Passa ai contenuti principali

Cantucci

Della giornata passata con Paola per preparare i dolcetti per Natale ho raccontato proprio tutto, dei biscotti di vetro (l'altro giorno tra l'altro li ho rifatti e portati in ufficio, son stati letteralmente spazzolati in 5 minuti), dei Certosini di Bologna e di quanto è stato bello, ma questi deliziosi cantucci mancavano ancora all'appello! 
Al contrario di Paoletta, ne ho salvati un po' dalle fauci golose di amici e parenti e adesso è arrivato il momento di farli vedere anche a voi, giusto per vanificare tutti i progetti di una dieta costante e coerente dopo i bagordi natalizi.

Ricetta della mamma di AnnUCCIA (che non so chi sia, ma è giusto citare la fonte :-P)


















Ingredienti:
400 g di farina
400 g di zucchero a velo
300 g di mandorle non pelate
10 g di miele
3 uova intere + 2 tuorli
1 busta di vanillina
½ cucchiaino di bicarbonato di ammonio 

Impastare la farina, lo zucchero a velo, il bicarbonato di ammonio (si trova in farmacia) e una bustina di vanillina, unire 10 g di miele, 3 uova intere e 2 tuorli ed infine 300 g di mandorle non pelate spezzettate grossolanamente.
Impastate per un minuto e ponete l’impasto sul piano infarinato, dividetelo in mucchietti e rotolateli per formare dei cilindri di 1 cm di diametro. Adagiateli sulla placca del forno ricoperta di carta da forno stando attenti a distanziarli bene perché in cottura aumenteranno di volume. 
Cuocere a 180° per 10 minuti. 
Togliere i rotoli dal forno, tagliarli mentre sono ancora caldi trasversalmente in fettine oblique di circa 1,5 cm e infornare ancora per 5 minuti.
Sfornare e far raffreddare.

Lo scorso anno li avevo fatti appena tornata dalla Val D'Orcia, due ricette diverse, ma entrambe dall'ottimo risultato.

Commenti

  1. Durante queste feste ho abusato di cantucci, ma del resto sono così deliziosi che è impossibile farne a meno!Baci e buona settimana

    RispondiElimina
  2. sempre buoni i cantucci...
    stupenda la tua foto!
    bacioni!

    RispondiElimina
  3. Devono essere buonissimi mia cara! E si, se vuoi il mio consiglio gorgonzola e panettone dovresti provarlo ;) un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Tesorooooo!!!!! Emmenomale che tu li hai tenuti, io li ho visti sparie da sotto le mani senza riuscire a fargli mezza foto, mi tocchera' rifarli!
    Annuccia sarebbe Anna, una mia cara amica e sua mamma mi diede questa ricetta tanto tempo fa, da allora la faccio ogni anno a natale, sono eccezionali!
    Un abbraccio gioia bella!

    RispondiElimina
  5. Copiata perchè cara kika cercavo proprio questa. Ho un pranzo domenica e volevo farli da portare con un passito...grazie e buona settimana

    RispondiElimina
  6. Ciao Chiara, buoni i cantucci si si, non ti stufano mai! Foto bellissima ;-)

    RispondiElimina
  7. SOno bellissimi questi cantucci, e anche la tua foto esprime rilassatezza, tranquillità e calma. Ora mi metto a contemplarla per mezz'oretta ah ah! Un abbraccio Kikina, felice serata per te! PS: ma quanto devono essere buoni questi dolcini?

    RispondiElimina
  8. i cantucci! quanto son buoni! la mamma del mio fidanzato ne fa una versione al cacao con le nocciole! buonissimi!

    RispondiElimina
  9. @Meggy: meno male che son quasi finiti, se no sai quanti chili in più.
    @Ele: grazie, sfrutto i pochi momenti di luce in cui riesco ad essere a casa.
    @Benny: proverò il panettone al gorgonzola, prometto.
    @Paola: quando vuoi li rifacciamo! Ho ancora i tuoi contenitori.
    @Ale: poi dimmi cosa diranno quei fortunati.
    @Stella: la prossima volta li fai con noi!
    @Chiara: tu lo sai
    @Erica: adoro il cacao e le nocciole, mi giri la ricetta?

    RispondiElimina
  10. Fattiiiiiii e postati oggi...che avventura quel bicarbonato =) Grazie...passa a vedere il risultato ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo