Passa ai contenuti principali

Tiramisù alle fragole

Apprensione: inquietudine che si impossessa dell'animo per timore o sospetto di un danno

Ecco, questo è quello che provo io, ingiustificatamente, nei confronti di mia mamma negli ultimi tempi.
Soffre di cervicale e le capita di avere attacchi che le causano forti vertigini e talvolta è costretta a letto per giorni.
Diciamocela tutta però, la situazione non è grave, ma lei si spaventa e non c'è verso di lasciarla da sola. Il problema è che poi io mi spavento più di lei, divento ansiosa, appena mi dice che le gira un po' la testa io son capace di chiamarla anche 4 volte in meno di 2 ore e soprattutto comincio ad avere dei fortissimi sensi di colpa se non sono al suo fianco ogni istante.
Lei davvero non mi facilita il compito, considerando che ultimamente il nostro rapporto è costellato da quei piccoli ricattini (spero spesso inconsci) che ti tengono sulla corda e non ti fanno rilassare mai e quindi capita di passare notti in bianco, intere giornate con lo stomaco attorcigliato, con l'ansia di guardare il telefono in continuazione...

Penso sia arrivato il momento di fare un giretto dall'analista, giusto per farmi spiegare come si fa a non essere schiavi dell'apprensione e a non cedere ai piccoli ricatti di una mamma che invecchia, ma che a parte questi piccoli problemi di vertigini è sana come un pesce.

Intanto affogo i miei sensi di colpa in questo cremosissimo tiramisù e mi faccio una corsetta per distendere i nervi.



















Ingredienti per una teglia 20x30 + 2 coppette:
500 g di fragole
400 g di mascarpone
300 g di savoiardi
100 g di zucchero
4 uova
3 cucchiai di whiskey
Montare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema chiara e molto spumosa, aggiungere il mascarpone, il whiskey e infine gli albumi montati a neve fermissima , mescolando dal basso verso l’alto.
Lavare le fragole, privarle del picciolo e frullarne la metà con mezzo bicchiere di acqua.
Inzuppare i savoiardi nel succo di fragole e metterli alla base di una pirofila con bordi alti (la mia 20x30), fare poi uno strato di crema al mascarpone, livellando bene e uno strato di fragole tagliate a fette sottili.
Ripetere l’operazione anche per il secondo strato e decorare infine la superficie con le fragole tagliate in quarti (o a vostro piacimento).
Il tiramisù a me piace con al massimo 2 strati, quindi con gli ingredienti avanzati ho fatto 2 monoporzioni.


Con questa ricetta partecipo al contest di Valentina e Cinzia  Colors & food, what else? che questo mese prevede il rosso.


Commenti

  1. Che bello! Posso venire a merenda?!

    RispondiElimina
  2. mi spiace che tu abbia questa situazione! spero che tua mamma capisca un po' anche te! In bocca al lupo per tutto!
    il tuo tiramisù è ghiottissimo

    RispondiElimina
  3. Con questa ricetta hai trovato il mio debole, il tiramisù alla frutta...Buonissimo!!
    Cerca di ristabilire i ritmi giusti, per te stessa ma anche per tua mamma. Vedrai che se seguita la cervicale passerà e anche le tensioni che ne derivano.
    Un abbraccio e grazie per il tuo dessert, Vale

    RispondiElimina
  4. Oh quanto la capisco! Soffro anch'io di cervicale e non c'è verso, quando ti prende non perdona, è assolutamente disagevole, le vertigini, i giramenti di testa e a volte la nausea :/ indosso perennemente la sciarpa...
    Pensa, ero in autobus, scambiavo 4 chiacchiere con un'amica, il sol fatto d'aver tenuto la testa rivolta verso lei, scendendo dal bus ho avvertito le vertigini :/
    Prova a rassicurare tua madre, tuttavia son sicura tu l'abbia già fatto, ma soprattutto non andare in apprensione e in ansia, è normale che si spaventi, ripetiti che non è niente di grave, è solo il disagio a far brutti scherzi!
    un bacio

    RispondiElimina
  5. Ehi tu ma non eri a dieta?
    Scherzo ;-) Mi spiace che la prendi cosi' penso che per superare i problemi anche i piu' grandi dovremmo non scoraggiarci mai, lo so che non e' facile affatto... bacio

    RispondiElimina
  6. eccolo qui, finalmente il tiramisu alle fragole che non riuscivo a trovare! Davvero, sai che quando ho preso il link dalla Valentina, non sono mai riuscita a trovare la pagina :( scusa mi di non averlo commentato, ma lo faccio ora... pòrtane una tazza a tua mamma e con un attimo di tranquillità gustatevelo insieme, avrà effetti magici!
    un bacione, grazie per oggi, è stato troppo bello!

    RispondiElimina
  7. Buonissimo e golosissimo!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…