Passa ai contenuti principali

Strozzapreti con ragù di quaglia

Finalmente un weekend in casa in pieno relax, in effetti quasi forzato, dato che adesso il tempo ha preso un andazzo niente male, sole caldo in settimana e nuvoloni neri, con ciò che ne consegue, sabato e domenica.
Ma ieri mattina no, una piccola tregua c'è stata, qualche debole raggio di sole, e io e Filippo ne abbiamo subito approfittato per fare una corsa al parco. 
Sono ancora nella fase di rodaggio, per mesi sono stata ferma con mille scuse: "è troppo buio", "ho il raffreddore", "fa freddo", "da sola non mi va", si insomma sono pigra e oggi è stata davvero dura, ho iniziato a boccheggiare già al quinto minuto, ma alla fine ce l'ho fatta a fare tutto il percorso fino a casa, ho resistito per ben 55 minuti.
Non potevo non farmi una sana coccola per pranzo... 
peccato che la prova bilancia sia stata inclemente, +1 ai +2!!! 
Sarà massa muscolare?


















Ingredienti per 4 persone:
500 g di strozzapreti 
200 g di polpa di pomodoro in pezzi
4 quaglie
4 foglie di salvia
2 rametti di timo limone
1 carota 
1 spicchio d'aglio
1/2 cipolla
1/2 bicchiere di vino bianco secco
olio evo
sale e peperoncino
parmigiano grattugiato

Lavare accuratamente le quaglie e disossarle tagliando tutte le parti in piccoli dadini (tenere le carcasse da parte*).
Sbucciare la carota e la cipolla e tagliarle a piccoli dadini e farle stufare a fuoco lento in un cucchiaio di olio evo con una presa di sale fino e uno spicchio d'aglio.
Aggiungere la carne e le foglie di salvia e far cuocere una decina di minuti, rigirando spesso, bagnare con il vino e continuare la cottura fino a completa evaporazione.
A questo punto aggiungere la polpa di pomodoro e mezzo bicchiere di acqua, aggiustare di sale e sbriciolare un piccolo peperoncino.
Coprire e continuare la cottura per almeno mezzora.
Bollire gli strozzapreti in abbondante acqua salata per 6/7 minuti, scolare e far saltare con il sugo per un paio di minuti a fuoco vivo, mantecare infine con il parmigiano.


* Con le carcasse si può fare un ottimo brodo:
Mettere dell'olio e uno spicchio d'aglio in un tegame, far soffriggere per un paio di minuti, eliminare l'aglio e aggiungere le carcasse delle quaglie. Far rosolare da tutti i lati, aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e far sfumare completamente, a questo punto aggiungere l'acqua, salare e far cuocere per un'ora con il coperchio appena sollevato.
Filtrare il brodo e utilizzarlo per un risotto o per cuocere dei ravioli di carne in brodo.

Commenti

  1. Io che ti conosco dico che sono muscoli... Sei un fuscello!
    Quanto avrei voluto essere a casa tua a mangiare questo ragù!

    RispondiElimina
  2. Kikina..... complimenti.... per i 55 minuti di corsa e per questo bel ragu'....mamma mia che buono!!!!
    Un baciotto gioia! Buon lunedi'

    RispondiElimina
  3. meritatissimo cara!!! e si, sarà massa muscolare ;))

    RispondiElimina
  4. E brava la mia pigrona, vedrai che ora che il tempo sara' sempre bello cercherai di non perdere l'allenamento! E questa pasta? Mai mangiate le quaglie in vita mia da deve essere buonissima :-)

    RispondiElimina
  5. cara Chiara, ricordati sempre che quando si ricomincia a fare sport, prima si ingrassa e poi si dimagrisce. Dai retta a chi ha fatto sport tutta la vita e adesso quando ricomincia, fa una fatica della malora ma poi che soddisfazione.
    Io però la corsa l'avrei fatta volentieri intorno al tuo tavolo, a far la corte a questo piatto meraviglioso. Un abbraccione, PAt

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo