Passa ai contenuti principali

Trota salmonata al timo limone e raponzolo giallo arrostito

Domenica era previsto un picnic con Cinzia e Mari in Valle Imagna, Mari aveva promesso un cestino pieno di cose buone da mangiare se l'avessi portata a respirare un po' d'aria buona in mezzo ai prati, con raccolta di erbe selvatiche annessa.
Purtroppo il tempo inclemente non ci ha permesso di stendere la coperta sui prati e alla fine i programmi di tutte sono un po' cambiati e la raccolta di erbe è stata rimandata.
Nel pomeriggio però ha smesso di piovere e Cinzia, che non abita troppo lontano, una passeggiata se l'è fatta lo stesso. Abbiamo parlato, parlato e ancora parlato, per la gioia dei suoi figli, che non ne potevano più e alla fine volevano solo tornare a casa per guardare i loro cartoni animati preferiti.
Lunedì mattina sarebbe dovuta essere un'altra giornata dedicata alle erbe, ma il diluvio mi ha impedito di uscire di casa, ma appena ho visto le pozzanghere riflettere il cielo che lentamente si stava aprendo, ho preso lo zaino con la macchina fotografica e sono corsa a casa di Francesco. Lui purtroppo non aveva tempo di stare tutto il pomeriggio con me, però mi ha portato a Latezza, una frazione di Sant'Omobono, e mi ha indicato il posto dove avrei trovato le erbette selvatiche, che poi ho scoperto chiamarsi raponzolo giallo o Phyteuma Spicatus.


























Ingredienti per 2 persone:
2 filetti di trota salmonata
foglie di raponzolo giallo (abbondanti)
1 cipollotto
4 rametti di timo limone
olio evo
sale
pepe rosa in grani


Lavare le foglie di raponzolo giallo, scolarle e asciugarle bene con uno strofinaccio.
Affettare finemente il cipollotto e farlo soffriggere in una padella con olio evo. Aggiungere il raponzolo, salare e coprire. Far cuocere per una decina di minuti, aggiungendo un mestolo d'acqua calda. se necessario. Far cuocere altri 5 minuti senza coperchio, in modo che tutta l'acqua in eccesso si asciughi.
Preriscaldare il forno a 180°.
Disporre i filetti di trota salmonata in una teglia da forno, disporre qualche rametto di timo limone sulla superficie, sale, pepe rosa e un filo d'olio evo.
Cuocere in forno per una quindicina di minuti.


Servire la trota su un letto di raponzolo arrostito.


Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia e Valentina, Colors & food, what else? che questo mese prevede il rosa.

Commenti

  1. Sai cara che non ho mai provato la pianta del raponzolo!! Buono questo piatto!! lo proverò con il silene alba! :))
    un bacio cara!!

    RispondiElimina
  2. La foto del raponzlo è chiarissima e se pubblicherai le ricette con le erbe + relativa foto, farò anch'io una raccolta, questo bel salmoncino ai sapori rustici mi piace, come del resto tutte le cose che hai fatto ultimamente usando queste ottime erbe :))
    Un grande abbraccio, a presto spero:)
    PS: il licoli oggi si è comportato benissim con le mie coccole, ma all'impasto per panbrioche non gli sta facendo nemmeno solletico... son 4 ore che ho impastato ed è tutto fermo :(

    RispondiElimina
  3. bella ricetta di salmone...e particolare con queste erbette selvatiche! sarà buonissimo!
    baci

    RispondiElimina
  4. Bello come accostamento: stampo la foto e vado per boschi anch'io sabato prox.... se non li avveleno li *stendo* con la tua ricetta!
    Baci
    NOra

    RispondiElimina
  5. Fate attenzione a raccogliere le erbe senza conoscerle, queste sono abbastanza riconoscibili, ma si rischia di prendere qualcosa di non commestibile e può diventare pericoloso.

    RispondiElimina
  6. Il timo limoneeeeee..... questo lo conosco....chissa' perche'??? hihihihi
    Uno stritolo kikina mia!

    RispondiElimina
  7. Leggendo velocemente avevo letto Raperonzolo O.o quando si dice una ricetta da favola ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Anche io avevo letto Raperonzolo... ma forse perché tu sei una favola!

    RispondiElimina
  9. ommamma e il raponzolo??????

    RispondiElimina
  10. Oggi ho comprato una piantina di timo limone, ma il raponzolo mi manca... che si fa? Na klar: Kika, mach Platz für mich, ich komme!!!!!
    :)))))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…