mercoledì 25 aprile 2012

Cronaca di una ciabatta perfetta (con lievito liquido)

Io e il pane abbiamo sempre avuto uno strano rapporto, non è una di quelle cose, come l'andare in bicicletta, ad esempio, dove posso dire, una volta che hai imparato non te lo dimentichi.
Spesso da 500 g di farina son riuscita a partorire mattoni da 4 chili e non è bello.
Anche l'altro giorno è successa la stessa cosa, prendo il mio dolce Alfie e lo inizio a coccolare, poi trovo una ricetta di un pane bellissimo e la seguo passo passo (bè, non proprio, invece di metterlo in frigo l'ho lasciato fuori) e sto impasto non cresce, lo incito, canto qualche canzoncina, faccio la danza della lievitazione e finalmente, dopo 10 ore inizia a spuntare qualche bolla d'aria e ad aumentare di volume.
Bè, per farla breve lo inforno, cresce, la casa è pervasa da un profumo fantastico, il risultato sembra bellissimo, sono già innamorata... Lo sforno e già nel prenderlo mi accorgo che è decisamente in sovrappeso, lo taglio ed è decisamente crudo (ha cotto 55 minuti), lo assaggio e fa decisamente schifo! Però la crosta era croccantissima.

Ma siccome alla fine devo vincere io... ecco cosa è uscito il giorno dopo.



















Ingredienti: 
160 di lievito liquido super attivo
260 di acqua
215 di farina 00
185 di farina di semola rimacinata
1 cucchiaio di olio
1 cucchiaino di sale

Sono partita con 50 g di Alfie che ho rinfrescato alle 8 del mattino con 20 g di farina 0 e 20 g di acqua. 
L'ho messo in un barattolo e l'ho portato con me al lavoro. 
Alle 13.30, in pausa pranzo, ho rinfrescato con 20 g di farina 0 e 20 g di acqua (mi son portata vasetto con acqua e una piccola ciotola con farina pesati), alle 18.30 altro rinfresco con 15 g di farina 0 e 15 g di acqua.

Alle 22:30 ho impastato 160 di lievito mescolato a 260 di acqua, ho aggiunto 215 di farina 00 e 185 di farina di semola di grano duro rimacinata, ho impastato per 10 minuti con l'impastatrice e alla fine ho aggiunto 1 cucchiaio di olio e mezzo di sale, impastando per altri 5 minuti.
Ho fatto le pieghe al pane per 2 o 3 volte e formato un filoncino.
Ho foderato uno stampo da cake con un foglio di carta forno, l'ho cosparso di farina e ho messo dentro l'impasto, lasciandolo lievitare fino alle 6:30 del mattino successivo.
Aiutandomi con i lembi esterni del foglio di carta forno, ho tolto delicatamente l'impasto lievitato dallo stampo e l'ho appoggiato su una placca, mettendo lo stampo vuoto di fianco per evitare che l'impasto morbidissimo, non si allargazze troppo.
Ho preriscaldato il forno a 200° e messo il pane nel ripiano più basso per 10 minuti, a questo punto ho rimosso lo stampo vuoto e continuato la cottura nel ripiano centrale del forno per altri 30/35 minuti.

7 commenti:

  1. un pane superlativo e chi va più dal fornaio con un pane così.

    RispondiElimina
  2. ..eh ma con tutte queste coccole ci credo che poi è cresciuto in questo modo. E' davvero più d'un figlio (quando mai mi sono portata un figlio al lavoro?!?!?)
    Certo la soddisfazione è enorme.
    PS: un altro sito che pubblica ricette moooolto interessanti con il licoli (e la padrona di casa è molto amica di Anna -c'è di mezzo il mare-) è "Il giardino dei sapori e dei colori". Ornella vive in grecia da qualche anno, ma è una veneta DOC e pure lei circa un anno fa ha pubblicato la ciabatta con il licoli :)

    RispondiElimina
  3. Brava! Io con il LM non mi cimento proprio!! Faccio morire anche le piante finte, figurati con il Lievito VIVO!! Naaaaa... mi sa che vengo a prendere il pane da te!
    Bravissimaaaaaaaaaaaa.
    Nora

    RispondiElimina
  4. ecco qua:
    http://ilgiardinodeisaporiedeicolori.blogspot.it/2011/05/finalmente-posso-chiamarla-ciabatta-e.html

    http://ilgiardinodeisaporiedeicolori.blogspot.it/2011/06/levoluzione-della-ciabatta.html
    molto interessanti. Baciuzzi

    RispondiElimina
  5. Anna effettivamente, per il lievito liquido, è il guru sul web, ma se pensi che Alfio sia un poco stanco dagli un poco di miele, un cucchiaino al rinfresco....non tutte le volte, ogni 5-6 volte. Vedrai che l'energia migliora....
    Grazie per l'indicazione del titolo sulla carbonara...avevi ragione posto a degli orari indecenti e poi sbaglio i titoli ...alla grande!!
    Un bacio ele

    RispondiElimina
  6. Affascinante questa panificazione.. Come allevare un cucciolo..:-)

    RispondiElimina
  7. Ecco i miracoli della tua piccola creatura! E delle tue mani! E del tuo forno, e della tua pazienza!
    Ma quanta forza di volontà ci vuole? Dici che ce la farò...?

    Ma da come ti brillavano gli occhi al raccontarlo, si ne vale la pena!

    besos

    RispondiElimina

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Related Posts Plugin for Blogger...