Passa ai contenuti principali

Profiteroles o cassata siciliana?

Questo mese con la sfida dell'MTChallange proposta da Stefania non mi son riuscita proprio a trattenere. Ho frequentato assiduamente il parco e queste sono le conseguenze.
Potevamo concludere senza un dolce? E siciliano per giunta (giuro che non è un modo per corrompere un membro della giuria)?
Quindi, dopo i profiteroles ai funghi misti con fondue di taleggio e quelli al salmone e pistacchi con panna acida allo zafferano, vi presento la mia rivisitazione piramidale della cassata siciliana, dopo essermi mangiata metà del ripieno a cucchiaiate non ho saputo resistere a mangiare anche metà bignè mentre facevo la foto... davvero trooooooppo buoni, provare per credere.


















Ingredienti per 12 bignè:
Per la pasta choux:
37 ml di acqua
5 ml di latte
33 gr di burro
35 gr di farina
1 uovo
1 pizzico di sale
Per il ripieno:
200 g di ricotta di pecora
65 g di zucchero a velo
15 g di gocce di cioccolato
1 cucchiaino di rum
Per la glassa:
acqua q.b.
zucchero a velo q.b.
essenza di mandorle

Preparare i bignè secondo la ricetta di Stefania, che trovate sempre qui, che è stata copincollata da qui.

Preparare il ripieno setacciando per prima cosa la ricotta, incorporare lo zucchero a velo, il rum e lavorare bene il composto fino ad ottenere una crema liscia e soffice. Unire infine le gocce di cioccolato e farcire i bignè con una sacca da pasticcere.

Preparare in ultimo la glassa mescolando l'acqua con lo zucchero a velo, mescolando energicamente e aggiungere un po' di essenza di mandorle per ricordare la pasta reale siciliana. Ricoprire i bignè.

banner mtc ottobre
Con questa ricetta sono lieta di partecipare nuovamente, per la terza volta, all'MTC di ottobre


Commenti

  1. :)) non si può certo dire che ti sei contenuta, ragazza... attenta che P.A. potrebbe essere la cura indicata anche per te!!!
    le altre me le vado a curiosare dopo, intanto mi complimento con questa, che è molto mooolto golosa, brava Kika, bravissima!

    RispondiElimina
  2. Oddio ancora sento il profumo di mandorle, mMmmmmmmmmmm!!!

    RispondiElimina
  3. Che ragazza!!!!! Ma dove ti vengono ste ideone???? Kikina, hanno un aspetto favoloso, mi sembra anche di sentirne il profumo!
    Brava, brava, brava!!!!
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  4. eccole tutte e tre! sono una meglio dell'altra lo sai??! un bacio e sono contenta che il finocchio faccia il suo dovere! :)

    RispondiElimina
  5. e meno male che tu eri quella che i bignè non li sa fare!!!

    RispondiElimina
  6. Non so cosa dire se non che .. io amo tutte le tue versioni dei profiteroles!!!Gnaaaaaaam!Bacissimi e buon we

    RispondiElimina
  7. Oh mamma, posso assaggiare tutte e tre la varianti? Solo per non scontentarne nessuna eh non per golosità sia chiaro ;)
    Buona Domenica
    Sonia
    PS: io invece continuo a sfogliare il libro di Luca, non ho ancora trovato il coraggio di provare qualcosa ^_*

    RispondiElimina
  8. Ma che ideona!!!! peccato non poterli assaggiare...un bacio

    RispondiElimina
  9. @Stella:dobbiamo assolutamente vederci presto e fare una cena a base di soli bignè!
    @Paola:le idee vengono al parco...chissà che quando corro mi viene fame.
    @Benedetta:facciamo cambio, una piadina con squacquerone e rucola per un bignè in ogni variante.
    @Stefania:tentar non nuoce :-P
    @Meggy:che piacere trovarti qui...
    @Sonia:la prossima volta che ci troviamo portiamo obbligatoriamente una ricetta a testa fatta da un libro di Montersino!
    @Gianni:devo venire in Brasile o torni da queste parti?

    RispondiElimina
  10. La tua è una ricetta originale! Mi sembrano anche molto invitanti questi profiterols. Ti faccio un grande in bocca al lupo!

    Baci
    Mari

    RispondiElimina
  11. Fantastica anche questa versione!!! :-9

    RispondiElimina
  12. Kika io e mia madre sbavavamo davanti il monitor; mi piacciono tutte le tue versioni, davvero. Mi amadre vota per quelli al salmone e pistacchi e a me piace questa versione cassata siciliana. Meno male che ci stiamo avvicinando alla fine, secondo me sei capace di farne un'altra versione :))).

    RispondiElimina
  13. @Elena:nessuna altra versione, questi bignè li ho fatti tutti insieme, ora sto smaltendo i chili accumulati :-D

    RispondiElimina
  14. Mi piacciono tantissimo i tuoi profiteroles, anche quelli salati :)
    Prendo nota... sono assolutamente da provare! Ciao Liz

    RispondiElimina
  15. Oh che bella idea che hai avuto! Bravissima, mi piace moltissimo!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  16. Ma dai hai avuto un'idea geniale!!! la cassata/profiteroles....veramente una genialata :)))

    RispondiElimina
  17. Ma sai che avevo avuto la stessa identica ricetta??? :D mihai fregata sul tempo! ihih Comunque, ottima idea ;P

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo