Passa ai contenuti principali

Torta salata con pomodori ripieni e pesto

La Stazione Centrale di Milano è quasi da tutti considerata un luogo di passaggio, spesso frequentata da personaggi spiacevoli e quindi luogo nel quale non soffermarsi a lungo, se non per salire e scendere dal treno. 
Io, al contrario l'ho sempre molto amata, alzavo il naso all'insù, ammirando la sua imponenza e bellezza. Ultimamente poi l'hanno tutta risistemata, è bella, funzionale, a spasso coi tempi, addirittura pulita, ma la cosa più bella è che l'attesa adesso si può ingannare tra le pagine dei libri e dei giornali nei 3 piani di libreria che si trova al suo interno. 
Di solito in quella libreria specifica io i libri non li compro, ti fanno pagare la tessera punti e io è una cosa che non ho mai tollerato, ma da quando è in stazione spesso ci passo un sacco di tempo e sfoglio tutti i libri di cucina,
e i giornali (anche se non si dovrebbe, lo so!). 
Proprio in una di quelle occasioni in luglio stavo velocemente sfogliando "Sale & Pepe" e ho visto la foto di questa ricetta, l'ho letta al volo e memorizzata, la dovevo assolutamente fare!
Un po' l'ho cambiata, anche perché la memoria non mi ha assistito fino in fondo, il cambio della pasta invece è volontario, anche se la prima volta ho usato la sfoglia, come nella ricetta sul giornale.
In precedenza l'ho cucinata in occasione di una cena tra cugini, alcuni dei tanti, ed è stata un vero successo, ma allora non ero riuscita a fare la foto ma adesso eccola qui. 

Non ho resistito e mentre fotografavo ne ho mangiata una fettina ancora calda, una meraviglia goduriosa, consiglio a tutti di farla!















Ingredienti:
1 rotolo di pasta brisè
6/8 pomodori perini 
4 cucchiai di pesto leggero
150 g di quartirolo lombardo
origano
olio
sale, pepe

Incidere la superficie dei pomodori con un coltello a formare una croce, sbollentarli per 30 secondi in acqua e privarli della buccia. Tagliarli a metà, svuotandoli della parte interna, salarli e metterli a scolare su un foglio di carta assorbente, con la parte concava verso il basso, per almeno 15 minuti.
Tagliare il formaggio a cubetti e condirlo con olio, sale, pepe ed origano.
Nel frattempo stendere la pasta brisè e ricoprirne la superficie con il pesto.
Riempire i pomodori con il formaggio e disporli a raggiera sulla pasta con il ripieno rivolto verso l’interno, spolverare con abbondante origano e irrorare con un goccio d’olio evo.
Infornare a 200° per 30 minuti.

dal 10 settembre
Con questa ricetta partecipo al contest di Barbara del blog La cucina di Barbara, "Get an Aid in the Kitchen"

Commenti

  1. Assolutamente una torta ricca di colore e di gusto!
    In bocca al lupo per il contest
    ciao :)))

    RispondiElimina
  2. wow ultimamente sei molto fashion in cucina ;-)

    RispondiElimina
  3. Eccomi qui a vedere questa prelibatezza che mi mette fame :)
    E poi grazie infinite per partecipare al mio contest, ti inserisco subito,
    buona giornata, Barbara

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia tra colore profumo e sapore è un piatto su cui mi fionderei senza esitazioni ^_^
    Kika cara ti aggiungo alla lista dei partecipanti per Sabato mi diresti il tuo nome di battesimo? Grasssie ;)
    A Sabato, baci
    Sonia

    RispondiElimina
  5. Ciao Kika,
    vengo dal blog di Sonia e ora girerò per il tuo blog. Non trovo come diventare sostenitore, è possibile?
    Sono contento che ci sia anche tu sabato.

    RispondiElimina
  6. Ciao Kika! Anche a me questa torta ha ingolosito molto solo a guardarla! Infatti l'ho preparata un mesetto fa! Eccola
    http://www.speckandthecity.com/2011/09/sfogliata-di-pomodori-ripieni.html
    E' stato un piacere conoscerti e infatti mi sono unita tra o tuoi lettori!
    se ti va passa a trovarmi!
    Ciao
    Tania

    RispondiElimina
  7. Ciao Carissima. Ho visto il tuo commento e ti ringrazio molto. Io non so esaudire la tua richiesta (sono un impiastro con l'informatica), posso solo dire che seguo i blog inserendoli nella mia pagina google reader. Così vedo tutti gli aggiornamenti, che non passano attraverso la posta. Altro non saprei fare, ma se mi spieghi di quale bacheca parli, sarò contenta di fare quello che mi consigli.

    Bellissimo il tuo blog!
    Un abbraccio e felice di averti conosciuta
    Mari

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo