Passa ai contenuti principali

Filetto di suino con cipolline allo zafferano e pane integrale al cavolo nero

Ieri mattina mi sono svegliata con una grandissima voglia di cucinare e visto il panino super veloce (e super buono) di sabato, mi son detta che il pranzo domenicale doveva essere qualcosa di speciale.
Ovviamente le idee erano assai confuse, il frigo era appena stato riempito e quindi le cose a disposizione erano tante, bisognava solo trovare il modo di organizzarsi.
L'unica cosa certa era l'utilizzo dello zafferano per partecipare al contest di Cinzia e Valentina, ma non avevo voglia del solito risotto dove poi dello zafferano rimane solo il colore e del gusto nemmeno l'ombra (almeno in quello che preparo io), ma io non uso tantissimo questa spezia quindi non potevo proporre nemmeno dei miei cavalli di battaglia... ma poi si è accesa la lampadina, la mia prima ricetta del blog, le triglie con cipolle allo zafferano, e allora cipolla sia! Poi il fatto che il frigo offrisse delle freschissime cipolline borretane è solo un caso o più una fortuna direi e che ci fosse anche un bel cespo di cavolo nero un'altra. Si dai, ammettiamolo, è un piatto nato strada facendo, di quelli che non te lo immagini verranno fuori così, ma speravo in un ottimo risultato e quello l'ho ottenuto.
Ad esser proprio sinceri sinceri ammetto di avere qualche problemino con il sale, non ne metto mai abbastanza e il pane è venuto un po' sciapo, ma si nota solo se mangiato da solo, insieme a tutti gli altri ingredienti era perfetto (il che mi spinge alla conclusione che qualche altro ingrediente di sale ne aveva troppo, ma visto il perfetto equilibrio del piatto è inutile indagare, no? :-P)


















Ingredienti per 2 persone: 
Per il pane:
500 g di farina integrale
1/2 panetto di lievito
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaino di sale
acqua q.b.
1 cespo di cavolo nero
4 fette di provolone dolce
sale affumicato della Danimarca
1 scalogno
olio evo
sale
peperoncino
Per le cipolle:
500 g di cipolle borretane
1 bustina di zafferano 
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1/2 bicchiere d'acqua
2 rametti di timo fresco
olio
sale e pepe
Per il filetto:
250 g di filetto di suino
sale affumicato della Danimarca e pepe
olio evo

Preparare per prima cosa l'impasto per il pane mettendo la farina integrale su una spianatoia, versare al centro l'acqua, l'olio e il lievito fresco sbriciolato. Iniziare ad impastare,  aggiungendo il sale solo in un secondo momento, fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Fare una palla, infarinarla e lasciarla lievitare in un posto caldo e asciutto fino al raddoppio del suo volume.
Nel frattempo lavare con cura i cavolo nero e tagliarlo in pezzi grossolani. Bollire in abbondante acqua salata per 20/25 minuti e scolare eliminando tutta l'acqua.
Far soffriggere uno scalogno affettato finemente e un po' di peperoncino in una padella, aggiungere il cavolo nero e fare insaporire per una decina di minuti e poi far raffreddare.
Prendere l'impasto di pane e stenderlo in un rettangolo con il mattarello. Ricoprire la superficie con parte del cavolo nero e qualche fetta di provolone dolce e arrotolarlo su se stesso. 
Mettere il rotolo su una teglia coperta di carta forno, fare dei tagli diagonali sulla superficie, spennellare con olio evo e cospargere di abbondante sale affumicato della Danimarca (anche il sale grosso normale andrà benissimo) e lasciar lievitare per un'altra mezzora, poi infornare a 200° per 45/50 minuti.
Sbucciare le cipolle (io le ho comprate già senza buccia) e soffriggerle con un filo di olio evo, aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e lasciar sfumare completamente, aggiungere infine mezzo bicchiere di acqua calda, il sale, il pepe, il timo e lasciar cuocere fino a quando il liquido non si sarà ristretto fino a diventare una salsina un po' densa.
Infine condire la carne con sale e pepe e cuocere in un filo di olio evo fino ad ottenere la cottura desiderata. 
Servire mettendo sul fondo del piatto il cavolo nero, una fetta di pane integrale, uno o più medaglioni di filetto, qualche cipollina e condire il tutto con la salsa di zafferanno al timo.

Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia del blog Essenza in cucina e di Valentina del blog My taste for food, "Colors & food, what else?", che per il mese di febbraio prevedeva lo zafferano.

Commenti

  1. Chiaraaaaaa.... ma che bello! E meno male che ti e' uscito cosi'...strada facendo! mamma mia quelle cipollineeeeee!!!!!Brava!!!!

    Un bacione e buon inizio di settimana!
    Paola

    RispondiElimina
  2. Meravigliosa la ricetta e meraviglioso l'impiattamento!! Bravissima! In bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  3. Un bellissimo piatto e una splendida presentazione...ho scoperto il tuo blog per caso e mi piace molto!E' un piacere averti scoperto =)

    RispondiElimina
  4. Adoro le cipolle borretane ma non le ho mai provate con lo zafferano...cavoli devo provare subito. Questa ricetta è veramente chiccosa ed elegante...fa veramente una gran bella figura

    RispondiElimina
  5. Ma Chiara, questo è un piccolo gioiello, e presentato così è davvero irresistibile: mi piace questo modo di fare il pane arrotolato con il fomrmaggio e la verdura! E queste cipolline allo zafferano... troppo brava, davvero!
    Grazie per la bellissima e molto creativa preparazione!! Un bacione

    RispondiElimina
  6. a volte le cose più belle accadono e nascono per caso, un po' come per questo piattino! Bravissima!

    RispondiElimina
  7. Wow! Semplicemente wow!! Mi studio bene la ricetta per rifarla, complimenti!

    RispondiElimina
  8. Una presentazione magnifica! Complimenti! Notte cara...a presto! Anna.

    RispondiElimina

Posta un commento

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Post popolari in questo blog

Fegato, cuore e polmoni di capretto con le cipolle

Sono stata qualche giorno in giro e quasi quasi mi dimentico di pubblicare la seconda ricetta per questo MTC, ma corro subito ai ripari.
Non avevo intenzione di farla, ma il capretto che avevo preso era tanto e la mattina di Pasqua ho incontrato mio cugino Sandro, che mi ha implorato di tenergli da parte del fegato da fare con le cipolle perché a lui piace da morire, ma sua moglie non lo cucina mai. E così mentre preparavo il fritto per il pranzo, ho affettato una cipolla e ho preparato la schiscetta richiesta. Che dire, con le cipolle, tante cipolle, non si sbaglia mai.

Ingredienti per 3 persone: cuore, fegato, polmoni di capretto 1 cipolla 1/2 bicchiere di vino bianco farina q.b. olio evo  sale e pepe
Sbucciare una cipolla e affettarla finemente.  Lavare accuratamente la carne, asciugarla con carta assorbente e tagliarla in piccoli boccocini di circa 2 cm. Infarinarla e scrollare bene la farina. Soffriggere i bocconcini in un giro d'olio evo, aggiungere le cipolle e sfumare con mezzo bicch…

Mini crackers alla farina di ceci

Quando ho visto questi crackers sul blog di Francesca, me ne sono davvero innamorata. Nel suo blog poi ho trovato anche una seconda ricetta, fatta mesi prima, di crackers fatti con il Philadelphia. Io non amo il burro e questo penso che ormai si sia capito, quindi ho preso la palla al balzo per unire le due creazioni di Francesca e ne ho fatto dei fantastici crackers super light con la farina di ceci e il formaggio spalmabile. Sono andata un pò a caso con gli ingredienti che avevo in casa, la farina di ceci era quasi finita, il formaggio era un avanzo da frigo, ma del risultato non sono soddisfatta, molto di più! Con la dose che ho usato io ho riempito quasi 2 teglie e purtroppo la metà sono spariti tra una cottura e l'altra tanto erano buoni! Quale migliore occasione per presentarli di una cena tra amici? Direi una cena particolare quella di ieri sera con persone che mi conoscono da una vita, con le quali si è instaurato un rapporto molto bello, tra momenti più intensi e lunghi…

Torta salata ligure alle melanzane e Prescinseua

Sabato sera sono stata a casa del mio amico Matteo.  Dopo un periodo pieno di dubbi e di ricerca di soluzioni ideali è riuscito a trovare una casetta bellissima, in un posto tranquillo, con il bosco alle spalle e un'ampia vista di fronte. Una casa a misura d'uomo, intima, su più livelli, con un grazioso soppalco che si affaccia sull'accogliente sala da pranzo e un terrazzino per guardare il cielo stellato.
Una casa condivisa con la persona che tanto ha aspettato e che finalmente lo ha preso per mano per iniziare questo cammino insieme. E finalmente siamo stati a cena nella loro casa, la serata è stata rallegrata con una buona bottiglia di vino e del cibo semplice ma delizioso. Io ho dato il mio piccolo contributo con questa torta salata svuota freezer. Lo avevo riempito prima di partire per la Sicilia, con una valanga di melanzane cotte la mattina prima di prendere l'aereo e con la prescinseua che mi aveva regalato Alessandra, per non parlare della pasta all'olio che …