Passa ai contenuti principali

Girelle di pasta di ceci alla mortadella

Finalmente ho cominciato ad adeguarmi un pò ai ritmi del nuovo lavoro e quando arrivo a casa non son più così stravolta. Nei progetti del prossimo futuro c'è anche di tornare a correre, per smaltire quel chiletto di troppo che mi si è aggrappato alle coscie, per ora l'unica cosa che sono riuscita a ristabilire è la cucina e non più bistecca e insalata come fino a pochi giorni fa. 
L'altra sera, mentre attendevo di andare a cena con la mia amica Gaia (non andate mai a mangiare sushi dai cinesi), ho dato sfogo al mio estro culinario partendo da un mezzo sacchetto di insalata che non volevo buttare, ma che non sarei riuscita nemmeno a mangiare a breve.
Vi riassumo il discorso delle entità che abitano il mio cervello:
...Cosa ne faccio?...
...la cuocio e ci faccio una torta salata...
...ok, ma la pasta la faccio io, almeno non uso la sfoglia che è piena di burro...
...potrei fare la schiacciata come tempo fa e utilizzare la farina di ceci in mancanza del grano saraceno...
...ci aggiungo la ricotta? No, troppo pesante...
...l'insalata però da sola è poca, vediamo cos'altro c'è in frigorifero...
...germogli di soia, soia liquida, un vasetto monoporzione di sugo avanzato, prosciutto crudo, mortadella, mozzarella per pizza, parmigiano...
...metto l'insalata in una padella con dell'olio, aggiungo i germogli, li faccio stufare con la soia, perchè no, aggiungo anche il sugo e... basta! Ecco il mio ripieno...
...Impasto farina di ceci e farina 00, il sale, l'acqua e faccio la schiacciata, anzi no, la divido in 2 cocottine monoporzione e ci metto dentro una fetta di crudo, metà del ripieno e fette di mozzarella e poi chiudo con un altro disco di pasta, 4 taglietti in superficie, una spennellata d'olio e via in forno per 30 minuti, una meraviglia!...
...e con il resto della pasta, cosa ne faccio?
...faccio dei cestini degli stampi da muffins...
...anzi no faccio una pizza... ma non ha il lievito, chissà se viene buona? devo usarla per altro, intanto stendo con il mattarello e poi ci penso...

Stendi stendi e alla fine era così sottile e liscia che ho deciso di farci un rotolo di pasta ripieno con quanto rimasto in frigorifero.


















Ingredienti per 4 persone:
Per la pasta:
150 g di farina di ceci
150 g di farina 00
sale
acqua q.b.
Per il ripieno:
200 g di mortadella
100 g di mozzarella per pizza
50 g di parmigiano
prezzemolo
Per la besciamella:
10 g di farina 00
10 g di burro
500 ml di latte
sale
noce moscata
Impastare le 2 farine con il sale e l’acqua, in modo da ottenere un impasto liscio e abbastanza morbido. Cospargere l’impasto di farina e stendere sottilmente in un sol foglio con il matterello. Ricoprire la superficie con le fette di mortadella, la mozzarella e infine il parmigiano. Arrotolare il foglio di pasta su se stesso, facendo aderire bene e infine tagliare dei rotolini di circa 2 cm di spessore. Disporli in orizzontale su una teglia precedentemente unta con un goccio d’olio  e cospargere con il prezzemolo fresco tritato.
Preparare la besciamella mettendo a scaldare il burro e la farina mescolando bene per non creare grumi, aggiungere il latte, un pizzico di sale e un’abbondante grattata di noce moscata e mescolare con una frusta fino ad ebollizione, a questo punto la besciamella comincerà ad addensarsi, spegnere il fuoco quando si sarà raggiunta la consistenza desiderata.
Ricoprire i rotolini con la besciamella e infornare a 180° per 20 minuti.

Commenti

  1. idea splendida mai fatte con la farina di ceci che io adoro provero così

    RispondiElimina
  2. e alla fine di tutto guarda che hai tirato fuori!!! sono incuriositissima, devo provare!
    ^_^ complimenti ;)

    RispondiElimina
  3. Kika sei davvero incredibile!!!! Ammiro molto questa tua capacità di inventiva, con pochi ingredienti riesci sempre a tirar fuori delle cose ottime.

    RispondiElimina
  4. Mi unisco al coro!!!
    Anche io voglio provarle assolutamente.
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. dopo tanto pensare e tante esitazioni hai fatto un capolavoro! complimenti per l'inventiva.
    bacioni

    RispondiElimina
  6. mi ispirano tantissimo, chissà che buone!!!
    buona serata

    RispondiElimina
  7. divertenti queste girelle, da provare!

    RispondiElimina
  8. Insomma: tutto tranne che quello che avevi in mente all'inizio! Anche a me capita di partire da una cosa e arrivare a un'altra...! Ma ke soddisfazione no? I rotoli li adoro ma poi mi rendo conto che nn li faccio mai...devo invece provare! Grazie dell'idea! Buon we!!

    RispondiElimina
  9. Aahahah, mi sembra lo stesso monologo che occupa la mia mente quando trovo in frigo qualcosa che vuole essere consumato e che non mi va di consumare!
    Un bacion! Stefania

    RispondiElimina
  10. Non sai da quanto tempo voglio provarci... mi hai dato la giusta spinta!

    RispondiElimina
  11. :Q_____________________
    oh mamma!!!
    devono essere sublimi!!!
    ecco un buin oretesto per ocmprare la farina di ceci la prossima volta al supermercato!
    Grazie dello spunto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo