Passa ai contenuti principali

Pan brioche delle Simili (con lievito liquido)

Da un paio di settimane ho un nuovo amico, si chiama Alfredo (Alfie) e l'ho avuto in dono dalla mia Paoletta, che a sua volta lo ha ricevuto da Simone Salvini ad Identità Golose.
C'è da fare una premessa, che è anche il motivo per il quale non ho mai iniziato l'avventura con il lievito madre, non ho costanza!
Circa un mese fa ho fatto un sogno terribile, mia cugina mi lasciava il suo cane per 2 settimane e io me ne dimenticavo completamente facendolo quasi morire di fame. Mi son svegliata con l'angoscia!
Per lo stesso motivo non ho mai iniziato a sfoltire le sopracciglia, hihihi, l'ansia di andare in giro con dei cespugli incolti mi fa desistere dal toccarle e dall'avere la linea sottile sottile che va tanto di moda.
Ma torniamo a parlare del lievito madre, Paola mi ha scritto le istruzioni per prendermi cura di Alfie, ho passato più di una settimana a leggere varie esperienze nella blogosfera, ma non ero soddisfatta, che più o meno si può tradurre con "non avevo capito un cazzo!", ma poi finalmente grazie a Cinzia sono approdata sul blog di Anna, C'è di mezzo il mare, che mi chiarito le idee sul lievito madre in coltura liquida e che ha trovato un modo per non buttarne via nemmeno un po', cosa che a dirla proprio tutta era la cosa che più mi faceva passare anche la voglia di iniziare.
Questo pan brioche è la terza produzione da quando ho adottato Alfie e anche la prima fatta senza andare totalmente a caso con dosi e procedimenti, il primo pancarré è infatti finito nel cestino, il secondo pancarré buono, ma non perfetto e poi finalmente lui, il pan brioche, uno spettacolo straordinario!

L'ha ricetta di questo pan brioche l'ho presa dal suo blog, è una ricetta delle sorelle Simili riadattata da Anna al lievito liquido.
Mi piaceva l'idea che sapesse un po' di arancia, quindi l'unica modifica che ho fatto è l'aggiunta di un po' di succo al posto della stessa quantità di latte e il miele al posto del malto.
























Ingredienti:
260 g di farina di forza (manitoba)
160 g di lievito liquido (licoli) molto attivo (rinfrescato con pseudo-rinfreschi)
45 g di burro
40 g di latte
30 g di succo d'arancia
10 g di zucchero 
1 cucchiaino di miele
3 g di sale
1 uovo
latte per spennellare


Sciogliere il lievito liquido con il latte e le uova, aggiungere il miele, lo zucchero e quindi la farina setacciata e impastare a lungo nella planetaria. A questo punto unire il burro a pezzetti  (un po' per volta) ed il sale ed continuare ad impastare fino ad incordatura.

Mettere l'impasto in una ciotola di vetro appena unta e far lievitare 2 ore circa, facendo ogni ora delle pieghe a tre (come si fa con la pasta sfoglia), aiutandosi con una spatola.

Coprire la ciotola con la pellicola trasparente e mettere a lievitare in frigo per tutta la notte.
L'indomani mattina, dopo aver spolverizzato con un po' di semola rimacinata il piano lavoro, dare forma all'impasto e metterlo nello stampo da plumcake. (questa forma è un po' piccola, quindi ho messo solo 3/4 dell'impasto, il resto in uno piccolo stampo a forma di cuore).



Far lievitare fino al raddoppio (il mio ha addirittura triplicato, forzando gli argini dello stampo :-P), quindi spennellare con il latte ed infornare a 180°C per 20-25 minuti .

















E siccome il weekend lo abbiamo passato con Lella, Andrea e Camilla nella loro casa di Brienno, sul lago di Como, non c'era modo migliore di fare colazione con questo fantastico pan brioche e un vasetto di marmellata di kiwi fatta in casa.


Commenti

  1. che favola...sembra esplodere dallo stampo!

    RispondiElimina
  2. Che favola Kika, allora devi provare anche il water roux ora!
    baci e buona settimana!

    RispondiElimina
  3. Ahahah beh in quanto costanza per le sopracciglia hai ragione! ;) io ho dovuto farlo, troppo folte! hihi anche io sto per intraprendere l'avventura del lievito madre... ;) quindi proverò anche questa ricetta, è stupenda!!! sembra espandersi, una mongolfiera quasi! ;))) potevi tagliarne una fettina ero proprio curiosa di vedere il risultato interno!!! baci

    Vevi :)

    RispondiElimina
  4. GRANDISSIMAAAAA!!!!
    E' venuto davvero troppo bene!!!! Brava la mia kikina!!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  5. Brava!!! é venuto perfetto!! Il mio Gino è invidioso della bravuta del tuo Alfie ;)
    un bacio carissima!!

    RispondiElimina
  6. belllisssimo mamma mia! il mio é ancora solido...fra poco lo trasformerò in licoli :) bacioni ps. quando pubblichiamo? io ancora devo decidere che ricetta fare!

    RispondiElimina
  7. La cucina piccolina mi ha detto che oggi è il tuo compeanno...tanti auguri, passa da qui per la prima volta e tornerò presto;)

    RispondiElimina
  8. ieri eravamo sulla stessa linea d'onda.. intrippate di panbrioches!! però Alfie è stato magnifico..!
    Spero proprio che riusciremo ad incontrarci, e mi prendo uno dei suoi figli :)))) baci!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …