Passa ai contenuti principali

Insalata di riso pilaf e un pic-nic sul Serio

E meno male che davano pioggia! Sabato mattina sono partita un po' con quest'idea, che la giornata si sarebbe guastata a causa del maltempo, ma poi ho recitato il mio mantra della positività (in questo periodo si rende spesso necessario) e con tutta la carica ricevuta, ho preparato quest'insalata di riso un po' particolare per il pic-nic con Cinzia e Mari in Val Seriana. Era una settimana che pregavo di poterci andare, sapevo che mi avrebbe fatto bene e non sono rimasta delusa. 
E' stato così che io, Mari, Cinzia, i suoi bulldozer e la piccola Tea siamo andati in riva al Serio, steso coperte e lenzuola, abbandonato le scarpe, stappato una bottiglia di vino e abbiamo passato una meravigliosa giornata spensierata tra chiacchiere, risate, confidenze e ovviamente ottimo cibo. Ho trovato fantastica l'insalata di quinoa con albicocche e pomodorini di Cinzia, un accostamento che mai mi sarei immaginata, eppure...  e poi il danubio di Mari e sempre la sua strepitosa insalata di lenticchie, carote e pomodorini, freschissima e assolutamente golosa. Mari ha portato addirittura un succo di frutta alla pesca home made che i piccoli (anche i gradi, lo ammetto) hanno apprezzato moltissimo, lasciandola letteralmente in un brodo di giuggiole. 

La ricetta l'ho presa dal blog di Labna ed è stato amore a prima vista.


























Ingredienti per 4/6 persone:
2 bicchieri colmi di riso Jasmine
2 bicchieri colmi di acqua
2 zucchine
2 lime*
1 scalogno
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1 manciata di pinoli
semi di sesamo
menta fresca
olio evo
sale

Affettare lo scalogno finemente e metterlo a soffriggere in una capiente pentola con paio di cucchiai di olio evo, dopo un paio di minuti aggiungere le zucchine tagliate a julienne, la scorza di lime grattugiata, un pizzico di sale grosso e continuare a cuocere per circa 5 minuti. A questo punto versare il riso, facendolo tostare per un paio di minuti e poi coprire con l'acqua. Mescolare bene, coprire e continuare la cottura a fuoco bassissimo per altri 25/30 minuti.
Fare intiepidire e aggiungere abbondante menta fresca tritata, un filo d'olio evo e poi trasferire il riso in un altro recipiente sgranando bene i chicchi.
Tostare infine i pinoli e il sesamo in un padellino antiaderente e aggiungerli al riso, mescolando il tutto.

*Mari, dopo averla assaggiata, consigliava di aggiungere un po' di succo di limone. 
Il riso avanzato è stato quindi irrorato con il succo di lime e devo dire che è migliorato, quindi aggiungetelo anche voi.


Ti va di partecipare al mio contest?Con questa ricetta del BenEssere, partecipo al contest di Claudia del blog Verde Cardamomo, "I magnifici 20"

Commenti

  1. eh già, che sia un piatto molto azzeccato, lo posso proprio dire anch'io :)
    e sulle nostre confidenze, sono tornata anche oggi, e ci tornerò anchra per un po', sai?
    Grazie, Grazie della bellissima giornata, Un bacio grande! Anche alla tua Mamy ;)

    RispondiElimina
  2. PS: Denis e Massimo ti vogliono mndare un saluto speciale, carissima :) !!! wow!

    RispondiElimina
  3. Ciao, mi piace molto il tuo blog e l'ho messo tra i preferiti, la ricetta che hai postato deve essere sfizziosa, la proverò sicuramente...ciao e buona serata Mary

    RispondiElimina
  4. Verissimo... sto ancora sobbollendo dolcemente nel brodo di giuggiole :) Il tuo riso era eccezionale, ho già copiato la tua ricetta e quella di Cinzia, meravigliose. Che bella, bellissima giornata è stata! Grazie. Ne avevo anche io tanto bisogno Chiara. A venerdì (che bello scriverlo).

    RispondiElimina
  5. piangooooooo, mannaggia ai tornei di calcio!
    Un abbraccio e al prossimo pic nic!
    Paola

    RispondiElimina
  6. invidiaaaaa (di quella sana però!)!
    Per la compagnia per questa fresca insalata, che con la tua grinta di zenzero e semi di sesamo, mi sembra spaziale! Anche lo scalogno ci stà!
    Io mi segno questa tua, e come hai suggerito la cospargo di limone, brava e besitos!

    RispondiElimina
  7. ma che delizia... mi piace l'abbinamento con lo zenzerobacio simmy

    RispondiElimina
  8. Ma quanto vi invidio...darei chissà che per poter passare un pò di tempo in compagnia di foodblogger come voi!!!
    Mi accontento di un rapporto virtuale sperando in qualche occasione!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  9. caspita un'idea freschissima!

    RispondiElimina
  10. Pioggia oggi però :-)
    Bellissima questa ricetta..ed il tuo we positivo :-)

    RispondiElimina
  11. Voglio il mantra. non sia mai che mi riconcili con la natura,con la quale ho poca confidenza (nonostante tutti gli scherzi che mi abbia fatto, battutona del marito, ai tempi in cui ci ridevo su).
    Intanto qui piove- ma la voglia di pic nic con le amiche è rimasta. e pure quella di riso pilaf, vietato da Mr Dukan. Lo sapevo che non dovevo passare di qui!! :-))
    Buona settimana
    ale

    RispondiElimina
  12. i love pilaf!!!! lo mangio buonissimo in albania - bellissimo il tuo blog!!! mi unisco ai tuoi lettori, se ti va passa anche da me.

    dolcementeinventando.blogspot.it

    RispondiElimina
  13. invidiaaaaaaaaaaaaa :-) MOlto interessante questo riso!

    RispondiElimina
  14. ma che bello un picnic tra foodblogger .....e dopo la quinoa di Cinzia anche un riso pilaf ....ma che bel pranzetto che avete preparato ragazze ..chissà che bella giornata a chiacchierare tra donne.ottima anche questa ricetta la inserisco subito. Ricordati di lasciarmi anche il link al post del contest...grazie per aver partecipato. un bacio Claudia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…