Passa ai contenuti principali

Arista di maiale con lardo e prugne

Non posso proprio dire di vivere un brutto periodo della mia vita, il lavoro va bene, l’amore ancora di più, la salute anche (i piccoli acciacchi non si contano mica, anche se sommandoli…).
Però devo dire che quando sono in ferie e programmo qualcosa, ecco lì che arriva la mamma a non star bene, niente di grave, per carità, un problema noto che però per almeno un’intera settimana la mette ko, e a me pure, che le devo stare dietro.
Essere figla unica per me non è mai stato un problema, ho ben 21 cugini (solo da parte di mamma) e da bambini vivevamo addirittura in cinque nello stesso palazzo e abbiamo sempre giocato insieme, ma poi ognuno a casa propria e quindi nessuna convivenza forzata, nessuna condivisione, suddivisione, mia mamma era tutta per me, nel bene e nel male.
In questi momenti di "assistenza" però rimpiango di non aver qualcuno che mi dia il cambio e condivida parte della fatica, fatta con piacere., per carità, ma pur sempre fatica.
La cosa più brutta in questi giorni è stato il ritiro forzato in una casa che non era la mia, dove tutto è familiare (ci ho vissuto 30 anni) ma niente mi appartiene e soprattutto la rinuncia ad una giornata con Ale per i carrugi genovesi. Ma così è e non lamentiamoci troppo.


















Ingredienti per 4 persone:
500 g di arista (o lonza) di maiale
5/6 prunge secche
4/5 fette di lardo di Colonnata
2/3 foglie di salvia
timo, rosmarino
1 spicchio d'aglio
olio evo
sale e pepe

Tagliare il pezzo di arista a metà dal lato più lungo creando una tasca, foderare l'interno con fette di lardo, salvia e prungne secche denocciolate tagliate a metà, richiudere e legare l'arrosto con lo spago. Salare e pepare.
Far soffriggere l'aglio e gli odori in un tegame, aggiungere l'arista e far dorare da tutti i lati per sigillare la carne e non permettere ai succhi di fuoriuscire in cottura.
Aggiungere un mestolo di acqua bollente e continuare così ogni volta che il liquido si asciuga e far cuocere per almeno un'ora.
Far raffreddare la carne su un tagliere e ricavarne delle fette sottili.
Adagiare le fette di carne nuovamente nel tegame, coprire con acqua bollente, aggiustare di sale e far cuocere ancora un'ora, un'ora e mezza, fino a che il sughetto si sarà ridotto creando una crema (se l'acqua non dovesse esser sufficiente, aggiungerne ancora, poco per volta).

Commenti

  1. forza tesoro! Ci risarà sicuramente l'occasione! Ora accudisci la tua mammina e continua pure a sfornare delizie come questa! Ottimo piatto!
    un bacio e buon 1 maggio!

    RispondiElimina
  2. Ciao Chiara!
    Mi spiace sapere tua mamma in difficoltà e spero che si stia ristabilendo.
    Mi piace la tua ricetta con l'arista e le prugne. Faccio anch'io un arrosto simile ma le prugne le metto nel tegame e non nella carne. Proverò certamente la tua variante.
    Un bacione a te e tieni durooooo!!!!
    Nora

    RispondiElimina
  3. Mi spiace che la mamma stia poco bene, spero si rimetta presto!Ecco qui il bellissimo arrosto che ho adocchiato su FB stamattina, complimenti, prugne, lardo e erbe aromatiche sono una garanzia … squisito!Un bacione

    RispondiElimina
  4. mi spiace per la mamma...dai tieni duro!
    ottimo il tuo arrosto...devo provare anche io a farlo con le prugne, il tuo mi attira da matti!

    RispondiElimina
  5. Se ti può consolare io ho delle sorelle che non servono a un c...o!
    Auguri per tua mamma!
    Un altro pic nic lo organizzeremo a breve!
    bacio

    RispondiElimina
  6. Ohoooo... ecco, ti ho appena scritto e leggo ora il post! Mi spiace per la mammetta.... spero che nel frattempo si sia rimessa! E allora vuol proprio dire che a genova ci andremo insieme, che dici???? :-)
    Un abbraccio tesoro!

    PS. quest'arrosto e' un sogno! Gnam!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, sono Rachele, grazie per esserti unita ai miei sostenitori!
    Io il maiale lo mangiarei tutti i giorni! Buon weekend.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo