Passa ai contenuti principali

Bocconcini di agnello alle noci in nido di agretti

Qualche settimana fa Paola mi ha chiesto se mi andava di partecipare al contest di Franci del blog Scorribande in cucina, Metti una sera a cena, che prevedeva la realizzazione a 4 o 8 mani di un intero menù, dall'antipasto al dolce, con un tema che facesse da filo conduttore per tutte le ricette. Io le ho subito proposto le erbe selvatiche, sapevo che appena ne avessi raccolta qualcuna sarei stata colta da un autentico trip (vedrete nei prossimi giorni) ma poi lei ha proposto di farlo usando le canzoni dello Zecchino d'Oro ed ho subito trovato l'idea molto sfiziosa ed originale. Abbiamo innanzitutto cercato le compagne di viaggio, prima è venuta Cinzia e poi Marina ed entrambe hanno affrontato questa avventura con l'entusiasmo che ci aspettavamo, dalla scelta della canzone preferita da ognuna, alla realizzazione dei piatti che più ci rispecchiavano.

Un menù d'Oro Zecchino: 

E veniamo dunque alla mia ricetta, un secondo piatto, io che poco mangio i primi, anche se li adoro e che non sono portatissima per fare i dolci, la canzone che ho scelto è "E' fuggito l'agnellino".


















Ingredienti per 2 persone:
200 g di agnello (io spalla)
400 g di agretti
100 g di noci
1 spicchio d'aglio
sale e pepe
4/5 rametti di timo 
2 foglie di salvia
Per la salsa:
5o ml vino bianco secco
30 g di burro
10 g di zenzero fresco grattugiato
1 scalogno piccolo
1 foglia di alloro


Per prima cosa sgusciare le noci e tritarle con del timo e della salvia freschi, aggiungere sale e pepe. Impanare la carne d'agnello precedentemente tagliata a tocchetti non troppo piccoli e disporli su una teglia adatta al forno e cuocere a 180° per 15 minuti, rigirando i bocconcini a metà cottura.
Mentre la carne cuoce, mondare e affettare lo scalogno, metterlo in un pentolino con l'alloro e il vino e far ridurre fino a raggiungere 1/3 del volume iniziale.
Mondare gli agretti e farli saltare qualche minuto in padella con poco olio e uno spicchio d'aglio in camicia e tenerli da parte.
Per ultima cosa filtrare la riduzione di vino e montarla al burro, aggiungendo il burro ammorbidito a pezzettini mescolando di continuo a fuoco bassissimo (la salsa dovrà risultare bianca e cremosa), aromatizzare infine con lo zenzero grattugiato.


Servire mettendo la salsa allo zenzero sul fondo del piatto, con l'aiuto di un coppa pasta formare un nido di agretti croccanti e disporvi sopra i bocconcini di agnello alle noci, guarnire infine con una foglia di alloro e uno spicchio di scalogno.


La ricetta della salsa l'ho imparata al corso di cucina organizzato da Italia e dalla scuola di cucina Via del Gusto tenuto dallo chef Maurizio Bosotti, al quale ho avuto il piacere di partecipare per aver vinto il gioco mensile organizzato da Paola sul suo blog La cucina piccolina, X-Kitchen la cucina dei misteri!
Era la prima volta che partecipavo ad un corso di cucina e ho imparato davvero tantissime cose, sicuramente un'esperienza che consiglio a tutti.




Con questa ricetta partecipo con Cinzia, Paola e Mari al contest di Franci del blog Scorribande in cucina, "Metti una sera a cena"







Commenti

  1. Solitamente non mangio l'agnello perché non mi piace, ma devo dire che presentato in questa veste mi fa proprio gola :)

    RispondiElimina
  2. mmmmh! Ma dalla foto non si vede questa bellissima cremina al vino, che mi stuzzica molto:)
    brava Chiara! sai, piacerebbe tantissimo anche a me parteciapre ad un corso di cucina.. chissà che prima o poi non riesca a combinare
    bacioni e buon WE!

    RispondiElimina
  3. Ottimo e delicato con una serie di note caratterizzanti, immagino il risultato.. Bellissima presentazione..:-))

    RispondiElimina
  4. Ti adoooooro!!!!!! E hai notato che un pò di ORO c'è in tutti i piatti???? Anche il colore abbiamo beccato...ahahahha!
    Un bacione gioietta!

    RispondiElimina
  5. Ma che nidi speciali...come l'idea di ispirarsi alle canzoni dello zecchino...siete mitiche!!!! bacioni!

    RispondiElimina
  6. Avevo sbirciato una parte del menù da Cinzia. ma anche questo agnellino è delizioso, bella idea la salsa al vino, segno e provo!!!

    in bocca al lupo , ci sta proprio bene, non credi???

    :) loredana

    RispondiElimina
  7. Apprezzo la carne di agnello anche se la trovo un po' *forte* ma il tuo gusto di stemperarne il *forte* con lo zenzero è geniale!
    Brava ben fatto!
    Nora

    RispondiElimina
  8. Ottimo abbinamento, sicuramente molto sfizioso e saporito!
    Grazie, sono felice che abbiate partecipato!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…