Passa ai contenuti principali

Kalter Hund rivisitato per il calendario del cibo italiano


Era l’estate del 1997 e mi trovavo in un ostello in mezzo al bosco in Turingia.
Vacanza?
Macchè, si lavorava e mica all'uncinetto!
Facevo parte di un gruppo internazionale di ragazzi e l’ostello lo dovevamo ristrutturare.
Non avevo i soldi per fare una canonica vacanza studio in Germania o in Inghilterra e le lingue, io e la mia migliore amica, le imparavamo così.
Rimane una delle più belle esperienze della mia vita, una pietra miliare che ha cambiato il mio modo di vedere il mondo e approcciarmi alla vita.
Un pomeriggio abbiamo preparato la merenda nella grande cucina che ci era stata messa a disposizione. Tra torte di mele e crepes, il kalter Hund di Kati è il dolce che più mi è rimasto nel cuore.
Oggi ve ne propongo una versione assolutamente rivisitata con la quale partecipo al contest sul salame di cioccolato del calendario del cibo italiano, la ricetta originale la trovate qui.



Ingredienti per 2 salami
Per la frolla:
300 g di farina
200 g di burro
100 g di zucchero
1 uovo
70 g di gocce di cioccolato fondente
Per la ganache al cioccolato bianco:
200 g di cioccolato bianco ai cereali e nocciole
75 ml di panna liquida
50 g di mirtilli rossi essiccati
Per la crema al cioccolato
200 g di cioccolato fondente
60 g di cacao amaro
200 g di burro
50 g di panna liquida
150 g di zucchero

Per prima cosa preparare la frolla impastando velocemente tutti gli ingredienti, formare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e metterla in frigorifero a raffreddare.
Stendere la pasta e formare dei cerchi con un taglia biscotti di ca. 2 cm di diametro.
Rivestire una teglia con carta forno, disporvi sopra i biscotti e infornare a 180° per una decina di minuti, dovranno essere appena dorati.
Una volta cotti, mettere su una gratella a raffreddare.





Preparare la ganache al cioccolato bianco. Tritare grossolanamente il cioccolato, scaldare la panna e versarla sul cioccolato. Aggiungere i mirtilli rossi tritati al coltello e far raffreddare in frigorifero.




Mettere una nocciola di ganache ben fredda sul retro di un biscotto e chiudere con un altro biscotto. Conservare in frigorifero.


Preparare la crema al cioccolato. Mescolare il cacao, lo zucchero e l'uovo, poi aggiungere il cioccolato, il burro fuso e amalgamare bene.

Recuperare il cilindro di cartone di un rotolo di scottex e tagliarne una parte dal lato lungo.
Rivestirlo con una fascia di carta forno e mettere un po' di crema al cioccolato sulla base.
Posizionare i biscotti ripieni, uno accanto all'altro, per tutta la lunghezza e coprire completamente con altra crema.



Mettere in frigorifero e far raffreddare per almeno 3 ore.






Commenti

  1. Sei partita addirittura dalla preparazione dei biscotti! Un mito.

    RispondiElimina
  2. Ginetta non finisco mai di conoscerti. Sei un pozzo di bravura e storie affascinanti!

    RispondiElimina
  3. no, vabbe'...
    uno pensa di trovare un salame di cioccolato e invece si trova la ristrutturazione dell'ostello :)
    ma pure i biscotti???????
    e che meraviglia di ricetta e'? non la conoscevo e mi intriga da morire...

    RispondiElimina
  4. Ma Kalter Hund, secondo mie vecchie reminiscenze di tedesco, non vuol dire "cane freddo"? Boh, dovrò riprendere il dizionario. Ma la ricetta è ganzissima e quei mirtilli lì nel mezzo mi fanno una gola che non sai.
    PS Bellissimo il tuo ricordo di fanciulla.

    RispondiElimina
  5. Non sembra più il vecchio salame, ma mi attira da morire!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia "Dai! Ci scambiamo una ricetta?", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko, La ricetta della felicità. Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio questa zuppa che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli involtini di verza, avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fondo, ho trovato quest…