Passa ai contenuti principali

L'acchiappasogni per MAG about food

Aprile dolce dormire...
Questo detto è proprio vero, chissà come mai si vorrebbe sempre riposare mentre la natura si risveglia, strani sti esseri umani.
Nonostante poco realistico passare un mese in branda a dormire e a dedicarsi al tanto sospirato relax, per una volta abbiamo deciso di assecondare questa naturale inclinazione e dedicarci al riposo. Anche se per un giorno soltanto, noi di MAG about food ci proviamo, nel nostro piccolo, a darvi qualche idea.

Che ci fosse un gruppo di creative pazzerelle amanti del fai da te già ve ne eravate accorti, vero? 
Ecco allora qualche idea semplice e facilmente realizzabile per i vostri momenti di riposo, di lettura, di sonno e di dolce far niente.



foto di Mai Esteve

Eliana del blog Il gamberetto Eli ha disegnato due bellissimi segnalibri ispirati alla fiaba di Alice nel paese delle meraviglie e ci mostra un tutorial per realizzare Alice con il fimo
Manuela del blog A dieta da lunedì si dedica al cucito e ha fatto custodie di tutti i tipi e per tutti i gusti: per lettore di e-book, per gli occhiali da lettura e un carinissimo segnalibro a forma di zampina
Gaia del blog Profumo di mamma ha ceduto al sonno con la mascherina dolci sogni, indossata da un buffo amico verde. 

E quando ormai avrete ceduto al sonno trovandovi nel paese delle meraviglie in compagnia di Alice e del Brucaliffo, il mio acchiappasogni vi aiuterà a fare dei bei sogni.
Secondo la tradizione indiana, infatti, gli incubi che vagano nell’aria, di notte, vengono intrappolati in una ragnatela posta vicino al letto, finché la luce dell’alba non li porta via. 



Ma andiamo con calma, fare un acchiappasogni non è cosa impossibile quindi non abbiate paura, ecco cosa vi serve:
fil di ferro sottile
spago o fili di lana o cotone colorati abbastanza spessi
nastrini, perline o qualunque cosa vi piacerebbe appendere


Formare un cerchio con il fil di ferro del diametro desiderato avvolgendo almeno 3 giri di filo. Fermare un capo dello spago con dello scotch di carta ed iniziare ad avvolgerlo tutt'intorno al fil di ferro, molto stretto, per coprire tutta la superficie, chiudere con un doppio nodo.



Tagliare un altro pezzo di spago abbastanza lungo, quanto dipende dal diametro del vostro cerchio e fare un doppio nodo in prossimità della chiusura.
Faremo una stella a 5 punte quindi misurate la lunghezza dello spago fissando 5 punti intorno al cerchio.
Individuato il primo punto, girate lo spago intorno al cerchio poi passatelo all'interno della mezzaluna che si è creata, così da creare un nodino e continuate così per tutta la circonferenza. 


Iniziate il secondo giro procedendo nello stesso modo, facendo il nodino al centro di ogni lato della stella precedentemente creata.


Procedere fino al centro e fissare con un nodo.


A questo punto possiamo passare alla decorazione.
Non vi spiegherò come fare, io ho scelto tre nastrini colorati con perline ed applicazioni di legno, però potete dar sfogo alla fantasia attaccando ai vostri fili o nastri tutto quello che vorrete: perline, conchiglie, piume, ecc.


Questo è il mio primo acchiappasogni e sinceramente si vede, non è di certo perfetto, ma con un po' di pratica so che faremo delle bellissime cose.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo