Passa ai contenuti principali

Pollo e peperoni

Settimana scorsa ho provato a superare me stessa e la paura pazzesca che ho dell'altezza. 
Le vertigini non le ho sempre avute, ma sono aumentate piano piano con il tempo, sicuramente perché, come per tutte le fobie, ero io stessa ad aumentare la paura, autosuggestionandomi.
Da bambina leggevo sugli alberi, da adolescente non avevo paura a salire sulle seggiovie quando andavo a sciare, a saltare da trampolini di 3 metri in piscina, a tuffarmi di testa da quelli più bassi, ad affacciarmi dal balcone di casa di mia mamma al secondo piano. Poi per tantissimi anni non ho fatto più nulla di tutto questo, per paura!
L'unica cosa a cui non ho mai rinunciato è il trekking in montagna, ma con i piedi ben piantati a terra.
Da quando io e Filippo stiamo insieme ne abbiamo fatte di cose, la nostra prima gita è stata alla diga di Verzasca in Svizzera, poi non ci siamo fatti mancare la diga del Vajont in Friuli, quella del Gleno in Val di Scalve, per non parlare delle montagne della Valle Imagna, della vicina Val Taleggio, del triangolo lariano, delle Dolomiti, solo per citarne alcune. 
Mai però avevo osato tanto, domenica mattina, con Nick e Cristina, siamo stati al Parco Avventura, una serie di percorsi di abilità sospesi tra gli alberi, tra passerelle in legno, ponti tibetani, scale a pioli e corde volanti. 
Dopo il breve percorso di prova abbiamo deciso di saltare a piè pari il percorso Junior, per dedicarci a quello Top, una serie di percorsi graduali, dal verde al rosso passando per blu. Con il verde tutto bene, un po' di fatica fisica, ma le vertigini pienamente sotto controllo, tanta era la concentrazione e poi la soddisfazione nell'eseguire l'esercizio. Il problema si è verificato nel momento in cui abbiamo deciso di saltare il percorso intermedio, perché troppo affollato, per dedicarci al rosso "PER ESPERTI"!!! 
La farò breve, ho dovuto lanciarmi con una corda stile liana di Tarzan, aggrappandomi ad una ragnatela alla fine del volo, per poi scalarla con la sola forza dei miei poveri muscoli.
A lanciarmi ci ho messo quasi mezzora, ero terrorizzata di fare quel salto nel vuoto, poi quando finalmente mi sono decisa, sono piombata malamente sulla rete alla quale mi sono aggrappata con un'ascella (l'ematoma è ancora visibile ad una settimana di distanza) e poi la fatica per risalire è stata talmente tanta che mi sono dovuti venire a prendere sulla piattaforma in cima all'albero perché ancora un po' cadevo di sotto svenuta. Si insomma, ci ho provato e sono stata brava, ma diciamo che la prossima volta, se mai ci sarà, andrà meglio.

Perché vi ho raccontato questa mia avventura ad "alta quota" proponendovi poi pollo e peperoni? Ah si, perché anche i polli, come me, hanno paura di volare!!!


















Ingredienti per 4 persone:
4 cosce di pollo
3 peperoni (rossi e gialli)
1 cipolla
aromi (alloro, rosmarino, salvia)
olio evo
sale e pepe

Lavare i peperoni, eliminare il picciolo e i semi e tagliarli a tocchetti. Metterli in una grande padella con l'olio, la cipolla affettata finemente, gli aromi e le cosce di pollo. Salare con sale grosso e spolverare con il pepe. Cuocere coperto a fuoco lento per un'ora (la prova per vedere se il pollo è cotto si fa infilando una forchetta nella carne, se esce acqua, cuocere ancora). Far restringere infine il sughetto senza coperchio.

Commenti

  1. ah ah, da oggi in poi ti chiamero' donnavventura!

    RispondiElimina
  2. @Silvia: la prossima volta vieni con me e vedrai quanto mi divertirò :-P

    RispondiElimina
  3. ahahahhh Kika, che spassoso racconto, dalla morale a dir poco geniale ;)
    Mi fai ricordare il libro "Messaggio per un'aquila che si crede un pollo"!
    Bacione
    PS: la citazione che ti ha fatto l'Ale dell'MTC sul tuo cubo di macedonia... piegata in due dal ridere, fortissima! (e complimenti)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo