Passa ai contenuti principali

Budino salato o pizza di scarola?

La fatica fatta lo scorso mese a seguire la maggior parte delle 202 ricette pubblicate, mi ha davvero provato. Ero talmente stordita che non avrei nemmeno saputo fare una classifica di quelle che mi erano piaciute di più, figuriamoci a sceglierne una sola, quindi grande Ambra per esserci riuscita e grande Francesca per aver finalmente scelto una ricetta a base di verdura, anche se la leggerezza del budino è tutta da vedere.
Non avevo nessun’ idea, in effetti non è che mi ci sia messa a pensare, ma siamo presto arrivati al 13 maggio e solo il primo giorno sono arrivate una marea di ricette, ma per un’inconscia protesta ho spento il cervello di nuovo, prima o poi mi verrà un’idea, ho pensato.
L’altro giorno all’Esselunga c’era la scarola in offerta e ne ho comprato un bel cespo, sapevo che il meteo non preannunciava nulla di buono, un contorno caldo poteva sempre venire comodo. E poi una mattina ho aperto il frigorifero e ho visto quel bel cespo e ho pensato alla pizza di scarola al farro che avevo fatto il mese scorso e lì si è accesa la lampadina, avrei fatto la pizza di scarola scomposta, con una piccola virata in terra di Puglia.


















Ingredienti per 8 budini:
700 g di scarola
50 g di latte
50 g di parmigiano
5 acciughe
2 uova
1 spicchio d’aglio
1 manciata di uvette
sale e pepe
Per il pesto di olive:
1 manciata di olive nere
1 manciata di pinoli
olio evo

Lavare bene la scarola e tagliarla grossolanamente. 
In una padella soffriggere uno spicchio d’aglio tritato con 5 acciughe e un cucchiaio del loro olio, per un paio di minuti, aggiungere la scarola e una presa di sale grosso e far stufare per una ventina di minuti, fino a quando l’acqua rilasciata non sia completamente assorbita.
Una volta tiepida, frullare la scarola con 2 uova, il parmigiano grattugiato, il latte e un’abbondante grattata di pepe nero. Alla fine aggiungere le uvette e mescolare bene.
Ungere di olio 8 stampini in silicone per muffins e versarvi il composto in parti uguali.
Cuocere in forno a bagno maria a 180° per 30 minuti, lasciare intiepidire e sformare delicatamente.
Intanto che i budini si raffreddano preparare il pesto di olive, frullando le olive nere con una manciata di pinoli tostati e 2 cucchiai di olio evo.

Impiattare i budini accompagnandoli al pesto di olive e a delle focaccine pugliesi appena sfornate (la ricetta, pubblicata ieri, la trovate qui).

Con questa unica ricetta partecipo all'MTC di maggio

Commenti

  1. stupendi chiara, davvero stupendi!

    RispondiElimina
  2. No scusa, le ricette delle frangipane erano più di 200, io mi ricordo così ;-)

    Belli di scarole bella idea, tutta pugliese!

    RispondiElimina
  3. Belli belli belli, ecco anche io inizio a non sapere più quale scegliere, li mangerei tutti!!!

    Ciao loredana

    RispondiElimina
  4. Ecco, già la pizza alle scarole è una meraviglia... figuriamoci in forma di budino scomposta!
    Buona giornata
    Nora

    RispondiElimina
  5. Però, anche stavolta, non stiamo scherzando...

    RispondiElimina
  6. Mi piace...e accompagnato dalle focaccine appena sfornate mi piace ancora di più.....Se ogni volta che spegni e riaccendi il cervello produci questo, dovresti farlo in continuazione!!! :-))))
    Grazie Chiara!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno male che ho intercettato questo commento, prima di inviare il mio, perchè avevo scritto la stessa cosa :-))))
      mi sa che dovrai allenarti a questa attività cerebrale: spengo-riaccendo- creo, spengo-riaccendo-creo... io ci sto!
      grandissima!

      Elimina
  7. complimenti davvero: il tuo budino salato mi piace un sacco :)

    RispondiElimina
  8. sfiziose le focaccine! mi piace tutto, il pesto, il budino e le focacce, e anche la presentazione è bellissima, complimenti anche per la foto!
    Francesca

    RispondiElimina
  9. troppo carini! le focaccine e il budino, entrambi adorabili!

    RispondiElimina
  10. Bella bella mi piace proprio :) Abbina un po' di chic e un po' di rustico! gnam

    RispondiElimina
  11. Ciao Tata! (Che per me è un soprannome gradevolissimo, ma se ti irrita... ripartiamo con la seconda scelta 'Ciao Kika'). Mi farai questi budini di scarola al prossimo pic-nik in balcone!? - eggià... lieve autoinvito subliminale!.
    Comunque sia... comincia una nuova settimana, dedicata a organizzare il menù per il 2 giugno, ovviamente! E che il sole sia con noi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo