Passa ai contenuti principali

Profiteroles al salmone e pistacchi con panna acida allo zafferano

Questo è l'esito della mia ora di corsa bisettimanale, tra i sentieri del parco, gli alberi multicolori e multiformi e il silenzio all'imbrunire, io generalmente penso... al cibo (poi mi chiedo perché anche correndo così tanto non riesco a perdere nemmeno mezzo etto!!!). 

Corro quasi sempre da sola e ogni volta il parco diventa fonte di ispirazione. Mi lascio attrarre dai colori, dai profumi, di conseguenza mi immagino i sapori pensando a come associare i vari ingredienti.

Posso dire ufficialmente che questa ricetta è nata al parco Nord di Milano.

Non sapevo che sapore potesse avere la panna acida con lo zafferano, ma immaginavo che il tutto stesse bene col salmone (sul colore non c'erano dubbi) e poi i pistacchi... un tocco in più.
L'unica cosa che sapevo è che i profiteroles dovevano essere salati e non la ricetta dolce classica, che io non amo particolarmente. 



















Ingredienti per 12 bignè:
Per la pasta choux:
37 ml di acqua
5 ml di latte
33 gr di burro
35 gr di farina
1 uovo
1 pizzico di sale
Per il ripieno:
120 g di filetto di salmone fresco
80 g di formaggio spalmabile light
1 cucchiaio di parmigiano 
1 cucchiaino di succo di limone
1 cucchiaio d'olio
10/15 pistacchi
sale e pepe
Per la copertura:
125 ml di panna fresca
62,5 g di yogurt magro
1 cucchiaio di limone
1 pizzico di zafferano.
granella di pistacchi

Preparare i bignè sempre secondo la ricetta postata da Stefania, che trovate qui

Pulire il trancio di salmone eliminando la pelle ed eventualmente le lische rimaste. Cuocere il salmone a vapore per una quindicina di minuti e frullarlo con il formaggio spalmabile, il parmigiano grattugiato e il succo di limone. Salare, pepare e aggiungere la granella di pistacchi. Farcire i bignè con una tasca da pasticcere e tenere in frigorifero.

Preparare la panna acida almeno 18/20 ore prima di usarla mescolando la panna fresca con lo yogurt e il succo di limone. Lasciare in una ciotola coperta a temperatura ambiente. Una volta passato il tempo aggiungere un pizzico di zafferano.Immergere i bignè nella panna acida e disporli a piramide, spolverarli poi con abbondante granella di pistacchi.Un consiglio, io per motivi fotografici ho farcito i bignè un po' prima, a voi consiglio invece di farlo poco prima di servirli, almeno rimarranno perfettamente fragranti.

banner mtc ottobre
Con questa ricetta partecipo ancora all'MTC di ottobre




















Commenti

  1. Finalmente i tanto attesi profiteroles! Sono ancora più gustosi di quello che mi aspettavo dopo le tue anticipazioni! ;) Li proverò di sicuro dato che neppure io amo molto la ricetta dolce :S un abbraccio grande e tra pochi giorni posterò un articolo per te...ci sto lavorando ;)

    RispondiElimina
  2. ma siamo proprio tutte uguali!!! la tua ricetta è nata al parco nord, io ho una serie di semafori particolarmente ispiranti... però, visti i risultati, il parco nord li batte tutti! complimenti!
    buona serata
    ale

    RispondiElimina
  3. chissà perchè mi aspettavo che la seconda versione sarebbe stata dolce e invece ... hai addirittura superato la prima! Bravissima!

    RispondiElimina
  4. Ciao Kika, ecco perché ti serviva la panna acida! dovevi inventarti questa ricetta. E' stato un piacere conoscerti a Novara, a presto. Alex

    RispondiElimina
  5. uh mamma, panna acida, e salmone che già di per se sono perfetti insieme.. con la consistenza del profitterole.. lo zafferano che profuma.. i pistacchi croccanti... questa è una ricetta da 5 stelle. e io segno subito la rifarò a natale eheh sei entrata nel mio menù ^_^

    RispondiElimina
  6. Non si può certo dire che ti manchi la fantasia! Dovrei cominciare anche io a correre al parco (no, non mi sento uguale a nessuno, almeno non ai modelli virtuosi di voi altre che dovrei seguire di più). Comunque già mi sento una donna nuova andando a Bourlesque, a Tennis e in palestra, ma tra non vergognarmi troppo nel primo caso, centrare la pallina con la racchetta nel secondo e non morire di infarto nel terzo, non penso mai agli abbinamenti culinari. Dovrei iniziare :)
    Complimenti e a presto
    Mari

    RispondiElimina
  7. Se il risultato è questo.....frequentiamoli sti parchi!
    Direi che l'ispirazione è stata splendidamente gestita, un grande risultato!!
    Bravissima!!!!

    RispondiElimina
  8. Caspita, se Parco Nord fa questo effetto da domani vengo a correrci anch'io, nonostante detesti la fatica fisica in generale, e la corsa in particolare!!! :-9

    RispondiElimina
  9. caspita che ideaaa!!!...e tutto questo correndooo???...ammazzaaa!!!...mi tocchera' correre anche a me....uffff...ma io sono pigraaaaaaaaa!!!....complimenti oltre ai colori sicuramnete anche i sapori si amalgamano bene...panna acida + salmone...SLURPPPPPP!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo