Passa ai contenuti principali

Pasta cchi sardi

E così è arrivato anche il momento di tornare al lavoro. 
Ieri è stato il primo giorno ed è passato così velocemente che non me ne sono quasi accorta. Fare 6 ore è proprio figo, si esce con il sole anche in inverno, si salta completamente il traffico dell'ora di punta e si ha praticamente tutto il pomeriggio a disposizione per fare mille cose.
Io corro a prendere la mia piccola Irene al nido, la trovo sempre che gioca con fare curioso, ma appena mi vede sfoggia il migliore dei sorrisi.
La porto sempre a fare una passeggiata prima di rientrare a casa, penso che l'aria fresca, anche se con una massiccia dose di smog, le faccia bene, meglio che stare al chiuso tutto il giorno.
Mi sa che però sono l'unica a pensarla così, sarà che fa freddo, ma le mie amiche con i figli in giro non le trovo quasi mai e alla fine torniamo a casa sconsolate.
In effetti da qualche giorno, avendo introdotto la pappa anche la sera, le cose da fare prima di cena sono tantissime: fare il bagnetto, preparare la cena per la nana, preparare la cena per mamma e papà orso... e tornare a casa per tempo è cosa buona e giusta.
Irene poi ci mette in media un'ora a mangiare tutto e spesso e volentieri non lo fa.
Quando noi siamo a tavola lei viene messa comunque sul seggiolone e sta lì con noi, giusto per imparare le buone abitudini... l'altra sera però mi ha fatto un'immensa tenerezza davanti a questo piatto di pasta con le sarde, masticava persino, nonostante in bocca non avesse altro che l'acquolina.


























Ingredienti per 2 persone:
250 g di sarde fresche (già pulite)
200 g di spaghetti
1 mazzo di finocchietto selvatico
1 manciata di uvetta
1 manciata di pinoli
olio evo
sale e pepe
pangrattato q.b.

Lessare il finocchietto selvatico per una ventina di minuti in acqua salata, scolarlo e tritarlo grossolanamente. Tenere da parte l’acqua
In un tegame, friggere le sarde infarinate in 1 dito d’olio extravergine d’oliva (un minuto per lato) e scolarle su un foglio di carta assorbente.
Nella stessa padella aggiungere l'uvetta, i pinoli, il finocchietto e le sarde spezzettate con le mani, salare, pepare e lasciar insaporire per 5 minuti.
Cuocere gli spaghetti nell'acqua tenuta da parte, scolarli e saltarli in padella con il condimento.
Impiattare e cospargere con il pangrattato, fatto abbrustolire precedentemente per un paio di minuti in padella con olio, sale e pepe.

Commenti

  1. Ciao Chiara! non sapevo tornassi a lavorare il giorno dopo che ci siamo viste! caspita, io ricordo il mio rientro come un incubo, subito 8 ore (perchè i miei figli avevano già più di un anno) e sensi di colpa a go go! le 6 ore sono una favola!! che tenerezza Irene che si mastica l'acquolina :-))) me la immagino lì davanti a voi con quei suoi occhioni azzurri che guarda estasiata questi spaghetti deliziosi! mi piace molto l'abbinamento col finocchietto, bella idea per un primo diverso! un bacione a te e Irene!

    RispondiElimina
  2. Oh noooo non posso vedere queste delizie a quest'oraaa!Adoro la pasta con le sarde!Ero proprio alla ricerca di qlc idea per cena :D Benrientrata al lavoro e buone Feste!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari. Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai. Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e  scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio ev

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca , me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta , fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti p

Involtini di sogliola ai profumi mediterranei

Un paio di mesi fa avrei voluto partecipare al non-contest di Cinzia " Dai! Ci scambiamo una ricetta? ", ma mi sono segnata troppo tardi e il primo sorteggio era già stato fatto, sono stata quindi pescata in secundis, venendo assegnata al blog di Fujiko,    La ricetta della felicità . Dopo le feste, avendo mangiato tanto e sentendomi ancora gonfia e piena, non è stato facile scegliere una ricetta; i dolci li ho esclusi a priori (e Fujiko nel blog ne ha fatti molti e di buonissimi) e le ricette salate, andando di pari passo con la stagionalità, non erano tutte fattibili, come ad esempio  questa zuppa  che ho adorato da subito e che farò appena sarà il periodo delle fave fresche. Mi ero lanciata sugli  involtini di verza , avevo già tutti gli ingredienti sul piano i lavoro, la verza a sbollentare in pentola, ma poi un paio di foglie mi si son rotte e quindi ho ripiegato su un buonissimo risotto con verza e speck. L'altro giorno però, sbirciando un po' più a fo