Passa ai contenuti principali

Gubana con lievito liquido

Erano anni che non mi veniva la febbre alta. Roba che stai bene, sei al compleanno di un amichetto di tua figlia e cinque minuti dopo sei nel letto con i brividi di freddo e quasi 40 di febbre.
Ho passato a casa quasi due settimane e ho colto al balzo l'occasione per rinfrescare il lievito e impastare la gubana per il contest lanciato dal Calendario del cibo italiano nella giornata della putizza e della gubana.
Due ripieni semplici, uno speziato con un burro al'anice stellato, cardamomo e cannella e l'altro con un abbinamento super collaudato: cioccolato, pere e nocciole.
Praticamente la gubana è l'unica cosa che ho mangiato per giorni, dato che tutto il resto proprio non mi andava.
A giudicare le ricette partecipanti al contest Roberto Zottar autore del libro Dolce Gorizia.


Per il poolish:
50 lievito liquido
100 di farina manitoba
100 ml di acqua
Per il lievitino:
poolish
100 g di farina manitoba
50 ml di latte
Per l'impasto:
100 g di farina 00
300 g di farina manitoba
70 ml di latte tiepido
60 g di burro
250 g di zucchero
2 uova intere e 1 tuorlo
2 cucchiai di liquore all’anice


Preparare il poolish e far lievitare fino al raddoppio.
Mettere il latte tiepido in una terrina e aggiungere il poolish, unire poi la farina e impastare velocemente e far lievitare fino al raddoppio.
Unire poi la pastella lievitata al resto della farina, lo zucchero e il pizzico di sale. Unire poi il rimanente latte dove si avrà fatto sciogliere il burro.
Aggiungere le uova uno alla volta e poi il tuorlo, continuando ad impastare con la planetaria fino ad incordatura.
Far lievitare coperto con pellicola trasparente fino al raddoppio e poi stendere l'impasto in una sfoglia lunga e sottile, distribuire uniformemente il ripieno e arrotolare a formare un lungo serpente da arrotolare poi a chiocciola su se stesso.
Far lievitare ancora fino al raddoppio.
Spennellare la superficie con l'albume d’uovo e latte e far cuocere per 45/60 minuti in forno preriscaldato a 180°.

Pere, cioccolato e nocciole
1 pera
2 cucchiai di zucchero
20 g di burro
30 ml di grappa alle rose
60 g di cioccolato fondente
50 g di nocciole tostate e tritate



Mettere il burro in una padella con la pera tagliata a dadini, aggiungere lo zucchero e far caramellare, infine sfumare con la grappa alle rose e far asciugare tutto il liquido prima di spegnere e far raffreddare.
Mettere la pera il cioccolato tritato e le nocciole sulla superficie della pasta, arrotolarla su se stessa e poi far  lievitare.

Burro speziato e albicocche
10 albicocche essiccate
80 g di burro
2 anici stellati
2 chiodi di garofano
1 cucchiaino di cannella
8 bacche di cardamomo verde


Tostare le spezie in un padellino fino a far sprigionare tutto il loro profumo poi pestarle nel mortaio.
Unire le spezie al burro ammorbidito e poi spalmarlo sulla superficie del dolce. Tritare le albicocche e mettere anch'esse sulla superficie della pasta poi arrotolarla su se stessa e far lievitare fino alo raddoppio. Spolverare con zuccherini.

Commenti

  1. Complimenti Chiara, ti auguro una veloce ripresa e ti abbraccio forte per tutto il resto...in bocca al lupo tesoro <3

    RispondiElimina
  2. Grazie Chiara per questa doppia meraviglia se posso scegliere preferisco la versione pere e nocciole la trovo molto intrigante con quest'impasto e devo dire che ti è venuta benissimo.
    Per tutto il resto un grandissimo abbraccio con tanto affetto
    Manu

    RispondiElimina
  3. non saprei quale scegliere, entrambi davvero golose! Complimenti per essere riuscita ad utilizzare il licoli con concentrazioni così alte di zuccheri e grassi... bravissima!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  4. Bellissime entrambe le versioni ma ho un debole per quella con cioccolato, pere e nocciole....
    Complimenti davvero...e per tutto il resto un grande abbraccio...

    Monica

    RispondiElimina
  5. Gran bel lavoro Chiara, davvero se poi penso che lo hai fatto con la febbre alta, penso che tu sia bionica. Un abbraccio grande grande. <3

    RispondiElimina
  6. Belle tanto e devono essere buonissime! Non sbagli un colpo!

    RispondiElimina
  7. che belle Chiara, assaggerei volentieri quella decisamente innovativa con burro, albicocche e anice stellato. Spero la febbre sia passata del tutto, e complimenti, sei stata grande!

    RispondiElimina
  8. Diciamo che ti servivano le energie per combattere questa brutta influenza e che le hai trovate in questo dolce splendido. D'altra parte qualcuno doveva pur sacrificarsi :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  9. Ma che bella Chiara! Una levitazione sublime! Viene voglia di mordere lo schermo del pc!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…