Passa ai contenuti principali

Torta di pere e cioccolato e buon compleanno a me

Per fortuna questa giornata è finita.
Non ho mai amato il mio compleanno, una di quelle feste con tante aspettative dove poi si rimane delusi come se la "normalità", che tanto ci piace per gli altri 364 giorni all'anno, di colpo non fosse più abbastanza.
Oggi Filippo non ci sarebbe nemmeno stato per festeggiare insieme a me, la sorpresa, o parte di essa, era prevista ieri, ma poi la cena è saltata (tanto mica si festeggia in anticipo, giusto?) e ho dedicato la serata a preparare una torta e una focaccia da portare in ufficio.
Decido di rifare la torta di amaretti e cioccolato già provata in passato e checché ne dica la mia Paoletta, che oggi mi ha fatto un regalo stupendo, a volte il burro lo uso eccome.
La torta nel forno è bella attiva, cresce e bella gonfia e fiera non smette di osservarmi, spengo il forno, mi distraggo un secondo e la torta non mi sta guardando più. 
La taglio appena si raffredda e dentro è cruda! 
Finisce nel cestino.
Inizio il secondo tentativo, stavolta ci aggiungo un po' di lievito e faccio di testa mia cambiando un po' le dosi, inforno e la fierezza del dolce stavolta non si fa nemmeno vedere, cresce di poco, ma subito sprofonda. La taglio e come la prima, dentro è completamente cruda! 
Finisce nel cestino.
Nel frattempo prendo Alfie e lo coccolo a dovere per fare la focaccia, impasto, lascio lievitare, ma la ciotola pesa 3 quintali, eppure ho usato solo 500 grammi di farina...
Inutile che vi dica che fine ha fatto la focaccia, mi sa che aveva fatto troppa amicizia con gli amaretti e li ha voluti raggiungere.
Finisce nel cestino.
Le 23 e la depressione.
L'idea di comprare una torta già fatta pur di portare qualcosa era davvero frustrante, quindi alle 23:30 decido che è ora di rispolverare una vecchia e fidata amica, una di quelle che di delusioni non me ne ha proprio mai date e penso mai me ne darà.



Ingredienti per 8/10 persone:
(noi l'abbiamo mangiata in 24)
200 g di farina
90 g di zucchero
80 g di burro
50 g di cacao amaro
3 uova
3 pere medie
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di fecola di patate
1/2 bicchiere di latte 
succo di limone q.b.

Sbucciare le pere, affettarle finemente, tenendo metà pera per decorare la superficie della torta, metterle in una ciotola e irrorarle con il succo di limone.
Lavorare le uova intere con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata, il cacao, la fecola, il burro fuso, il latte e infine il lievito. Mescolare con la frusta fino ad ottenere una crema omogenea. Unire al composto le pere e amalgamare il tutto.

Mettere l'impasto in una tortiera foderata di carta forno o imburrata e poi cosparsa di farina.
Tagliare la mezza pera tenuta da parte in due dal lato lungo, affettarne il dorso senza mai incidere fino in fondo, in modo che la pera rimanga intera, posizionarle sulla superficie facendole affondare quasi interamente nell'impasto e cospargere con abbondante zucchero semolato, che in cottura formerà una croccante crosticina.

Infornare a 180° per 50/60 minuti.

La torta la faccio spesso anche con all'interno 100 g di cioccolato fondente a tocchetti per dare quel tocco in più che non guasta mai.

Commenti

  1. usssignor...menomale che ce l'abbiamo fatta... ma non potevi rimetterle nel forno cara? bacione e ancora auguriiii :)

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo! Alla fine meno male che almeno questa ti è uscita, bacioni!

    RispondiElimina
  3. Mia cara, è fantastica!!! All fine ce l'hai fatta! ^_^ Era l'emozione di farsi una torta per se che ti ha tradito ai primi tentativi ;)
    Un abbraccio forte e ancora augurissimi!!!

    RispondiElimina
  4. Ottima scelta, con questa si va sul sicuro, piace a tutti ed riesce (quasi) sempre bene, la tua è splendida!!Auguroni :)

    RispondiElimina
  5. Dai Chiara, pensa positivo: hai fatto felice il cestino della spazzatura!!!!!
    La TUA torta è da mangiare con gli occhi! Tanti auguriiiii!!!

    RispondiElimina
  6. ma che bellaaaaaa e chissa' che buonaaa!!!! Quando mi inviti di nuovo per una cenetta leggera leggera e questo dolcino alla fine????? :-)
    Un bacione gioia!

    RispondiElimina
  7. Auguri in ritardo mia carissima! Ma come!? Tutto nel cestino? Insomma, non è da te, ma in fondo capisco, ci sono quelle serate no, quando non riesce mai nulla come vorremmo. Di buono c'è che l'ultimo tentativo è riuscito alla perfezione! Non ha tradito la vecchia ricetta che riesce sempre, quelle sono sempre speciali!
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo