Passa ai contenuti principali

Ciambella speziata ai datteri e tè nero

Il sole caldo entrava dalle imposte della finestra della camera da letto.
Era presto, ma la luce era forte e le impediva di continuare a sonnecchiare. Era ora di alzarsi e andare al pozzo per prendere l’acqua, presto tutti si sarebbero svegliati e suo padre non avrebbe tollerato la mancanza di acqua fresca per preparare il tè.
Con un gesto famigliare legò i suoi lunghi capelli neri e ricci, si vestì con la tunica di lino chiaro e corse, con i secchi in mano, fino al pozzo al limitar del paese.
I banchi del mercato erano già ricchi di frutta, verdura e spezie. Il profumo di quest’ultime inebriava i sensi.
Lui la guardò, tutte le mattine la vedeva correre veloce, i piedi scalzi, i capelli raccolti… l’amava.
Non le aveva mai parlato, ma sapeva chi era suo padre, quanto severo fosse e come avrebbe reagito per un suo ritardo. Non aveva mai avuto il coraggio di rallentare la sua corsa verso casa.
Per la prima volta i loro occhi si incontrarono, lui non li distolse, lei si avvicinò.
Lui le porse un pugno di datteri “questi mi fanno pensare a te… un frutto maturo, profumato, con la pelle soda e morbido all’interno… zuccherino e dolce…”
Lei li prese tra le mani e corse via.
Preparò il tè prima che suo padre si svegliasse e ne tenne una tazza da parte. Ancora bollente lo versò sui datteri privati del loro seme e li lasciò macerare.
Mescolò sapientemente le spezie e ne fece un dolce morbido e profumato.
La mattina seguente, sotto alla tunica di lino, aveva nascosto un fazzoletto nel quale aveva avvolto il dolce preparato il giorno prima, lo porse a quel ragazzo gentile e scappò via.


Nel silenzio della sua stanza ballò pensando a quegli occhi scuri posati su di lei… e sentì di essere bellissima.



Per uno stampo a ciambella da 20 cm
150 g datteri denocciolati 
150 ml tè nero bollente 
200 g farina di segale
1 cucchiaino cacao amaro
1 cucchiaino bicarbonato di sodio 
1 cucchiaino cannella 
¼ di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere 
½ cucchiaino cardamomo in polvere 
1 cucchiaino miscela 4 spezie 
sale
120 g zucchero di canna muscovado + 2 cucchiai per la finitura 
35 g burro
45 ml di olio di arachidi 
2 uova
100 g kefir o latticello 

Mettete i datteri a pezzi nel tè bollente per almeno 30 minuti poi frullare finemente.
In una ciotola, setacciare la farina, le spezie, il cacao, il bicarbonato, il sale e mescolate. 
In planetaria, montate le uova con lo zucchero fino a quando non triplicano di volume. 
Fate sciogliere il burro e lasciate intiepidire, unitelo poi al composto di uova, aggiungete la panna acida e il i datteri e amalgamate il tutto. 
Aggiungete le farine e mescolate con una spatola, poi proseguite con la frusta per altri 10 secondi.
Foderate lo stampo con carta forno e versateci l'impasto. 
Spolverizzate con zucchero di canna. 
Cuocete a 180° C  per 50 minuti, dopo 40 minuti tastatelo, dovrà risultare morbido, leggermente gommoso. 

Fate raffreddare 10 minuti nello stampo, poi sformate. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo