Passa ai contenuti principali

'Mpanatigghi di Modica

Gli appassionati di Harry Potter sapranno sicuramente cosa sono gli Horcrux.
Io ne ho una personalissima versione, tutta positiva, piccoli pezzi di cuore custoditi nei luoghi che più amo.
In Sicilia ne ho disseminati più d'uno. 
Penso di aver lasciato un pezzo di cuore ogni volta che ci sono stata, come una monetina per Caronte che mi portava al di là dello stretto.
In cambio mi sono portata via emozioni, ricordi, sapori e ogni tanto mi piace riscoprirli nelle canzoni, nelle fotografie e in cucina.


Ho voluto dare il mio contributo per la giornata nazionale del cioccolato di Modica del Calendario del cibo italiano preparando questi deliziosi dolcetti assaggiati nel 2005 nell'Antica Dolceria Bonajuto di Modica. 
La loro ricetta originale la trovate oggi sulla pagina del Calendario del cibo italiano.

Ingredienti:
Per la pasta:
400 g di farina
150 g di zucchero
100 g di strutto
40 ml di acqua
3 tuorli
1 uovo intero
Per il ripieno:
200 g di zucchero
200 g di mandorle
160 g di controfiletto di manzo
75 g di cacao
75 g di cioccolato di Modica alla cannella
½ cucchiaino di cannella
1 chiodo di garofano
3 albumi


Mettere la farina a fontana su una spianatoia e fare un buco al centro, versarvi le uova e mescolare con una forchetta iniziando ad incorporare la farina. Aggiungere lo strutto, lo zucchero e l'acqua ed amalgamare il tutto. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Far riposare un'ora avvolto in pellicola trasparente. 
Preparare il ripieno. Cuocere la carne tritata finemente a fuoco lento, aggiungere il cioccolato e continuare la cottura fino a quando non sarà sciolto e ben amalgamato. Spegnere il fuoco ed aggiungere le mandorle tritate con lo zucchero e il chiodo di garofano, il cacao e la cannella ed amalgamare bene. Mettere in frigorifero a raffreddare per almeno un'ora.
Infarinare leggermente il piano di lavoro e stendere la pasta con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia sottile, di 3 mm. Tagliare la pasta con coppapasta o un bicchiere di circa 6/8 cm di diametro e mettere un cucchiaino di ripieno al centro. Bagnare il bordo inferiore del cerchio con un pennello e chiudere a mezzaluna, sigillando i bordi con i rebbi di una forchetta.
Pizzicare la superficie superiore con la forbice ed infornare a 180° per 15 minuti.
Sfornare e far raffreddare su una gratella, poi spolverare di zucchero a velo.

Commenti

  1. Che delizia meravigliosa non la conoscevo, se quel meraviglioso cioccolato alla cannella non finisce sotto alle sgrinfie (mandibole) dei figli potrei proprio farli
    Grazie mille un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Citare addirittura Harry Potter! Mitica :-D

    RispondiElimina
  3. Ho letto manzo, giusto? Che sorpresa, mi ricorda un po' il mole messicano!
    :-*

    RispondiElimina
  4. Complimenti!!!! sono una meraviglia....mi hai messo una curiosità incredibile e ora???? devo assolutamente provarli!!!!!!! :-)

    RispondiElimina
  5. Conosco, conosco... E apprezzo! Quando vieni a lasciare anche da me un pezzetto di cuore? Abito a Messina..

    RispondiElimina
  6. lo so che una ricetta del genere meriterebbe un commento ben diverso.. ma dopo aver letto su FB la fine di questi 'mpanatigghi non riesco a smettere di ridere :)
    Un delitto, comunque.
    Anzi due, perche' lo avrei lavato col sangue, se fossi stata in te :)

    RispondiElimina
  7. Meravigliosi impanatigghi che il folle ha ucciso😂😂😂

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…