Passa ai contenuti principali

Quesadillas romagnole e 10 anni di attesa

Quando una persona viene a casa mia sa che non ci si deve avvicinare alla cucina, che quello è il mio regno e puo' essere violato solo dalla sottoscritta, non è che c'è un cartello che interdisce il passaggio, ma molti miei gesti "inconsci" rendono la cosa ben chiara.
Stavolta però è stato diverso, ho davvero avuto difficoltà ad impormi. 
Lui lo conosco da 15 anni ormai, all'inizio mi sono presa una bella sbandata, era il 1997 a Weimar durante un campo di lavoro estivo, di anni ne avevo 19 e lui 16, la cosa è durata pochissimo, in effetti meno per lui che per me, ma poi siamo diventati come fratelli.
Mentre studiavo in Germania approfittavo spesso per passare qualche giorno nella vicina Repubblica Ceca dove frequentava l'università, nonostante le sue origini slovacche.
Una volta ho persino detto a mia mamma che andavo 5 giorni ad Amburgo in gita scolastica, ma ho usato quei soldi per passare 4 giorni con lui e i suoi amici tra Brno e Považská Bystrica e siccome i soldi scarseggiavano, al ritorno ce la siamo fatta in autostop fino a Karlsuhe, con tanto di viaggetto sulla macchina della polizia, perché ci hanno beccato a farlo con il dito alzato in autostrada e a quanto pare anche lì è proibito. 
Nel 2003 sono anche andata a trovarlo in North Carolina, dove si era appena trasferito, ma l'uragano Isabel  ha fatto da terzo incomodo condizionando il nostro viaggio e i tanto sognati bagni nell'oceano blu, si sono trasformati in una fuga nell'entroterra, giorni senza luce né acqua, in un viaggio folle a New York e nell'ansia di mia madre, che pensava che Isabel mi avrebbe risucchiato nei suoi vortici, e ancora ne patisce le conseguenze. 
Ne abbiamo fatte di ogni insieme, ma da allora non ci siamo più visti, lui nel frattempo si è trasferito a Sarasota in Florida, si è sposato ed ha avuto una splendida bambina.
E poi è arrivata la sua mail, lui e Monika sarebbero venuti in Italia per qualche giorno ed eccoci qui, con il salotto pieno di vestiti e la cucina super affollata, ma come glielo spiegavo io in inglese, che di solito sono io che cucino??? :-P

Ovviamente ho supervisionanto il lavoro e il ragazzo ci sa fare, anche e soprattutto perché poi pulisce dove sporca e devo ammettere che la sua cena italo/messicana era davvero da leccarsi i baffi.




Ingredienti per 3 persone:
3 piadine all'olio d'oliva
2 fette di petto di pollo
3 fette di formaggio svizzero
1/2 cipolla rossa di Tropea
1/2 peperone rosso
formaggio spalmabile
cajun: mix di spezie piccanti per barbeque*


Cospargere i petti di pollo con gli aromi e grigliarli in una padella molto calda, rigirandoli a metà cottura, una volta tiepidi sfilacciateli con una forchetta e tenere da parte.
Spalmare metà di una piadina con il formaggio, distribuire un po' di pollo, delle fette di cipolla, dei filetti di peperone e una fetta di formaggio svizzero, richiudere la piadina a metà e scaldarla in una padella molto calda, da entrambi i lati, finché non sono ben dorati e croccanti.
Tagliare a fette e mangiare accompagnando con salsa messicana**.

 
Ovviamente le quesadillas sono perfette fatte con le tortillas, ma siccome noi non le abbiamo trovate, abbiamo optato per delle più italiche piadine all'olio d'oliva.

Il risultato è diverso, la piadina rimane molto più croccante, ma direi che non è affatto deludente, tutt'altro.
All'interno potete mettere quello che più vi piace, l'importate è il formaggio, che deve sciogliersi, ma non diventare acquoso.

*Un piccolo pensiero portato direttamente dagli States, contiene peperoncino, aglio, cipolla, erbe, sale

**La salsa messicana si trova al supermercato o nei negozi etnici, noi l'abbiamo fatta fresca ed era buonissima, in contrasto con la piadina calda. La ricetta la posterò nei prossimi giorni, quindi non allontanatevi troppo.

Commenti

  1. Chiara, ora che ci penso quando sono venuta a casa tua non ho oltrepassato la soglia del tavolo :-D Ma quante cose abbiamo in comune, anche io ho mio cugino che ha vissuto tanti anni a Sarasota e ora vive nel North Carolina, siamo andati a trovarlo 3 anni fa! Baci

    RispondiElimina
  2. che bella storia!! Ma mica mi avevi detto di aver passato tante avventure!! ^_^

    RispondiElimina
  3. Che storia la vostra! ... Bello che ora sia venuto con famiglia! :) ...grazie per aver condiviso la sua ricetta... Me gusta questa cucina fusion! :)

    RispondiElimina
  4. e finalmente vedo il risultato delle chiacchiere di oggi...gnam gnam!
    Per la salsa poi posso dire subito che è strabuona!
    Un abbraccio Kikina!

    RispondiElimina
  5. Ma sei una giramondo!!! :D
    Le amicizie che superano i confini e il tempo hanno qualcosa in più!
    Ho un barattolo di quelle spezie e adesso anche la ricetta pòer utilizzarle!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  6. Ci sono delle amicizie che ci regala la vita che restano per sempre. anche se lontane resistono a tutte le asperità della vita e tornano, a farci ricchi, quando le incrociamo di nuovo.
    Buona idea le tue *piadine*... siamo in sintonia, io ho pubblicato una cosa simile, ma molto più *etnico de noaltri*... :-)
    Buona settimana Bimba!
    Nora

    RispondiElimina
  7. perchè leggo questo post con gli occhi di una mamma e non con quelli della figlia che, autostop a parte, più o meno le ha fatte tutte?
    ...sto invecchiando, mi sa...
    ma non tanto da non apprezzare, oltre le quesadillas, anche il cuoco ;-)
    e gliela perdoniamo, dai, l'incursione nel tuo regno!

    RispondiElimina
  8. Ciao! che bellissima idea! la vogliamo provare pure noi!!
    Semplice la preparazione e davvero stuzzicante il gusto piccantino!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Quel «ci hanno beccato a farlo (barrato) con il dito alzato in autostrada» potremmo definirla una lirica dell'inconscio.

    RispondiElimina
  10. Che belle queste amicizie....che durano a dispetto di tutto e tutti....e che belle queste Piadinille (posso ribattezzarle?)....
    a proposito, mi sono aggiunta anch'io :-p

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo