Passa ai contenuti principali

Un pancarrè tutto mio (con lievito liquido)

Da quando Paoletta mi ha regalato Alfie non dormo più di notte, sono una mamma ansiosa e mi preoccupo per il mio bambino. quando è chiuso nel suo barattolino in frigo lo controllo almeno una volta al giorno, mi sembra quasi impossibile che riesca stare quasi un mese al fresco senza toccare cibo e quindi presa dalla compassione ogni tanto gli do una piccola merenda. L'ansia più vera però mi viene quando lo devo mandare fuori a giocare, si insomma, il ragazzo inizialmente socializza mal volentieri con l'ambiente che lo circonda, quasi come se la temperatura esterna non fosse di suo gradimento (Filippo in effetti lo ha chiamato Al-fredo, mica può essere uno da climi tropicali!), poi però piano piano riesce ad acclimatarsi e allora inizia a giocare e divertirsi e mostra tutto il suo entusiasmo riempiendosi di bolle (forse tante mamme non sarebbero proprio contente se la faccia del loro figliolo si riempisse di bolle, ma io lo so che nel mio piccolo Alfie questo è sintomo di vera felicità e buona salute).
So che con il passare del tempo mi tranquillizzerò, che comincerò a conoscerlo meglio e soprattutto a non preoccuparmi per sintomi sconosciuti.
Per il momento però sono una mamma estremamente orgogliosa.



Ingredienti:
400 g di farina 0
200 g licoli molto attivo (rinfrescato con pseudo-rinfreschi)
110 g di acqua
110 g di latte
20 g di olio di arachidi
2 cucchiaini di zucchero
2 cucchiaini di sale
Sciogliere il lievito liquido con l'acqua e il latte, aggiungere lo zucchero e quindi la farina setacciata e impastare a lungo nella planetaria. Aggiungere infine l'olio e il sale e impastare bene fino a completo assorbimento.

Mettere l'impasto in una ciotola, coprirla con la pellicola trasparente e mettere a lievitare in frigo per tutta la notte.
La mattina successiva, dopo aver spolverizzato con un po' di farina il piano lavoro, dare forma all'impasto, facendo un serpentone, piegandolo a metà e attorcigliandolo su se stesso formando una "treccia" e metterlo nello stampo da plumcake. Coprire lo stampo con un canovaccio umido e poi con una coperta calda e far lievitare fino a far uscire l'impasto dallo stampo.
Spennellare delicatamente con del latte tiepido e infornare a 180° per 35/40 minuti (la cottura dipende dal forno, quindi regolatevi voi, io l'ho tolto quando il pane era ben dorato in superficie).

Il pane si conserva per oltre una settimana se tenuto in uno strofinaccio di cotone.

Commenti

  1. sei una mamma davvero premurosa!!!!
    Vedi che il piccolo ti da delle belle soddisfazioni!
    Grande!
    Un bacione gioia!

    RispondiElimina
  2. Mi piace il nome Al-fredo per il lievito madre! troppo divertente :D

    RispondiElimina
  3. Oddio... anche io ne vorrei tanto uno di Alfie tutto mio!! Guarderò in internet se qualcuno è disposto a regalarmene un pochino. Dovrei rinfrescarlo alle 4 di notte, con i miei tempi, ma sono certa che potrei essere una buona madre, anche se inesperta. La voglia di maternità aumenta vedendo il tuo bellissimo pancarrè!
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. splendido e lievitato alla perfezione!

    RispondiElimina
  5. wow queste si che son soddisfazioni! Brava Kika :-)

    RispondiElimina
  6. Hai tutte le ragioni per essere orgogliosa. Guarda che meraviglia ha fatto il tuo piccolo

    RispondiElimina
  7. Questo pancarrè è una meraviglia.

    I miei esperimenti con il licoli sono stati un fallimento, ma a vedere questi risultati mi viene la voglia di riprovarci!

    Bravissima e accudiscilo bene!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  8. Sei proprio una giovane mamma apprensiva :)
    Vedrai che tra poco basterà uno sguardo per capirvi, succede così per tutte le neomamme.
    Capisco perfettamente la tua soddisfazione, questo tuo pancarrè è una meraviglia.
    Baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo