Passa ai contenuti principali

Mica pizza e fichi... di Gabriele Bonci

Quest'anno non avevo ancora mangiato nemmeno un fico, io che ne mangerei a tonnellate senza stancarmi mai e solo il pensiero dei rimorsi coscienza di solito mi pone un freno all'abbuffata senza ritegno. Per farvi capire la mia passione verso questo frutto dolce e succoso, vi basti pensare che la scorsa estate, quando andavo a correre al parco con Tiziana, non mancavamo mai di fermarci per raccogliere qualche fico dagli alberi (per la serie, "come vanificare i benefici della corsa").
Appena l'ho vista, un paio di settimane fa, mi son detta che la dovevo assolutamente fare e pensare che io pensavo fosse solo un modo di dire "Mica pizza e fichi", per indicare qualcosa che valeva poco e invece alla puntata de La prova del Cuoco di 2 sabati fa, mi sono lasciata ammaliare da Gabriele Bonci (ammetto che non sapevo chi fosse) e mi sono segnata immediatamente la ricetta.
Sabato ho approfittato della bellissima giornata di sole per fare un giro in bicicletta, mi son detta "o adesso o mai più" e quindi ho comprato l'ultimo cestello di fichi rimasto in tutto il mercato. Fichi pugliesi, maturi al punto giusto, dolcissimi ma non stucchevoli, con quella fantastica sensazione granulosa che lasciano in bocca...
La pizza o focaccia farcita mi è piaciuta molto, non è venuta proprio come quella di Bonci, ma sono comunque soddisfatta del risultato.


















Ingredienti per 8 persone:
Per la pasta:
1 kg di farina 0
700 g di acqua
5 g di lievito granulare
10 g di sale
1 goccio d’olio
Per farcire:
150 g di prosciutto crudo
10/12 fichi maturi

Impastare la farina e l'acqua, aggiungere il lievito, amalgamandolo all'impasto ed infine il sale ed un goccio d'olio. Impastare, mettere in una ciotola e lasciare in frigorifero a lievitare per 24 ore.
Trascorso questo tempo, trasferire l'impasto sul piano di lavoro, dividerlo in due panetti uguali, stendere il primo in una teglia da forno 40x30 cm unta d'olio con la punta delle dita, partendo dai brdi dita, in modo di ricoprire tutta la superficie, ungere la parte superiore dell'impasto con un goccio d'olio. Riprendere il secondo panetto, stenderlo come il primo sul piano di lavoro infarinato e poi stenderlo sull'impasto precedente fino a ricoprirlo tutto, ungere leggermente la superficie con l'olio ed infornare a 240° per 30 minuti, prima sotto e poi sopra.
Condire con fichi e prosciutto crudo, stando attenti a mettere le fette di prosciutto con il grasso verso l'esterno.

Commenti

  1. Eccomiiii!!!!! I fichi fanno impazzire anche me! E la pizza di Bonci non l'ho mai provata ma deve essere di un buono incredibile!
    Sono ancora un po' pressata e poco presente, infatti mi manchi un sacco, ma ci rifaremo presto!
    Un abbraccio kikina cara!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia!Essendo di Bonci è sicuramente una garanzia, l'aspetto poi è fantastico, sei stata bravissima!Smack

    RispondiElimina
  3. Ma lo sai che l'ho vista anche io quella puntata? Non la vedo mai ma il sab do' una sbirciatina perche' so che c'e' lui!
    L'abbinamento prosciutto e fichi non mi e' mai piaciuto ma la pizza di Bonci e' davvero super! baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo