Passa ai contenuti principali

Quiche di mele e cipolle rosse di Ernst Knam

Gli ultimi giorni sono stati un po' movimentati, ho fatto un giretto nella bella Liguria e mi son goduta un paio di giorni di tranquillità, senza lasciarmi sopraffare dall'inquietudine.
Ovviamente, appena rientrata a casa, la situazione è tornata tale e quale e al momento la voglia e il tempo di stare ai fornelli mancano quasi del tutto e spesso lo faccio solo per necessità e per non morire di fame.
La mamma, dopo una caduta e un piccolo viaggetto al pronto soccorso si è un po' ripresa, a quanto pare, visto adesso che vi scrivo sono le 5:40 e che son sveglia da più di un'ora, io ci metto un po' di più a godere di questo nuovo status, ma se le cose continuano così (speriamo), tornerò a farmi delle sane dormite.

Ma parliamo di cose decisamente più piacevoli, la scorsa settimana Mari è venuta a cena a casa mia e abbiamo fatto un picnic improvvisato sul mio mini-balconcino. Oltre al buonissimo formaggio, a chili di insalata e alla sanissima bresaola portati da Mari, abbiamo mangiato questa quiche, un po' di tiramisù alle fragole e, tra chiacchiere, confidenze e risate spensierate, ci siamo scolate anche una bella bottiglia di prosecco. 
E' stata una serata meravigliosa. 

La ricetta l'avevo fatta con Paola un paio di settimane fa, lei stava preparando il banchetto (non è un eufemismo) per la cresima di Greta, ma purtroppo non avevo potuto assaggiarla, a meno di non portare agli ignari ospiti una quiche parzialmente smangiucchiata, ma la curiosità per questo splendore era tanta e non ho potuto fare a meno di rifarla.



















Ingredienti:
Per la pasta brisée:
280 g di farina
130 g di burro
80 g di acqua fredda
10 g di sale
2 tuorli
Per il ripieno:
350 g di mele golden
200 g di cipolle rosse (io di Tropea)
200 ml di panna fresca
1 uovo
olio evo
sale e pepe

Per prima cosa preparare la pasta brisée impastando tutti gli ingredienti, formare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e lasciar riposare almeno 2 ore in frigorifero.
Passate le 2 ore riprendere la pasta e stenderla con il mattarello su un foglio di carta forno in modo da poter rivestire lo stampo, bordi compresi, poi metterlo in frigorifero.
Tagliare a fette sottili le mele e le cipolle.
In una padella capiente saltare le cipolle con olio e sale e poi unire le mele. Cuocere pochi minuti, le cipolle non devono caramellare e le mele devono solo ammorbidirsi.
Versare il composto nello stampo ed aggiungere la créme royale ottenuta mescolando la panna con l'uovo, il sale e il pepe.
Cuocere a 180° per circa 40 minuti.

Commenti

  1. Grande Kikina.... la devo rifare anche io, sono davvero curiosa di assaggiarla!
    Sono contenta che la mamma stia meglio!
    Un baciottone grande grande!
    Paola

    RispondiElimina
  2. Bellissima ricetta, mi piacciono molto le cipolle di Tropea e abbinate con le mele mi incuriosiscono.

    Auguri per la tua mamma! :*

    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. Non ho mai fatto una combinazione cosi. Mi piacciono le cipolle rosse in forno, quando faccio il pesce, e poi mi piacciono anche' le mele, cosi di sicuro provero questa tua bella ricetta.

    RispondiElimina
  4. Daii, Chiara, facciamo il tifo anche da qui. So come ci si sente, ma so anche che i pensieri positivi funzionano, anche se corrono sul web: e i miei galoppano :-)
    Amo knam sopra ogni cosa, quasi quanto Paoletta :-) ma la tua versione non ha nulla da invidiare a chicchessia!
    bravissima
    ale

    RispondiElimina
  5. Il ripieno con mele e cipolle è davvero particolare, mi incuriosisce molto, lo proverò!

    RispondiElimina
  6. Dai Kika!!! Vedrai che si aggiusta tutto piano piano... pensa positivo e vedrai che un aiuto te lo dai sicuramente da sola.
    La torta è spettacolare e l'abbinamento cipolla-mela ... da provare!
    Invidio la tua puntata in Liguria, per il momento sono ancora ancorata a questa soffocante Milano.
    Buona giornata piccola!
    Nora

    RispondiElimina
  7. Che ricercato il gioco di sapori! originalissima!
    bacioni

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo