Passa ai contenuti principali

Gelato alla nocciola (senza gelatiera)

Mapi te le devo proprio dire, GRAZIE per avermi fatto cimentare in questa prova e per avermi fatto creare questa meraviglia!

Ma oggi c'è qualcos'altro da festeggiare...

No, non è perché parto per la Croazia per un'intera settimana dove prenderò il sole, farò il bagno in acque cristalline, perché mangerò pesce buonissimo e vedrò posti bellissimi in compagnia del mio amore...
No, non è perché oggi è l'ultimo giorno di lavoro, tra una settimana mi tocca ricominciare, il gioco non vale la candela...

Oggi è il compleanno della mia adorata mamma e dopo questo periodo no è proprio il caso di festeggiare, perché le cose vanno decisamente meglio e questo mi riempie di gioia.
Mi piace l'idea di festeggiare con questo gelato, che è di una semplicità quasi disarmante, ma è il mio preferito e quindi non esiste niente di meglio.

AUGURI MAMMA!





Ingredienti:
300 ml latte
300 g zucchero semolato
250 ml panna fresca
45-50 g tuorli (da 3 uova grandi)
75 g di nocciole


Resa: 800 ml
(trascrivo la ricetta di Mapi con solo l'aggiunta delle nocciole e l'omissione della vaniglia)

Per prima cosa tritare le nocciole molto finemente con 100 g di zucchero.
Con l'aiuto di una frusta elettrica o della planetaria montare i tuorli con altri 100 g di zucchero finché il composto “scrive”.
Unire i restanti 100 g al latte e portarlo quasi a bollore, versandolo poi a filo sulle uova montate, mescolando continuamente con una frusta. 
Versare il tutto in un polsonetto protetto da frangifiamma e fare addensare la crema inglese fino a quando non velerà il dorso di un cucchiaio e avrà raggiunto la temperatura di 85°. Non superare questa temperatura o lo stadio della velatura del cucchiaio, altrimenti la crema si coagula e impazzisce. 
Toglierla immediatamente dal fuoco e immergere la base della pentola in una ciotola contenente acqua e ghiaccio mescolando continuamente, altrimenti si raffredda solo quella a contatto coi bordi del recipiente, mentre il resto rimane caldo. Se l’acqua si intiepidisce sostituirla con altra acqua fredda e ghiaccio per abbatterne rapidamente la temperatura. 
Quando la crema sarà fredda trasferirla in un barattolo a chiusura ermetica e far riposare in frigo almeno un’ora, anche tutta la notte: il composto deve essere freddo di frigorifero prima di passare alle fasi successive della lavorazione. Unire la panna liquida al composto e amalgamarla benissimo.

A questo punto:

Se non avete la gelatiera: trasferire il composto in un contenitore basso, lungo e stretto munito di coperchio (le misure ideali sono cm 23x16x38, altrimenti suddividetelo in più contenitori piccoli, in modo che congeli uniformemente), tappare e riporre nella parte più fredda del freezer per 60-90 minuti. Trascorso questo tempo la miscela sarà ghiacciata sulla base e sui bordi, ma morbida al centro. Mescolarla molto velocemente con uno sbattitore elettrico per uniformarne la densità (volendo la si può trasferire velocemente nel robot da cucina per frullarla), poi riporla nuovamente nella vaschetta livellandola bene e rimettetela in freezer. Ripetere il procedimento per altre 2 volte a intervalli di un’ora e mezza ciascuno; dopo la terza volta trasferire il gelato nella vaschetta che lo conterrà, preferibilmente in polipropilene e riempita fino a 6 mm dal bordo; coprire il composto con un rettangolo di carta forno fatto aderire alla sua superficie (per limitare la presenza di aria umida e impedire la formazione di fastidiosi cristalli di condensa sulla superficie), tappare e rimettere in freezer per 30-60 minuti per far raggiungere al gelato raggiungere la giusta densità. Prima di servirlo, passarlo in frigorifero per 20 minuti.

Anche chi possiede una gelatiera dovrà seguire alcuni importanti accorgimenti:. La ciotola dell’apparecchio va riempita per non più di ¾, lasciando spazio per l’aumento di volume del composto. La miscela va montata per non più di 20 minuti, quando avrà raggiunto la consistenza della panna leggermente montata; non cedete alla tentazione di montarla troppo, perché il gelato si rovina e rischia di diventare simile al burro o, se si sta preparando un sorbetto, di assumere la consistenza della neve pressata.
Se il gelato non deve essere servito immediatamente, trasferirlo subito in un contenitore in polipropilene riempiendolo fino a 6 mm dal bordo, poi coprirlo con un rettangolo di carta forno che deve aderire perfettamente alla sua superficie. Tappare, etichettare e mettere in freezer: così facendo limiteremo la presenza di aria umida nella vaschetta del nostro gelato e impediremo la formazione di fastidiosi cristalli di condensa sulla sua superficie. Fare indurire il gelato dai 30 ai 60 minuti e trasferirlo in frigorifero per 20-30 minuti prima di servirlo, perché sia morbido al punto giusto.


 Con questa ricetta partecipo all'MTChallange di luglio

Commenti

  1. secondo te può non piacermi che le nocciole le metto dappertutto?

    RispondiElimina
  2. Buone vacanze!!!
    Auguri alla tua mamma e complimenti per questo gelato che intuisco ottimo!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. Che brava!!!! E buone vacanze!!!!

    RispondiElimina
  4. Auguri alla mamma!!! sicuro che avra' gradito...chi puo' non amare le nocciole? :))

    RispondiElimina
  5. Innanzi tutto un carissimo augurio alla tua Mamma per il suo compleanno!
    E in secondo luogo un ringraziamento commosso a te per aver fatto questa delizia ed esserti cimentata.
    Un abbraccio e... goditi le vacanze!!!

    RispondiElimina
  6. Innanzi tutto un carissimo augurio di Buon Compleanno alla tua mamma. :-D
    E poi un grazie commosso a te, per esserti cimentata in questa ricetta e aver tirato fuori un gelato delizioso. :-9
    Adesso goditi le tue meritate vacanze!

    RispondiElimina
  7. Arrivo tardissimo,Chiara, ma anche se non sono più in tempo per il buon compleanno di rito, vorrei lo stesso augurare alla tua mamma quella serenità che si merita. E di riflesso augurarla anche a te, che sei la figlia che tutte noi vorremo avere. La Croazia è lo scenario migliore per staccare un po' e lasciarsi tutto alle spalle- e tornare pieni di energia, per ricominciare: ma l'augurio, davvero, è che gli orizzonti siano tutti rosa e tutti pieni di cose belle.
    come questo gelato, che è un invito al puro godimento, dalla scelta del gusto, alla cremosità, alla presentazione. Grazie ancora e buone vacanze
    un bacione
    ale

    RispondiElimina
  8. che bellissima spiegazione... la nocciola è il mio gusto preferito che bello che lo posso fare anche senza gelatiera ^_^

    RispondiElimina
  9. Ciao Chiara ! Come va? Ho finalmente pubblicato la ricetta dell'insalata con l'avocado...anche se è un pelino diversa in ogni caso ti ho ovviamente citata!
    Un bacio grande e se vuoi vederla...http://www.lacucinachevale.com/2012/07/l-insalata-con-gamberi-speziati-avocado.html

    RispondiElimina
  10. ciao che bontà!!! perfetto una ricetta adatta anche per chi è in vacanza e una gelatiera non ce l'ha!!! me la segno, non è detto che qui al mare lo si possa fare... buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  11. Si, si, mi ricordo di questo gelato meraviglioso, me ne avevi parlato di persona alla nostra cena Sushi :)
    Io rientro a Milano il 18 e vorrei già pre-pianificare la nostra cenetta a 4, mi mancate!!!
    Come sono andate le vacanze in Croazia? Mi dovrai raccontare nei dettagli. Io sono al mare in Liguria ora, mentre Fra è dai suoi. Mi diverto e mi rilasso, non par proprio vero.
    E tu, news?! Spero bene che sia buone tra l'altro!
    Attendo tue.
    Mari

    Ps. domani ti scrivo su feisbuc!

    RispondiElimina
  12. la ricetta non è chiara 100 gr di zucc con le uova 100 gr di zucc con le nocc e i 300 ml di latte ? e il restante zucc?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo