Passa ai contenuti principali

Petali di merluzzo marinato al lime con fragoline di bosco e fiori di limone

Ma voi li avete mai mangiati i fiori? 
Io vivo a Milano e i fiori che conosco sono in vaso sul balcone, nei cortili delle case, qualcuno al parco... ultimamente le rotonde ne sono piene, ma capirete anche voi che mai avrei pensato di mettermi nel bel mezzo di via Gallarate e brucare le primule o le viole appena piantate, anche se lì "il verde è curato da Esselunga"! E poi pensavo che alcuni fiori fossero carnivori, non che dei carnivori potessero mangiare dei fiori.
Eppure non potevo mancare all'appuntamento di Cinzia e Valentina, alle quali le allergie primaverili hanno fatto letteralmente esplodere tutti i neuroni ideando questo contest.
Domenica poi sono stata un po' nei prati (è periodo di fragoline e prima che mio suocero tagli l'erba di tutta la valle conviene approfittarne) e di fiori ne ho incontrati, ma come avere la certezza che mangiandone uno non venissi colta da spasmi o che sopraggiungesse una morte prematura perché velenosissimi? Non mi sono fidata!
Però in cortile c'era un bellissimo alberello di limoni e ho pensato "se mangio il frutto senza morire, di certo il fiore non può farmi male" e così ho fatto la mia prima esperienza con i fiori commestibili... da non credere!


















Ingredienti per 2 persone:
2 filetti di merluzzo nordico
2 lime (solo succo)
fragoline di bosco
fiori di limone
olio evo
sale e pepe


Lavare i filetti di merluzzo, eliminare eventuali spine residue e tagliarli a metà per il lungo. 
Con un coltello per il pesce ricavare delle fettine molto sottili tagliando i filetti in diagonale. 
Preparare la marinata con succo di lime, olio evo e sale, immergervi i petali di merluzzo e cospargere con qualche fragolina di bosco e petali di fiori di limone. 
Lasciare marinare in frigorifero per almeno 24 ore.
Impiattare formando un fiore con i petali di merluzzo, mettere al centro i pistilli dei fiori di limone, decorare con qualche fragolina e i petali di fiori di limone. Condire infine con un filo di olio evo e del pepe nero macinato al momento.


Colors & food, what elese? GiugnoCon questa ricetta partecipo al contest di Valentina e Cinzia Colors & food, what else? che questo mese prevede i petali nel piatto.













contest CARPACCI
 e al contest di Leda e Claudia di About food, "carpacci golosi"

Commenti

  1. mai provati i fiori.....che particolare!

    RispondiElimina
  2. Vivo anch'io a Milano e ho la fortuna di avere un piccolo giardineto interno dove crescono piante di fichi, cachi, mirtillo da cui ho ricavato il liquore, e un nespolo.L'accostamento pesce con la frutta e fiori è molto particolare!!!

    RispondiElimina
  3. e brava kika che ti sei lanciata con i petali :-D
    Io questo mese passo :-)

    RispondiElimina
  4. fantastica! Io i fiori li mangio sempre come sai ma da colline incontaminate, hai ben ragione a stare attenta in quel di milano!! :* bacio grande cara!!

    RispondiElimina
  5. ah, ecco chi era alla rotonda...nel mio sfrecciare verso Pero mi pareva di avere visto una blogger a caccia di fiori:))
    Insomma, in effetti in città non è facilissimo come dici tu, ma i terrazzi milanesi ci possono offrire gradite sorprese, dai fiori alle erbe aromatiche anche perché da un po' di tempo è diventata una moda quella della cura del terrazzo in città.
    Lo sposalizio pesce e limone è un classico, sarei curiosa di sentirne i profumi...che bellezza...
    Buon pomeriggio, Vale

    RispondiElimina
  6. .grande, Chiara! Interpretato allerfezione, il sentore del limone grazie alla presenza dei fiori.. e un fiore formato con il merluzzo.. Brava!!!
    Grazie, grazie, grazie!!

    RispondiElimina
  7. sei un genio! Mai mangiato i fiori... dovrei applicarmi!
    Un bacione kikina mia

    RispondiElimina
  8. ti confesso un segreto, la cucina coi fiori tanto mi incuriosisce quanto mi fa paura, non conoscendo i fiori edibili non vorrei cucinare un intruglio venefico che ci manda tutti al creatore!

    RispondiElimina
  9. domani li provo subito! :D
    che bel piatto, veramente delizioso, così fresco e colorato!
    Bravissima. Un bacione

    RispondiElimina
  10. carina come idea! eh... i fiori come le erbe in generale sono un pò problematici da gestire! :) buona serata!

    RispondiElimina
  11. Che piatto favoloso, semplice e chic allo stesso tempo! Le fragoline su pesce... Troppo intrigant! ;)

    RispondiElimina
  12. Anche secondo me, come per Terry, è davvero chic :), ma davvero! Da grande ristorante, nella sua semplicità! Me ne avevi parlato, ma non avevo razionalizzato... sarà stato l'aperitivo alla pesca, il meraviglioso prosecco -Kika &Fillippo's one - che è seguito e le risate della nostra cena, vero? Ti ho mandato un sms patata e ho letto il tuo messaggio su facebook. Ci aggiorniamo per domenica. Ti super abbraccio.

    RispondiElimina
  13. che bella questa ricetta!
    mi sono unita al tuo blog e sono felice di poterti anche conoscere di persona domani sera!!!!!
    Siamo davvero tante e sarà una serata molto interessante!

    RispondiElimina
  14. Che bella ricetta complimenti^_^ Ti seguo. Se ti va passa a trovarmi. Buona giornata.www.dolciarmonie.blogspot.it

    RispondiElimina
  15. Veramente scenografico questo piatto! Complimenti, da oggi ti seguo anch'io!

    RispondiElimina
  16. Piatto da alta cucina, presentato benissimo, fresco ed elegante!
    Mi sono aggiunta al tuo blog...ciao, Cri

    RispondiElimina
  17. bravissima! ;) complimenti per la vittoria!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…