev'essere e te lo dice qualcuno che non ama gli amaretti!
    un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo