Passa ai contenuti principali

Pici alla salsiccia e finocchietto e Firenze (atto I)

Lo scorso fine settimana sono stata a Firenze, avevo proprio bisogno di staccare dagli obblighi di tutti i tipi e di godermi interminabili passeggiate per le strade di una città che non fosse la mia.
Abbiamo prenotato un carinissimo alberghetto appena fuori dal centro e per ben tre giorni ci siamo piacevolmente affidati al trasporto cittadino, lasciando a casa anche la macchina e preferendo ad essa il treno, risparmiandoci stress e code inutili.
Ma torniamo a Firenze, inutile dire che il mio obiettivo numero uno era trovare posti buoni dove mangiare piatti tipici della cucina fiorentina, ma mi sono lasciata guidare anche tra le innumerevoli chiese, le botteghe storiche, tra cui speziali e farmacie, i corsi pieni di negozi moderni, le piccole vie medievali, i mercati e i palazzi storici. Considerando che moltissime cose sono a pagamento, abbiamo dovuto fare una scelta e visitarne solo alcune, ma tante hanno davvero meritato.
Abbiamo scoperto una città ricca di profumi e di sapori, dai molteplici colori e piena di suoni e di vita.
I turisti, più che i fiorentini, popolano le strade rumorose del centro storico, si siedono sui marciapiedi, sugli scalini, sui muretti, sui prati, affollano i vicoli, i locali e si lasciano sedurre dalla musica dei suonatori di strada.
Noi tendenzialmente non siamo troppo amanti delle gradi città, alle quali preferiamo di gran lunga i piccoli borghi sperduti nelle campagne, ma stavolta anche io mi son lasciata sedurre da questa città e soprattutto, e non mi smentisco, dal suo cibo.
Con nostra grande fortuna, dopo una mezza delusione (o chiamatela come meglio preferite) presa la sera prima, ci siamo imbattuti nella Trattoria 4 leoni in piazza della Passera dove ho mangiato questi pici meravigliosi.



Ingredienti per 3 persone:
300 g di pici
300 g di salsiccia di maiale
semi di finocchietto selvatico
grani di pepe nero
1 spicchio d'aglio
olio evo
sale
Far soffriggere l'aglio in una padella con 2/3 cucchiai di olio evo. Aggiungere la salsiccia privata del  budello e sbriciolata e  far cuocere per una decina di minuti. Aggiungere i semi di finocchietto selvatico e i grani di pepe in abbondanza e salare.
Nel frattempo far cuocere i pici per una ventina di minuti in abbondante acqua salata, scolarli tenendo un po' di acqua di cottura e aggiungerli al condimento. Far saltare in padella un paio di minuti a fuoco vivo.

Commenti

  1. COme non innamorarsi di Firenze.....
    e che goduria questo piatto!!!!

    RispondiElimina
  2. Caspita Kika che cosa mi hai ricordato, i pici! Prima o poi ci provo a farli io, mia mamma ogni tanto li faceva quando era in forma :-D
    Baci e buona domenica!

    RispondiElimina
  3. Ciao :-)
    Che bello leggere che sei stata nella mia città adesso che non ci abito più ......vivo a Bilbao nei Paesi Baschi! Certo trovare un posto dove mangiare bene in centro non è facile perché è tutto molto turistico.se ti capitasse di ritornare ti consiglio la zona di S.Ambrogio con tanti ristorantini interessanti ;-)
    Complimenti per i pici sono goduriosi!
    Ilaria

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo