Passa ai contenuti principali

Riso Venere alla melagrana su vellutata di rapa viola

Meno male che c'è Tiziana, a prestarmi qualche piattino colorato, altrimenti nella mia cucina impererebbe il beige, che ha una sua logica, essendo la cucina wengè e bordeaux, ma non quando i piatti devono mettersi in posa davanti all'obiettivo della mia macchina fotografica.
E quindi questo piatto, anche se lei non lo ha mangiato, glielo dedico.

Ho scoperto la rapa! Fino ad ora l'avevo mangiata solo cruda, quella che ti mettono i giapponesi nel piatto del sushi, quella che a fine pasto, anche se sarebbe solo una decorazione, finisce dritta dritta a farsi il bagnetto nella soia con tanto di wasabi.
L'altro giorno ero al supermercato e, avendo 7 euro di ticket da spendere (e spesa nel carrello solo per 6), mi sono soffermata parecchio al banco della verdura, per scegliere qualcosa di un pò sfizioso, di nuovo. E la mia scelta è caduta su delle bellissime rape viola, che costavano giusto giusto l'euro che mi mancava e che, soprattutto, erano una cosa totalmente nuova. E dato il periodo di spiccata creatività, mi son lasciata tentare dall'ignoto.
Poi il mio capo si è presentato in ufficio con un sacchetto pieno di bellissime melagrane raccolte dal suo albero. Lo scorso anno le ho fatte seccare (sono ancora in bella vista sulla mia penisola), questa volta ho deciso di mangiarle e la scelta è stata super azzeccata, mentre le sgranavo mi sembrava di toccare delle pietre preziose, rubini dal colore vivissimo... 
la pietra perfetta da donare a Venere...

Ingredienti per 2 persone:
Per il riso:
150 g di Riso Venere
1 melagrana
20 g di parmigiano
Per la vellutata:
1/2 scalogno
3 rape
olio evo q.b.
sale, pepe


Lavare bene il riso, e farlo bollire in acqua salata per 35/40 minuti.
Nel frattempo sbucciare la rapa e affettarla sottilmente con un coltello o utilizzando il pelapatate.
Far imbiondire lo scalogno in un tegame, aggiungere la rapa, il sale e far stufare con il coperchio per 30 minuti.
Intanto che cuoce il riso, sgranare la melagrana e passare i chicchi nel passaverdure, per ricavarne il succo, tenendone alcuni da parte per guarnire il piatto. 
Quando il riso sarà cotto, scolarlo e metterlo in un altro tegame, aggiungere il succo della melagrana e cuocere finché il succo non sarà completamente evaporato. Spegnere il fuoco e aggiungere il parmigiano, mescolando bene.
Frullare la rapa con il minipimer, aggiungendo il pepe e un goccio di olio.
Stendere nel piatto la vellutata ottenuta e adagiarci sopra il riso e guarnire con i chicchi di melagrana.

Ah che abbinamento, sono proprio soddisfatta!
La rapa viola, che poi è viola solo esternamente, ma bianchissima al suo interno,  si sposa benissimo con il dolce della melagrana e con il gusto "selvaggio" del riso nero.
Buono buono!

Commenti

  1. sembra ottimo, come tutte le tue ricettini. brava chiara!

    RispondiElimina
  2. questo era il migliore della tripletta di ieri sera.peccato non averlo oggi nella schisceta a pranzo :( Frizzo

    RispondiElimina
  3. Ah uomo audace, tu si che mi hai dato tanta soddisfazione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo