Passa ai contenuti principali

Zuppa di fagioli e cavolo nero

Ero bambina la prima volta che visitai la toscana, era una colonia estiva.
Dopo due anni passati al mare, non troppo esaltanti, da quel che ricordo, mia madre optò per un campo nell'entroterra toscano.
Ricordo ancora la preparazione prima della partenza, dovemmo cucire delle sacchette (le ricavammo da un vecchio lenzuolo) nelle quali andavano riposti, in modo perfettamente organizzato, vestiti, scarpe, asciugamani e tutto l'occorrente per le 3 settimane di vacanza che mi aspettavano.
La colonia si trovava in un bosco, non saprei localizzare in che zona della Toscana, sulla cima della collina c'era un edificio in pietra, noi eravamo alloggiati leggermente più a valle in 5 tende poggiate su palafitte di legno, tutte costituite da un unica stanza con dei letti a castello ed un piccolo porticato esterno con il tavolo e delle panche.
Avevo 8 anni, la sensazione dominante era di essere immersa in un ambiente buio e lugubre, gli alberi altissimi che facevano a malapena entrare la luce del sole, il terriccio che ricopriva il suolo... 
Piovve tanto quell'anno, fummo sorpresi anche da una tempesta una notte, entrava acqua nella tenda, il vento soffiava forte...
La mattina, divisi in gruppi, andavamo in perlustrazione: annotavamo la qualità del vento, la presenza di cinghiali nella zona e altre cose avventurose da piccoli scout in erba. Accendevamo fuochi sui quali arrostivamo pagnotte attaccate a dei bastoni, facevamo gite al fiume...
Ho pochi ricordi, non un volto, non un nome, ad eccezione di uno degli educatori, Andrea, che mi intagliò un piccolo pesciolino di legno.
Tra i pochi ricordi che affiorano piano piano, mentre scrivo, c'è quello della cena della prima sera, il gruppo di avventurieri era ristretto, arrivammo tardi e ci fecero mangiare nell'edificio in pietra: zuppa di cavolo nero e fagioli, accompagnata da pane sciapo. 
Non penso fosse quella che vi propongo oggi, ma sicuramente non ci andava molto lontano.


Per 6 persone
500 g di fagioli cannellini
500 g di fagioli borlotti
1 mazzo di cavolo nero
1/4 di verza
1 cipolla 
2 carote
2 patate
2 coste di sedano
400 g di pomodori pelati
5 cucchiai d'olio extravergine di oliva
sale
pepe
300 g di pane toscano raffermo

In una casseruola, cuocete i fagioli, precedentemente ammollati per tutta la notte in acqua, per 30 minuti. Una volta cotti, frullatene la metà.
In un'altra casseruola, soffriggete la cipolla in un filo d'olio, poi aggiungete tutte le verdure precedentemente tagliate a cubetti. Aggiungete l'acqua di cottura dei fagioli, dopo circa 15 minuti aggiungete anche i pelati e fate sobbollire per una decina di minuti. unite i fagioli e continuate la cottura per altre 2 o 3 ore, facendo attenzione che non si attacchi.
Tagliate il pane a fette e disponetene sul fondo dei singoli piatti, poi versate la zuppa.
Versate un filo d'olio a crudo e servite.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo