Passa ai contenuti principali

Tortiera di carciofi e patate

4 anni. Tanti ne sono passati da quando ho iniziato questa avventura nell’azienda dove lavoro.
Ricordate quella botta di culo a 300 metri da casa facendo un lavoro che mi piace?
Tante le cose positive, soprattutto nell’ultimo anno, dove il rapporto tra colleghi è diventato più forte e famigliare; con alcuni si organizzano aperitivi serali, con altri il Pranzo Sociale (o degli Orfanelli). Appuntamenti diventati quasi indispensabili e che rafforzano inevitabilmente la voglia di collaborare anche nel lavoro.
Nicola è uno dei colleghi a cui sono più affezionata. Sono il classico personaggio asociale che per 2 anni ha mangiato con il suo Kindle, non aspettatevi troppe effusioni, con nessuno, però... a Nicola sono affezionata.
Lui è un grande amante della buona cucina, è spiritoso, abbastanza incazzoso e di ottima compagnia. Quando capita di incontrarlo al caffè, inevitabilmente parliamo di cibo.
Lo scorso anno, o forse di anni ne sono passati già due, mi raccontava di un piatto calabrese, un tortino a strati con patate, carciofi, provola e prosciutto. 
Una vera delizia, un piatto goloso ed estremamente equilibrato. Ottimo da preparare in anticipo, si può fare anche al forno, in teglia o in monoporzione.

La giornata nazionale del carciofo celebrata da Calendario del cibo italiano mi sembrava una buona occasione per preparare questo piatto e farlo conoscere anche a voi.


P.s. delle cose negative del lavoro ne parleremo in altra occasione, sicuramente dopo il 28 febbraio.


Per 4 persone
6 patate
8 carciofi
60 g di pangrattato aromatizzato (prezzemolo, aglio, sale e grana)
60 g di grana grattugiato
150 g di provola
150 g di prosciutto cotto

Pulite i carciofi e tagliateli in fette (ricavare 4-5 fette da ogni carciofo)
Pelate la patate e tagliatele in fette alte 1 cm circa.
Cuocete entrambi per 15/20 minuti in abbondante acqua salata, alla quale avrete aggiunto qualche goccia di limone.
Scolate molto bene il tutto.
Ungete una padella antiaderente capiente. Cospargete di pangrattato facendo in modo che aderisca bene alla padella, eliminando quello in eccedenza.
Disponete un primo strato di carciofi e patate schiacciando bene, aggiungete uno strato di prosciutto cotto e fette di provola (o mozzarella), spolverizzate con formaggio grattugiato.
Disponete un altro strato di carciofi e patate e schiacciate, poi ancora prosciutto, provola e formaggio grattugiato, fino a terminare tutti gli ingredienti. 
L'ultimo strato dovrà essere di patate e carciofi.
Irrorate con un filo d'olio.
Cuocete a fuoco lento con il coperchio per circa 20-25 minuti.

A cottura ultimata “rovesciate” su piatto di portata, se il fondo della padella è stato ben oliato, la tortiera si staccherà facilmente.





Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…