Passa ai contenuti principali

Baeckeoffe

Quest'estate sono stata in Alsazia, una settimana a percorrere in lungo e in largo una bellissima regione, dove si è mangiato tanto e bene, l'eredità di 3 chili accumulati, per fortuna anche smaltiti, ne è stata la prova. Ne ho parlato profusamente nel post sui Mini Kugelhopf sudisti, dove però mi sono soffermata sui dolci, che tra l'altro, non avevo nemmeno provato.
Parlavo anche di un piatto, sempre nello stesso post, provato in un ristorante di Colmar, che ci era piaciuto davvero tanto, soprattutto a Filippo e avevamo cercato di mangiarlo anche a Wissenbourg, ma alle 20:30 la cucina del ristorante era già chiusa e quindi avevamo dovuto ripiegare su altro. Sfiga vuole che, arrivati a Strasburgo, che in realtà non ci ha fatto una bellissima impressione, noi si abbia voluto mangiare nuovamente quel piatto tanto bramato. Entriamo in un ristorantino molto caratteristico, pochi tavolini, tutti pieni, qualche coppia, qualche orientale, una famiglia tedesca e una donnona a servire ai tavoli, con un'altra, poi si è capito essere sua sorella, alla quale erano dirette le sue urla e imprecazioni, ai fornelli.
Ordiniamo entrambi lo stesso piatto, il baeckeoffe, tipico stufato di carni e patate marinate nel vino e cotto al forno, a Colmar lo aveva preso solo Filippo, ricevendo al tavolo un'ampia cocotte ovale (tipica per la cottura di questo piatto), ad un prezzo davvero irrisorio e ne era rimasto entusiasta. A Strasburgo la reazione non è stata la stessa, ci hanno portato una porzione simile a quella mangiata a Colmar, piccolo problema però, questa volta era per 2!
Vabbè, in una settimana di girovagare una delusione ci può anche stare, però sto piatto alla fine ci è rimasto sul groppone.


















Ingredienti per 8 persone:
500 g di punta di petto di manzo senza osso
500 g di spalla di maiale senza osso
500 g di spalla di agnello senza osso
1,5 kg di patate
Per la marinatura:
250 g di cipolle
2 porri
1 carota
2 spicchi d’aglio
1 mazzetto di aromi
½ lt di Riesling o di Sylvaner
chiodo di garofano in polvere
sale e pepe

Preparare una marinatura mescolando il vino, i bianchi di porro, qualche cipolla, la carota a rondelle, gli aromi e le spezie. Tagliare a pezzi le carni e farle marinare 24 ore al fresco.

Pelare e affettare le patate, ricoprire il fondo di una terrina, salare e pepare.
Tagliare a fette sottili le cipolle restanti e disporle sopra il primo strato, salare e pepare.
Disporre le carni sopra le cipolle, salare e pepare.
Separare dal loro liquido gli aromi, irrorare i tre strati con il liquido della marinata, il resto del vino bianco e un po’ d’acqua fino a che il livello raggiunge la metà della terrina. Aggiungere gli aromi della marinata, salare e pepare.
Preparare della pasta con della farina e dell’acqua e utilizzarla per saldare il coperchio della terrina.
Infornare, a forno preriscaldato a 210° e fare cuocere 3 ore al minimo (il Baeckeoffe sarà migliore se la durata della cottura è prolungata).

Nonostante sia stata una giornata impegnativa dal punto di vista culinario (pane e dolce hanno avuto qualche problema di lievitazione e li ho dovuti buttare), il baeckeoffe è piaciuto tanto, tutti abbiamo fatto il bis e Nick e Filippo addirittura il tris e poi che goduria inzuppare il pane direttamente nella pentola, vero Cri? Si dai, alla fine abbiamo mangiato in 4 una porzione per 8, per fortuna ne è avanzato un pochino, che ho messo in una cocotte, giusto giusto per fare la foto. :-P
Il mio primo contest
Con questa ricetta partecipo al contest di Eleonora del blog Burro e miele, Piatti unici  










e al contest di Imma del blog Dolci a go go, Tutto in cocotte 

Commenti

  1. Un piatto decisamente buono e ricco.....ti credo che poi i kili lievitano!!!! Bravissima, ciao Gianni

    RispondiElimina
  2. Ancora un piatto a me sconosciuto: complimenti è davvero ricco!

    RispondiElimina
  3. che bello questo piatto, lo preoveremo ciao buona domenica ...
    un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  4. oooolalalalla.....
    quanti ricordi in questo piatto...
    devo farlo un giorno di questi, e tu pensa, proprio oggi parlavo a mio marito che prima della fine dell'inverno voglio fare una Choucroute Alsaziana...

    :)

    grazie della partecipazione, in bocca al lupo! smackk

    RispondiElimina
  5. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  6. Che tavolozza di colori e che concerto di sapori!!!!Un vero tripudio per il palato!!!Smack!!

    RispondiElimina
  7. Oh mamma....è un piatto fantastastico....La preparazione è abbastanza delicata, ma è davvero buono......mi piace davvero un sacco......e come piatto unico è perfetto direi ;)

    RispondiElimina
  8. fanatstico piatto.. ricchissimo di gusto.. un bacio

    RispondiElimina
  9. Oh mamma, quanti commenti, io mica ci sono abituata :-P
    Mi sta che sto baeckeoffe è piaciuto anche a voi, consiglio di provarlo, d'altronde dopo aver preparato la marinatura, il forno fa tutto da sé :-), quindi ovviamente è l'ideale per quando si hanno ospiti e non si ha troppa voglia di spadellare, ma si preferisce stare in loro compagnia :-)

    RispondiElimina
  10. Ciao,
    piacere di conoscerti :>
    hai un bellissimo blog e questa ricetta è davvero particolare,
    i racconti di viaggio mi affascinano sempre :>
    sono contenta di aver scoperto il tuo blog :>, ti faccio i miei cmplimenti, me ne vado a sbirciare tra le tue ricettine :> e mi aggiungo con piacere ai tuoi lettori :> a presto!!

    RispondiElimina
  11. Piatto meraviglioso! Entra in risonanza col sapore del legno delle cantorie degli organi barocchi alsaziani.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo