Passa ai contenuti principali

Girelle di pane alle mele

Il tempo di questi giorni mi mette davvero di buon umore.
Lo so che sarebbe giusto che il clima rispettasse il naturale corso delle stagioni e che adesso sarebbe giusto esser sotto zero, sotto la neve e sotto montagne di indumenti caldissimi, ma chi non ama il venticello tiepido e il tepore di queste giornate soleggiate?
Io si, ecco! E voi pensatela come volete :-P
Domenica, complice una giornata bellissima e senza l'ombra di una nuvola, sono stata con Filippo e Matteo al monastero di San Pietro al monte a Civate (LC), un complesso benedettino in stile romanico che si raggiunge dopo un'oretta di cammino (in salita) su per una mulattiera nei boschi. 
La vista da lassù è davvero bellissima, qui potete vedere un po' di foto. 
Abbiamo visitato l'abbazia e poi abbiamo mangiato pane, salame e formaggio accompagnando il lauto pasto con una buonissima bottiglia di Negramaro del 2007 e concludendo con un meritatissimo dolcetto fatto da me, le girelle, appunto. Dopo qualche chiacchiera tra alcuni e il sonnellino di altri siamo scesi a valle, dove ci ha raggiunto la Manu e abbiamo fatto un giro in riva al lago e poi siamo andati a bere un tè nel bar di un campeggio in una lingua di terra in mezzo al lago di Annone, un posto davvero fuori dal mondo, c'era anche il camino... e poi abbiamo giocato a Tabù... Che giornata!
Vi lascio assaporare queste buone, semplici e sane girelle. Io le ho conservate in frigorifero per qualche giorno, scaldandole all'occorrenza per dar loro croccantezza.


















Ingredienti per 15 girelle:
Per la pasta:
300 g di farina 00
15 g di lievito di birra
1/2 cucchiaino di sale
acqua q.b.
Per il ripieno:
2 mele renette
5 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di pan grattato
1 cucchiaio di whiskey
1 manciata di uvetta
1 manciata di pinoli
1 manciata di noci
succo di limone

Preparare la pasta di pane mettendo la farina sulla spianatoia versando al centro il lievito sbriciolato e l'acqua, iniziare a lavorare gli ingredienti, aggiungere il sale e continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Creare una palla, infarinarla e metterla a lievitare, coperta da un canovaccio, in un posto caldo e asciutto per almeno due ore.
Nel frattempo sbucciare le mele, privarle del torsolo e tagliarle in piccole fette, metterle in una ciotola con un cucchiaio di zucchero e un cucchiaio di succo di limone. Metterle in frigorifero coprendo la ciotola con pellicola trasparente e lasciar riposare una mezzora. 
Far rinvenire l'uvetta in due cucchiai di whiskey.
Trascorsa la mezzora prendere la ciotola delle mele e aggiungere il pangrattato, l'uvetta, i pinoli, le nocciole tritate e due cucchiai di zucchero, mescolando bene il tutto.
Stendere la pasta sottilmente fino ad ottenere un rettangolo, spolverare col il restante zucchero e spalmare il composto di frutta sulla superficie. Arrotolare il lato lungo su se stesso e tagliare fette di 2 cm circa. 
Foderare una teglia con carta da forno e posizionare le girelle ben distanziate tra loro e farle lievitare una mezzora in luogo caldo e asciutto.
Infornare a 180° circa 15/20 minuti, o fino a quando la pasta non sarà bella dorata, cospargere con un po' di zucchero e lasciare qualche minuto nel forno ancora caldo.


Tempo fa ne avevo pubblicato una versione molto simile, la trovate qui, ma queste son venute più buone e più belle

Commenti

  1. Ma che belle girelle e sopratutto che bel posto che sei andata a visitare!! Se passo da quelle parti me lo ricorderò promesso! un abbraccio grande carissima!

    RispondiElimina
  2. bellissima la gita che hai fatto, brava!!!! E che belle anche queste girelline, io adoro le mele....
    Un abbraccio Kikina bella!

    RispondiElimina
  3. Stupende le girelle carissima! :) Io adoro tutto ciò che si attorciglia, se poi si tratta di racchiuderci i sapori ;) gita da 10 e concordo su questo clima... sole sole e sole, d'altronde è o non è il 2012?? :)

    Vevi :)

    RispondiElimina
  4. Direi che è stata una giornata meravigliosa deliziata da un dolce adorabile :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo