Passa ai contenuti principali

Torta frangipane rustica alle pere

E così anche Ambra è entrata a far parte della squadra dell'MTC, ma mica poteva farlo come tutti noi mortali... no, lei arriva, per un mese si ambienta e il secondo vince, per l'immensa "gioia" di Stefania che è in piena campagna elettorale e che presto proporrà alle  "squinternate di MT" e al terzo giudice di turno, un mese di catering gratuito direttamente dalla sua Palermo.
E Ambra ha scelto la torta frangipane (speravo nel bagno caudo con il tartarugo presentato da Alessandra, tifavo per la zuppa di cipolle e temevo il brodo di tartaruga) e per me, che amo le mandorle in modo viscerale, è stata una bella sorpresa positiva, se non fosse che tra le regole ci fosse anche l'obbligo di usare una frolla (di solito burrosissima) e il mio tasso di colesterolemia e soprattutto la mia dieta non erano molto dell'idea. Ma ieri, quando mi son decisa ad infornare, mi son ricordata che sullo scaffale in libreria c'era Golosi di Salute di Luca Montersino e allora per non far cappellate mi tiro giù una bella ricettina dietetica di una frolla senza uova e senza latticini, la seguo quasi passo passo... eh si perché lui usava la farina di farro, ma io avevo deciso che la mia frangipane sarebbe stata molto più rustica e allora l'unica cosa che faccio di testa mia è cambiare le farine e poi meticolosamente peso al grammo (con ansia annessa). E soprattutto colgo l'occasione al balzo di una cena a casa di Elena e Luca per poi non dovermi mangiar tutta la torta da sola, ma di suddividere l'apporto calorico tra più persone.


Ecco, a Stefania, che vincerà questo MTC (la sua ricetta già lo dice "Frangipane alla rosa con mousseline di Ladurée", chi la dura la vince), chiedo che la prossima ricetta non preveda alcun tipo di grasso, facciamo una bella insalatina finocchi e arancia e siam tutti felici.


















Ingredienti:
Per la frolla di Montersino (quasi):
150 g di farina di grano saraceno
100 g di farina di farro integrale
125 g di zucchero di canna
35 g di olio extravergine di oliva
35 g di olio di semi di arachidi
62,5 g di acqua
6 g di lievito 
Per la crema frangipane di Ambra:
100 g di farina di mandorle (o mandorle pelate)
100 g di burro appena ammorbidito
100 g di zucchero semolato
30g di fecola di patate
1 uovo
3 pere Abate
succo di mezzo limone
1 cucchiaio di rum
1 manciata di mandorle intere


Preparare innanzitutto la frolla sciogliendo lo zucchero in acqua, unire il lievito, i due oli e la farina, impastare bene il tutto, fare una palla e porre in frigorifero.
Sbucciare e tagliare le pere a fette per il lungo ed irrorarle con il succo di mezzo limone, prenderne 1/3 e tagliare a piccoli tocchetti e far cuocere a fuoco molto basso con il rum, poi frullare.
A questo punto preparare la crema frangipane montando il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema spumosa, aggiungervi l'uovo leggermente sbattuto e continuare a lavorare il composto, incorporare la farina di mandorle (o le mandorle precedentemente tritate finemente nel mixer con un paio di cucchiai di zucchero) poco per volta ed infine la fecola continuando a montare.
Togliere la frolla dal frigo e lavorarla nella planetaria per 30 secondi con 5 g di acqua, stenderla e rivestire una tortiera per crostate (meglio se con cerniera, sarà più facile sformarla). Stendere sul fondo la purea di pere e ricoprire con le fette di pera disposte a raggiera. Aggiungere infine la crema frangipane e livellare la superficie con una spatola, guarnire con mandorle intere appoggiandole appena, in modo che la crema, gonfiandosi in cottura, non le copra (come è successo a me :-P).
Infornare a 180° per 30/35 minuti.



Faccio solo un appunto: Luca Montersino è un grande pasticcere e questo nessuno lo mette in dubbio, ma nella sua ricetta di questa frolla tratta dal libro "Golosi di salute" secondo me ci son 2 cose che non vanno. 
Per prima cosa in tutte le ricette in cui la usa dice di cuocere la torta per 20 minuti a 180°, io ritengo che siano troppo pochi, a me ce ne sono voluti quasi 35.
In secondo luogo la frolla, se non si mangia insieme alla crema che la farcisce e che quindi mitiga il sapore, sa tremendamente di olio.
Adesso, ho variato la ricetta mettendo 150 g di farina di grano saraceno e 100 di farina di farro integrale, invece dei suoi 250 di farina di farro, ma non penso che questo avrebbe fatto la differenza. 
Qualcuno ha esperienza con questa frolla e sa darmi un parere? 


MTC di Aprile 2012: gli sfidanti!Con questa ricetta partecipo all'MTC di aprile

Commenti

  1. Intanto voglio subito sottolineare che sei di una intelligenza furi dal normale...
    Detto questo, noto che le new entry hanno più chance di vincere... cioè, Ambra era solo alla seconda edizione???? Ma danno anche l'oscar alla carriera, e a me un premio alla carriera no?
    Infine, più vado avanti, più mi rendo conto che non ce la posso fare... tu hai scomodato Montersino... L'unica cosa che posso dirti sulla frolla all'olio è quella di usare un olio molto gentile (cioè il contrario delle folli di MT) che sia insapore, altrimenti si sentirà il sapore forte dell'olio.
    Infine (lo so che l'ho già detto, ma stavolta davvero è l'ultima cosa che scrivo) PROMETTO SOLENNEMENTE CHE FARO' QUALCOSA DI LEGGERISSIMO! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intanto voglio subito sottolineare che mi sto spanciando dalle risate. Il che non mi impedisce di cogliere la finezza della tua strategia, dopo che ti sei scontrata con l'incorrubilità della terna giudicante: praticamente, ti stai sperleccando tutti i concorrenti, anche se lo scopo ancor mi sfugge :-) ma si sa: la mia intelligenza è nei limiti della norma ( e quando decidiamo il vincitore, anche sotto :-)))))) e soprattutto temo la tua, in questi frangenti!
      Il premio, te lo daremo anche stavolta :-)))))))

      Elimina
  2. mmmmmm anche io ne ho due da postare e indovina ..una e proprio con le pere ...un filino diversa dalla tua ma sicuramente eqaumente buonaaaaa :) un bacione

    RispondiElimina
  3. mamma, che fame!!!!!!!!! Proverò a rifarla, senza troppi rimorsi!!! E ti farò sapere!!!

    Mi trovi tra le tue follower, da oggi!!!

    passa anche da me, se ti va!

    RispondiElimina
  4. Grande Kika, appoggio in pieno tutto quello che hai scritto, noi che siamo del burro no :-(
    Davvero bella la tua! baci

    RispondiElimina
  5. anche io pere, ma quella frolla rustica fa senz'altro la differenza!!

    RispondiElimina
  6. appoggio Stefania....devi usare un olio insapore altrimenti si sente!
    Certo ti è uscita una gran bella torta.... la mia l'ho appena sfornata...prossimamente su questi schermi....
    Un baciottone Kikina mia!

    RispondiElimina
  7. ottima interpretazione mia cara! :)

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Si anche io direi che l'olio deve essere delicatissimo.... Per la cottura in effetti 20 minuti sembrao un po' pochini...
    Comunque il tuo risultato è proprio goloso e bello a vedersi e poi, con questo post...ti sei definitivamente, assolutamente ed imperituramente conquistata la Stefi!!!! Fantastica!
    Un bacione e buona serata Chiara!
    Dani

    RispondiElimina
  10. Ciao tesoro!!! Questa versione rustica è proprio nelle mie corde...gnam gnam!! Gli ingredienti, dalle farine alle pere, al rum mi inebriano!!!Ottimo lavoro!!!Un bacione grande!!!Smack!

    RispondiElimina
  11. L'olio era molto delicato e fortunatamente dì si sentiva solo nella crosta, il resto della torta era fantastico ed è stato apprezzato da tutti!

    RispondiElimina
  12. buonisima questa tua versione e poi adoro la frangipane per cui sto imparando da voi in quante maniere sfiziose si puo'fare!

    RispondiElimina
  13. Praticamente una bomba golosa ricca di ingredienti antichi e gustosi.. Magnifica la scelta delle farine a tutto vantaggio della consistenza..:-))

    RispondiElimina
  14. mi sono innamorata delle foto. e della ricetta. e poi delle foto ancora..
    è tutto bellissimo qui! e la frolla con le farine diverse mi piace tanto!

    RispondiElimina
  15. ahah, che ridere...ci hai corrotti tutti...anche la tua versione è super, sono uscite delle meraviglie di pasticceria questo mese!

    RispondiElimina
  16. Bè...che dire... Fortuna che questo festival del burro non è arrivato a Giugno...se no sai la "prova costume" ?!?!? Frolla fantastica, e torta pure!!

    RispondiElimina
  17. Chiara anche tu a fare il tifo per la Stefi??? Ma va?! Bellissima anche la tua proposta rustica, con le pere! Ci stavo pensando anch'io alle pere ma... meno male che cambiai idea!
    Buona serata
    Nora

    RispondiElimina
  18. Ai, ai, aiiiiiii! Ma quanto mi piace!

    RispondiElimina
  19. ehiii! e questa me l'ero persa? eh no, perché tra saraceno e faroo, ne ho da vendere e consumare quindi grazie della dritta...
    trovo la tua combinata semplicemente "bella" , cara Chiara, sai che io sono della serie "less is more" e le cose essenziali le amo più di tutto :)
    e quoto quello che hai detto per Stefania, aspetto che vinca stavolta!

    RispondiElimina
  20. Mi piace tantissimo la tua frolla!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …