Passa ai contenuti principali

Uova, carote e pecorino in cocotte

Avere il frigorifero vuoto, quando anche tutti gli avanzi son finiti, è un vero dramma. Di Solito le uniche cose che non mancano mai sono le carote, considerando che non sono tanto abituata a mangiarle in inverno e di solito le utilizzo solo per fare qualche soffritto (a parte quelle nere, si intende, con le quali sono riuscita a fare delle cose anche abbastanza sfiziose, come questo buonissimo timballo di grano saraceno). L’altra sera non avevo alternativa ed ho quindi deciso che sarebbero state la mia cena, ma come prepararle? Ero indecisa tra una crema, se farle semplicemente trifolate (e poi cosa ci mangio insieme? Non c’era nemmeno un po’ di pane!!!), qualche amica è arrivata in mio soccorso dandomi qualche suggerimento, ma alla fino sono capitata sul blog di Erica di Ogni riccio un pasticcio e ho visto il post che aveva appena pubblicato e ho preso immediatamente spunto, considerando che in frigorifero avevo miracolosamente anche un paio di uova e un minuscolo pezzetto di pecorino toscano acquistato all’Artigiano in Fiera ad inizio dicembre.
Ovviamente la mia versione è snella, per qualcosa di più goloso andate da Erica, sicuramente non rimarrete delusi.


















Ingredienti per 1 persona:
2 carote medie
2 uova
pecorino toscano
1 spicchio d’aglio
olio evo
sale e pepe
prezzemolo

Sbucciare le carote e affettarle a rondelle. Mettere dell’olio evo in una padella, far soffriggere l’aglio in camicia, aggiungere le carote e una presa di sale grosso, coprire e lasciar cuocere fino a quando le carote non saranno ammorbidite.
Aggiungere una spolverata di prezzemolo tritato e di pepe a piacere.
Ungere con olio una cocotte adatta ai fornelli e mettere metà delle carote sulla base della stessa, fare uno strato di scaglie di pecorino e un altro strato di carote. Rompere infine 2 uova e posizionarle delicatamente sulle carote, stando attenti a mantenere il tuorlo al centro. Coprire e far cuocere a fuoco lentissimo fino a quando l’albume non sarà completamente cotto e il tuorlo ancora cremoso. Salare, pepare e spolverare con abbondante prezzemolo.

Commenti

  1. Direi che con poco...hai fatto molto. Una cocotte davvero sfiziosa. Io sto mangiando molter uova in questi giorni, non fa nemmeno tanto bene, ma sono buone e proverò la tua versione =) bacio

    RispondiElimina
  2. Questa è davvero una bella ricetta per cucinare le carote, che anche a me piacciono (cotte però!) ma non so mai come farle .. grazie dell'idea!Smack

    RispondiElimina
  3. Sai che non ho mai cotto le uova in cocotte? le tue hanno un aspetto davvero magnifico.

    RispondiElimina
  4. complimenti un blog carinissimo mi sono aggiunta se ti va passa mi farebbe piacere

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…