Passa ai contenuti principali

Crèpes al chinotto carmellato e mandorle

Finalmente è iniziata ufficialmente la primavera, almeno non ci sentiremo più tanto in colpa a godere dei 20 gradi pomeridiani e del sole che li accompagna.
Lo scorso anno di questo periodo, causa licenziamento illegittimo, ho avuto la grande fortuna, non solo di allontanarmi da un posto di lavoro che mi aveva completamente abbrutita e di trovarne un altro che mi piace davvero un sacco, ma anche di passare quasi 20 giorni in mezzo alla natura, di godere del silenzio dei boschi, di scoprire le erbe selvatiche e soprattutto di rallentare. 
Ho imparato che prendersi delle pause per rigenerarsi è important anche se spesso la vita che facciamo ci impone di correre sempre più velocemente.
E giust'appunto mi collego alla ricetta di oggi e ad un momento di pausa magnifico che io e Filippo ci siamo presi un paio di settimane fa. Ricordate il pan brioche? In quel bellissimo weekend a Brienno Lella, Andrea e Camilla mi hanno regalato i frutti del chinotto che avevano in giardino dicendomi che sicuramente avrei trovato il modo di usarli in uno dei miei deliri culinari e io no colto l'occasione al volo per fare un magnifico dolce con un piccolo avanzo di crèpes dalla ricetta delle crèpes in guazzetto di pesce
Dovevo solo trovare il modo per renderli il meno amari possibili e quindi ho pensato di caramellarli, se ci si riesce con le bucce d'arancia perché non con i chinotti?


















Per la ricetta ho usato 3 crèpes, ma si può tranquillamente aumentare la dose di condimento per fare più strati.

Ingredienti:
Per 10/12 crèpes:
150 g di farina 0
350 ml di latte
50 ml d'acqua
2 uova medie
1/2 cucchiaino da caffé di sale 
30 gr di burro chiarificato 
Per il caramello:
5/6 chinotti
100 g di zucchero
1 bicchierino di Grand Marnier
Per guarnire:
1 manciata di mandorle
zucchero a velo


Preparare per prima cosa il burro chiarificato facendo sciogliere un panetto di burro a fuoco lento in un pentolino a fondo spesso e bordi alti. 
Una volta sciolto schiumare via le bollicine di caseina che si sono formate.
Lasciar riposare il burro a temperatura ambiente un'oretta e poi travasarlo in un vasetto di vetro e metterlo in freezer per farlo rassodare.
Riporlo poi nel frigo come un normale panetto di burro.

Nel frattempo tagliare i chinotti a rondelle sottili, eliminare i noccioli e farli bollire per 3 volte in acqua, cambiandola di volta in volta, in modo che i chinotti perdano un po' l'amaro. 

Preparare il caramello "a secco": scaldare bene un pentolino d’acciaio o alluminio e versarci dentro parte dello zucchero. Abbassare la fiamma e lasciare sul fuoco finché si sara’ sciolto quindi aggiungere altro zucchero, gradualmente, fino a scioglierlo tutto. Aggiungere il Grand Marnier al caramello, poco a poco, mescolando sempre, aggiungere i chinotti e far cuocere per 3/4 minuti mescolando sempre e far poi raffreddare. 

A questo punto si può iniziare a preparare le crèpes la ricetta è quella di Giuseppina). Rompere le uova in una terrina, sbatterle con la frusta e cominciare ad aggiungere alternando la farina setacciata e il latte/acqua, mischiare bene fino ad avere una pastella piuttosto liquida e liscia. Aggiungere il sale, mescolare e lasciar riposare almeno un'ora.
Fare sciogliere 30 g di burro chiarificato in un pentolino, scaldare bene la padella per le crépes, ungerla con il burro usando un pennello (possibilmente in silicone) versare la quantità di pastella necessaria per una crépe (per una padella di 22 cm io metto 30 ml di pastella). Il consiglio che posso dare é di prepararvi un misurino ed avere cosi la dose esatta da versare in modo da poterla gettare in un colpo solo. A questo punto far "ruotare" la padella per spargere uniformente la pasta, far cuocere fino a che sarà ben dorata, quindi girarla e finire la cottura dall'altra parte.  
Formare il dolce mettendo una crépe alla base, coprendo la superficie con alcune fette di chinotto, bagnare con il caramello, spolverare con le mandorle tritate grossolanamente e lo zucchero a velo, coprire con la seconda crèpe, procedendo nello stesso modo e infine con la terza.
Accompagnare con una pallina di gelato alla panna bagnandolo a piacere con il Grand Marnier o con il caramello rimasto e guarnire con qualche mandorla intera.


L'emmetichallenge di Marzo 2012
Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge di marzo.

Commenti

  1. ragazza... che ricetta! A parte che manco sapevo che il chinotto fosse in realtà un agrume (vergogna!!)... davvero TANTO DI CAPPELLO!
    Io sono sempre più scoraggiata, pensare che con le crepes sono avvezza, ma idee zero :(

    RispondiElimina
  2. non ho mai assaggiato il chinotto eheheheehe ! ma mi apre assai gustosoooooooo!

    RispondiElimina
  3. Ciao, volevo invitarti alla mia raccolta di dolci che si preparano in tutto il mondo per il periodo pasquale. Mi piacerebbe tanto vederti tra le partecipanti :)

    a presto

    http://fairieskitchen.blogspot.it/2012/03/tutta-la-dolce-pasqua-del-mondo-il-mio.html

    RispondiElimina
  4. Kikinaaaaa... ma che ricettuzza grandiosa!
    Mi ispira davvero tanto!
    Brava, brava, brava!!!!!
    Un baciottone!

    RispondiElimina
  5. io il chinotto come agrume non l'ho mai mangiato, a casa mia è sempre e solo entrato sotto forma di bevanda. Però mi attira molto questa preparazione...giusto ora per merenda non sarebbe male..baci!

    RispondiElimina
  6. Splendida idea e ottima elaborazione per questa ricetta, che , hai ragione, fa venir voglia di natura e di primavera.
    Grazie mille Chiara e buonissima serata
    Dani

    RispondiElimina
  7. Io vengo sul tuo blog a quest'ora e mi lamento che mi venga fame! normale no??? :P
    bacio cara!!

    RispondiElimina
  8. scusa ma sono un po' ignorante...ma il chinotto è una specie di arancia amara? non l'ho mai assaggiato e neanche visto dalle mie parti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena,
      diciamo che hanno la grandezza di un mandarino però sono abbastanza aspri e amari.
      Però molto buoni, se ti piace il genere.
      Kika

      Elimina
  9. adoro il chinotto...quindi non posso non adorare queste crepes...complimenti anche per il tuo blog...ciao Max.

    RispondiElimina
  10. Ma... ma.... E' FANTASTICA QUESTA RICETTA!!!!!!
    Ho ancora poche idee ma confuse per l'MTC di questo mese, ma non riuscirò mai ad eguagliarti.... né tantomeno a mettere le mani su dei meravigliosi chinotti! Chapeau!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapi, non abitiamo lontane, se vuoi qualcuno te lo porto. :-D

      Elimina
  11. Non ho mai visto un chinotto live in vita mia ed il fatto che tu possa reperirli con tale facilità mi fa venire un attacco di agonia da desiderio! E questa è la ricetta che fra tutta la carrellata di meravigliose proposte creppose, io premierei per il mio gusto personale e per l'idea geniale. Bravissima, Pat

    RispondiElimina
  12. Bravissima Chiara, mi piace la tua idea, hai trovato il modo di valorizzare un frutto così particolare. Buona primavera :))

    RispondiElimina
  13. Bellisimo ... ottima ricetta ...
    Un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  14. Meravigliosa.. sono davvero ispirata da questa ricetta.. complimenti per la creatività, la scelta degli ingredienti e l'abbinamento.. e le foto: splendide! beh.. da oggi ti seguo
    baci
    luisa
    ghiottodisalute

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …