Passa ai contenuti principali

Fiore portafoto per MAG about food

Con l'avvento delle macchine fotografiche digitali la stampa di foto è diventata cosa assai rara, scattiamo molte più fotografie ma le teniamo tra i file nel nostro computer o le condividiamo nelle bacheche dei social network.
Grazie alla rubrica DO IT YOURSELF! di MAG about food ho riscoperto delle vecchie foto che mi erano state scattate al mio matrimonio ed ho pensato che servisse un portafoto carino e personalissimo per poterle mettere sullo scaffale della libreria.
Ho creato un semplicissimo portafoto con spirale di fil di ferro ricoperta di rafia verde ed una base a forma di fiore con i mattoncini di mais colorati.

Ammetto di averli presi in prestito alle bambine, ma la tentazione è stata troppo forte, dato che si incollano solo bagnandoli con un po’ d’acqua.


Cosa ci serve:
fil di ferro 
rafia verde
mattoncini di mais colorati
1 pinza
colla a caldo



Tagliate un pezzo di fil di ferro e con tenendo un'estremità ferma con la pinza, arrotolatelo su se stesso creando una spirale e poi lasciando un pezzo di filo dritto, come se fosse un punto di domanda.
Prendete la rafia ed incollate con la colla a caldo l'estremità alla punta interna della spirale e cominciate ad avvolgerla stretta lungo tutto il filo, incollando sempre con la colla a caldo l'ultimo lembo.
Se pensate sia più semplice, fate il processo inverso: prima avvolgete la rafia e poi create la spirale.



A questo punto il difficile del lavoro è fatto.
Se avete dei bambini dovete assolutamente comprare i mattoncini di mais, si divertiranno tantissimo a creare animali, fiori e tutto ciò che verrà in mente loro.
Se di figli non ne avete, comprateli lo stesso, costano meno di 10 euro e potrete creare regalini per tutte le vostre amiche, segnaposti per le vostre cene e tutto ciò che la vostra fervida fantasia vi farà creare.

Prendete 5 mattoncini di un colore ed 1 mattoncino giallo.
Con la punta del dito o con la spugnetta che troverete in dotazione, bagnate leggermente un'estremità del mattoncino ed attaccatela al mattoncino giallo. Procedete con i restanti mattoncini, a raggiera, premendo leggermente.
Quando si sarà ben asciugato potrete infilzare il fiore con il suo gambo.


Sono sicura che vi innamorerete come ho fatto io e farete dei bellissimi regali ai vostri amici e alle vostre mamme.


Ma non è finita qui, perché le mie amiche Gaia, Manuela ed Eliana si sono sbizzarrite creando altri meravigliosi oggetti a tema floreale, delle bottigliette portafiori, dei vasetti con una vernice su cui si può scrivere con i gessetti e delle adorabili calamite da attaccare al vostro frigorifero.
Trovate tutto nell'articolo DIY...telo con i fiori! di MAG sul sito MTChallenge.

Commenti

  1. Bellissimi <3. Ma sai che carini anche come segnaposto?? Sei sempre originalissima e con quel tocco romantico un po' da Peter Pan che mi piace tanto! E poi lo sai che non sapevo proprio dell'esistenza di questi mattoncini? Ho imparato un'altra cosa :D
    Un abbraccio forte forte,
    Eli

    RispondiElimina
  2. Semplicissimi e tanto carini! un bacione, Kika !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo