Passa ai contenuti principali

Passiamole in rivista: Macedonia di mango piccante e yogurt gelato

Questi tedeschi mi stanno stupendo davvero!
E chi se lo sarebbe mai immaginato che tra le pagine delle loro riviste di cucina, Rezepte mit Pfiff di maggio per esser precisi, si nascondessero delle ricette così deliziose?
Mai voi l'avete mai annusata la melissa? Io la conoscevo solo per la tisana che bevo quando ho mal di pancia ma non mi ero mai accorta del suo inebriante profumo di limone.
Selezionando le ricette di Rezepte mit Pfiff per la rubrica Passiamole in rivista di MAG about FOOD, mi sono imbattuta in questa macedonia di mango e ho pensato a quel vasetto profumato che avevo visto il giorno prima al negozio di piante vicino casa e sono corsa immediatamente a comprare tutti gli ingredienti.

Lo yogurt gelato è qualcosa di veramente buonissimo ed anche facile da fare, anche senza la gelatiera. Purtroppo l'impiattamento doveva essere molto diverso ed elegante ma la mancanza della bocchetta giusta mi ha fatto maneggiare talmente tante volte il gelato che alla fine è finito.
L'acquisto di nuove bocchette a stella è stato il passo successivo, ma questo ve lo racconto la prossima volta.



Ingredienti per 4 persone:
Per lo yogurt: 
100 g di zucchero
100 ml di acqua
2 vasi di melissa
1 cucchiaino di buccia di limone
500 g di yogurt greco (10 % di grassi) 
1 albume d'uovo
Per il croccante:
1 fetta di pane di segale integrale (Pumpernikel)
20 nocciole
1/2 cucchiaio di zucchero
Per il mango: 
1 Mango 
2 cucchiai di succo di lime
1/4 di cucchiaino di peperoncino in fiocchi 

Per preparare lo yogurt far cuocere lo zucchero in 100 ml di acqua per 5 minuti, poi far raffreddare lo sciroppo ottenuto.
Preriscaldare il forno a 200°.
Mettere il pane e le nocciole nel tritatutto e tritarle finemente. Aggiungere lo zucchero e sbriciolare l'impasto ottenuto su una teglia rivestita di carta forno.
Infornare sul secondo ripiano del forno del forno per 8/10 minuti fino a quando non sarà croccante. Togliere dal forno e lasciar raffreddare sulla teglia.
Sbucciare il mango, tagliarlo a dadini e metterlo in una ciotola, spruzzare con succo di lime ed aggiungere il peperoncino.
Per lo yogurt, staccare le foglie di melissa dagli steli. Mettere 12 foglie in acqua fredda e tenere da parte. Tritare il resto della melissa grossolanamente e metterla nel bicchiere del frullatore con lo sciroppo di acqua e zucchero e la buccia di limone e frullare bene. Unire lo yogurt.
Semi montare l'albume d'uovo con una presa di sale e incorporarlo al composto di yogurt.
Mettere nella gelatiera e lavorare per 30 minuti oppure mettere in un contenitore ben chiuso in freezer e mescolare ogni ora per 3 volte, poi coprire con carta forno a contatto e lasciar raffreddare per tutta la notte. Togliere dal freezer 5 minuti prima di servire e mescolare brevemente.
Suddividere il mango in 4 ciotole. Mettere lo yogurt gelato in una sac à poche con il beccuccio a stella e distribuirlo sulla macedonia di mango. Guarnire con foglioline di melissa e con il croccante di nocciole.


Commenti

  1. È bellissimo snche l’impiattamento, non preoccuparti. Davvero da assaggiare!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …