Passa ai contenuti principali

Pizza di scarola al farro

L'altro ieri per non sentirmi troppo in colpa per i bagordi pasquali, sono stata in montagna con Filippo ed alcuni cari amici. Abbiamo fatto una camminata da Cavaglia, un antico borgo della Val Brembilla (BG), al Rifugio Lupi. La camminata è stata piuttosto intensa, alcuni punti nel faggeto erano davvero ripidi e poi la mancanza di sole e l'aria gelida non ci hanno aiutato ad arrivare in cima con spensieratezza.  Direi che, vista la fatica, arrivata al rifugio mi sono guadagnata una fetta di pizza di scarola (in effetti due), un po' di lardo, della finocchiona e anche della buonissima colomba fatta da me e in più un'abbondante cena serale per riprendere energie.
Per tutta la via del ritorno ci ha fatto compagnia un simpatico cane che abbiamo incontrato al rifugio, ci ha seguito e poi fatto strada per tutto il sentiero fino alla macchina, aspettandoci anche, se necessario. Io non amo molto i cani, ma il mio piccolo amico mi è davvero entrato in simpatia.


















Ingredienti:
Per la pasta:
(con queste dosi ci ho fatto anche il pane da portare in gita)
200 g di levito liquido super attivo
200 g di farina di farro
300 g di farina di farro integrale
200 g di acqua
20 g di olio evo
1 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di zucchero
Per il ripieno:
800 g di scarola
4 filetti di acciughe
1 manciata di olive nere denocciolate
1 manciata di pinoli
2 spicchi d'aglio
sale e pepe
olio evo

Preparare innanzitutto la pasta impastando il lievito con l'acqua, aggiungendo lo zucchero e le farine, mescolare bene e infine aggiungere l'olio e il sale e continuare ad impastare fino ad ottenere un composto morbido. Formare una palla, infarinarla e mettere a lievitare in luogo caldo e asciutto fino al raddoppio. Prendere 1/3 dell'impasto e dividerlo in due panetti e stendere due dischi di pasta (uno di diametro leggermente più ampio) molto sottili, mettere il più grande un una teglia tonda leggermente unta d'olio e lasciare il secondo sulla spianatoia ben infarinata e far riposare. Con il resto dell'impasto potrete fare il pane.
A questo punto preparare il ripieno. Mondare la scarola e farla appassire in una padella antiaderente dove avremo fatto soffriggere gli spicchi d'aglio, l'acciuga, i pinoli e le olive spezzettate in un po' di olio evo. Salare e far appassire con il coperchio per una ventina di minuti poi togliere il coperchio e continuare la cottura fino al completo assorbimento dell'acqua, poi lasciar raffreddare.
Mettere il ripieno nel disco di pasta nella teglia e ricoprirlo con il disco più piccolo rivoltando i bordi di entrambi verso l'interno, spennellare la superficie con olio evo e infornare a 180° per 20/25 minuti, fino a quando sia la superficie che la base saranno ben cotte.



Commenti

  1. favolosa e stuzzicante questa pizza ripiena!
    Buonissima giornata

    RispondiElimina
  2. Anche io con i cani non no grande feeling, ma a volte capita di incontrarne di più simpatici, o mansueti! Pensa che ieri avevo in mente di farla la pizza di scarole, ma in cucina non avevo granchè voglia di stare, baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Ma che meravigliosa pizza ripiena!!! Ideale per pic nic, io la mangerei sempre!! Ciao sono Maria, piacere di conoscerti!!!

    RispondiElimina
  4. ha un ottimo aspetto! Slurp!
    Un abbraccio Kikina!

    RispondiElimina
  5. Questa è veramente una provocazione.. Adoro la pizza con la scarola ma fatta di farro deve essere assolutamente imperdibile.. Però non ho mai usato il lievito liquido, anche questo è da provare.. Grazie Chiara..:-))

    P.S. Carino il cagnotto, peccato che non li ami..

    RispondiElimina
  6. Veramente ideale per una gita, prendo spunto ^_^
    Ciao,
    Tiziana

    RispondiElimina
  7. Grandissima!!! Quando vieni per erbe con me??? :)

    RispondiElimina
  8. che buona la pizza alla scarola adatta ai pic nic.mi piace lággiunta del rustico farro!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo